Home Estero Cina e Usa rinnovano i loro attriti, Biden avverte: La Cina “mangerà il nostro pranzo”

Cina e Usa rinnovano i loro attriti, Biden avverte: La Cina “mangerà il nostro pranzo”

by Nik Cooper

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e la sua controparte cinese Xi Jinping hanno tenuto la loro prima telefonata come leader e sono apparsi in disaccordo sulla maggior parte delle questioni, anche se Xi ha avvertito che il confronto sarebbe stato un “disastro” per entrambe le nazioni.

Mentre Xi ha chiesto una cooperazione “win-win”, Biden ha definito la Cina come il “concorrente più serio” dell’America e ha promesso di “battersi” contro Pechino.

Giovedì, Biden ha detto a un gruppo bipartisan di senatori statunitensi in una riunione sulla necessità di aggiornare le infrastrutture statunitensi che gli Stati Uniti devono alzare il livello del proprio gioco di fronte alla sfida cinese.

Biden ha detto di aver parlato con Xi per due ore mercoledì sera e ha avvertito i senatori: “Se non ci muoviamo, mangeranno il nostro pranzo”.

“Stanno investendo miliardi di dollari occupandosi di tutta una serie di questioni che riguardano i trasporti, l’ambiente e tutta una serie di altre cose. Dobbiamo solo fare un passo avanti”.

La Casa Bianca ha detto che Biden ha sottolineato a Xi che era una priorità degli Stati Uniti preservare un Indo-Pacifico libero e aperto, una regione in cui gli Stati Uniti e la Cina sono i principali rivali strategici.

Ha anche espresso preoccupazioni “fondamentali” sulle pratiche commerciali “coercitive e sleali” di Pechino, nonché sulle questioni relative ai diritti umani, tra cui la repressione della Cina a Hong Kong e il trattamento dei musulmani nello Xinjiang, e le sue azioni sempre più assertive in Asia, anche nei confronti di Taiwan.

La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha detto che Biden ha anche espresso preoccupazione per la mancanza di trasparenza della Cina sul coronavirus.

Tutte le questioni relative ai diritti menzionate da Biden erano quelle da cui Pechino ha esplicitamente detto alla sua amministrazione di starne alla larga.

Xi ha detto che il confronto con Biden sarebbe stato un “disastro” e che le due parti dovrebbero ristabilire i mezzi per evitare errori di valutazione, ha detto il ministero degli Esteri cinese.

Xi ha mantenuto un tono duro su Hong Kong, Xinjiang e Taiwan, definendole questioni di “sovranità e integrità territoriale”, sperava che Washington si sarebbe avvicinata con cautela.

La chiamata è stata la prima tra i leader cinesi e statunitensi da quando Xi ha parlato con l’ex presidente Donald Trump lo scorso 27 marzo, quasi 11 mesi fa. Da allora, le relazioni tra le due maggiori economie del mondo sono precipitate.

Trump ha incolpato la Cina per aver avviato la pandemia COVID-19 e ha lanciato una serie di azioni contro la Cina, tra cui una guerra commerciale e sanzioni contro funzionari e aziende cinesi considerati minacce alla sicurezza.

Xi si è congratulato con Biden per la sua elezione in un messaggio a novembre, anche se Biden lo aveva definito un “delinquente” durante la campagna e ha promesso di guidare uno sforzo internazionale per “fare pressione, isolare e punire la Cina”.

LINEA DI COMUNICAZIONE APERTA

L’amministrazione Biden ha segnalato che manterrà la pressione su Pechino e ha approvato la determinazione dell’amministrazione Trump secondo cui la Cina ha commesso un genocidio nello Xinjiang.

Allo stesso tempo, si è impegnato ad adottare un approccio più multilaterale ed è desideroso di cooperare con Pechino su questioni come il cambiamento climatico e persuadere la Corea del Nord a rinunciare alle sue armi nucleari.

Biden ha sottolineato il rapporto che ha stabilito con Xi quando era vice presidente di Barack Obama, attraverso più di 24 ore di incontri privati ​​e 17.000 miglia di viaggio insieme.

Giovedì ha detto di aver avuto una buona conversazione con Xi e di conoscerlo bene. Tuttavia, un alto funzionario dell’amministrazione ha detto ai giornalisti prima della telefonata che Biden sarebbe stato “pratico, testardo, lucido” nei rapporti con Xi.

Allo stesso tempo, ha detto il funzionario, Biden voleva assicurarsi di avere l’opportunità di avere una linea di comunicazione aperta.

I funzionari cinesi hanno espresso un certo ottimismo che le relazioni bilaterali miglioreranno sotto Biden e hanno esortato Washington a incontrare Pechino a metà strada.

Le letture dell’invito da entrambe le parti hanno menzionato le aree per una potenziale cooperazione, perfezionando il cambiamento climatico e combattendo COVID-19.

Il ministero degli Esteri cinese ha detto che Xi ha citato a Biden le affermazioni del presidente degli Stati Uniti che “l’America può essere definita in una parola: possibilità”.

“Speriamo che le possibilità ora puntino verso un miglioramento di relazioni tra Cina e Stati Uniti”, ha citato Xi.

Un funzionario degli Stati Uniti ha detto che Washington era in una posizione di forza dopo le consultazioni con alleati e partner per esporre le preoccupazioni sulle “attività aggressive e gli abusi” della Cina.

Ha detto che l’amministrazione cercherà nei prossimi mesi di aggiungere “nuove restrizioni mirate” alle esportazioni di tecnologie sensibili in Cina e anche che non ci saranno mosse rapide per aumentare le tariffe dell’amministrazione Trump sulle importazioni cinesi.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento