Home Attualità Bce: Il capitale di Monte dei Paschi potrebbe essere spazzato via dal crollo

Bce: Il capitale di Monte dei Paschi potrebbe essere spazzato via dal crollo

by Freelance

Di Mirko Fallacia

Tutto il capitale di Monte dei Paschi potrebbe essere stato spazzato via da un lungo crollo, come mostra lo stress test di venerdì delle banche dell’Unione Europea.

L’esercizio dell’Autorità bancaria europea ha mostrato che le banche dell’UE hanno subito un colpo di 265 miliardi di euro in un test della loro resilienza agli shock economici, che le ha lasciate ancora con due terzi delle loro riserve intatte.

L’EBA ha testato la resilienza di 50 principali istituti di credito agli shock economici, sebbene non vi sia alcun segno formale di approvazione o fallimento.

Nello scenario più difficile che va dai tre anni al 2023, che ha causato una prolungata ricaduta del COVID, il core ratio aggregato tra capitale e attività ponderate per il rischio è diminuito di quasi 500 punti base, portando il rapporto da 10,2% al 15%.

Monte dei Paschi, invece, ha chiuso il test con un coefficiente patrimoniale core inferiore allo 0,1%, la peggiore performance. UniCredit è arrivata al 9,59%.

Monte dei Paschi ha detto che avrebbe avuto un core ratio del 6,6% dopo la sua proposta di aumento di capitale da 2,5 miliardi di euro. La banca aveva anche ottenuto i peggiori risultati nello stress test dell’UE cinque anni fa, a dimostrazione di come i problemi radicati della banca più antica del mondo debbano ancora essere risolti.

Nessuna delle altre banche italiane testate – Mediobanca, Banco BPM e Intesa Sanpaolo – ha raggiunto l’aggregato settoriale del 10%, anche se molte erano molto vicine.

Tra le principali banche, la francese Credit Agricole e la BPCE e la olandese ING hanno mostrato le maggiori riserve di capitale rispetto ai requisiti, dando loro spazio per maggiori pagamenti tramite dividendi e riacquisti.

Credit Agricole aveva 565 punti base di capitale in eccesso, seguito da BPCE a 475 punti base e ING a 440 punti base.

Le banche d’investimento Deutsche Bank e Société Générale hanno registrato prestazioni al di sotto della media nello scenario avverso, con punteggi rispettivamente del 7,56% e del 7,73%. BNP Paribas si è attestato all’8,28%, con Commerzbank all’8,52%.

“Questo risultato è tanto più incoraggiante perché la forte crescita degli utili che abbiamo conseguito nella prima metà del 2021 non si riflette in questo esercizio”, ha affermato il direttore finanziario di Deutsche, James von Moltke.

Solo una delle quattro banche spagnole testate, Bankinter, ha superato il 10%. I risultati dei test, che sono stati ritardati rispetto allo scorso anno a causa del COVID-19, sono visti come fondamentali per le banche che riprendono il pagamento dei dividendi, che sono stati bloccati durante la pandemia al fine di conservare il capitale.

La Banca centrale europea ha affermato che i risultati dello stress test hanno mostrato che il sistema bancario dell’area dell’euro è resiliente di fronte a uno scenario macroeconomico impegnativo.

Il test separato della BCE su 51 istituti di credito di medie dimensioni non inclusi nell’esercizio EBA ha mostrato un calo medio del capitale dal 18,1% all’inizio del test all’11,3% alla fine.

Tre le principali banche greche vi erano quelle i cui livelli di capitale sono scesi al di sotto dell’8% entro la fine del test della BCE, così come la portoghese Novo Banco, la Bank of Cyprus, l’italiana Carige e la Banque Internationale Luxembourg.

Dopo il divieto dei dividendi imposto dalla BCE lo scorso anno, che dovrebbe essere revocato, alcune banche questa settimana hanno già iniziato a guidare gli azionisti sui dividendi e la Bce ha affermato che ciò non sarebbe stato possibile senza che i finanziatori fossero usciti indenni dallo stress test.

Le banche più focalizzate sul mercato interno hanno subito maggiori colpi al capitale nel test rispetto ai loro omologhi transfrontalieri.

Il risultato complessivo è visto dai regolatori dell’UE come in linea con gli stress test della Federal Reserve e della Bank of England.

Marco Troiano, analista dell’agenzia di rating del credito Scope, ha affermato che l’esaurimento del capitale in ciascuna banca nello scenario più difficile del test sarà attentamente esaminato e potrebbe potenzialmente portare a acquisizioni ostili.

Il mese scorso, le banche statunitensi hanno superato uno stress test della Federal Reserve e non dovranno più affrontare le restrizioni sui pagamenti dell’era della pandemia.

Sebbene il test UE non sia stato superato o meno, i risultati saranno utilizzati dal supervisore della banca, che è la Banca centrale europea nella zona euro, per determinare i requisiti patrimoniali.

Gli stress test, che ora si tengono ogni due anni nell’UE, sono stati introdotti ogni anno all’indomani della crisi finanziaria globale di oltre un decennio fa, che ha costretto i contribuenti a salvare le banche sottocapitalizzate.

All’inizio, i risultati positivi o negativi sono stati utilizzati per colmare le lacune patrimoniali, ma quando i finanziatori sono diventati sufficientemente capitalizzati, le autorità di vigilanza hanno abbandonato le soglie e hanno utilizzato l’esercizio per individuare le vulnerabilità e modellare la supervisione.

Il test di venerdì è stato il primo a non includere i finanziatori del Regno Unito a causa dell’uscita della Gran Bretagna dall’UE lo scorso dicembre.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento