Home Attualità Bologna: Soldi e salumi al giudice, Levoni viene condannato

Bologna: Soldi e salumi al giudice, Levoni viene condannato

by Freelance

Di Gaia Marino

Sono state emesse sette condanne nella sentenza del Tribunale di Bologna per l’ennesimo scandalo che coinvolge la giustizia tributaria.

Sono finiti sotto accusa imprenditori, magistrati, professionisti e dipendenti dell’Agenzia delle entrate e di Equitalia. Secondo gli inquirenti, alcune consulenze venivano ricompensate addirittura con salumi.

Il processo ha visto sotto accusa 13 persone, per corruzione, per accesso abusivo a sistema informatico e rivelazione di segreto d’ufficio. E’ finito sotto la lente degli investigatori anche il giudice tributario Carlo Alberto Menegatti, oramai deceduto, e l’imprenditore Sante Levoni, condannato a un anno e mezzo, titolare della ditta modenese di salumi Levoni.

L’inchiesta diretta dal procuratore aggiunto Morena Plazzi venne aperta nel 2016. Il traffico di consulenze illecite veniva fornito da Menegatti, componente della Commissione tributaria dell’Emilia-Romagna, a vari imprenditori e titolari di società su ricorsi pendenti col Fisco.

Secondo la Guardia di finanza, le consulenze, fornite tra l’estate 2015 e il 2016, venivano fatte in cambio di denaro e di prodotti alimentari di elevato valore commerciale.

Levoni era stato accusato di aver elargito soldi e salumi in cambio della consulenza che riguardava la decisione di trasferire la residenza a Montecarlo e su alcuni accertamenti fiscali a carico della società Globalcarni. La Procura afferma che Menegatti “si attivava per fornire informazioni riservate in merito alla sezione e ai giudici assegnatari”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento