Home Attualità Aerei israeliani colpiscono siti di lancio di razzi in Libano

Aerei israeliani colpiscono siti di lancio di razzi in Libano

by Freelance

Di Gaia Marino

I jet israeliani hanno colpito siti di lancio di razzi in Libano giovedì in risposta a due razzi lanciati verso Israele dal territorio libanese, secondo i miliatari israeliani. Dopo che l’escalation delle ostilità transfrontaliere ragginge un maggiore attrito con l’Iran.

I razzi lanciati mercoledì dal Libano hanno colpito aree aperte nel nord di Israele, provocando incendi lungo la frontiera collinare. Non c’è stata alcuna rivendicazione di responsabilità per l’attacco, che è arrivato da un’area del sud del Libano sotto l’influenza dei guerriglieri di Hezbollah sostenuti dall’Iran.

Israele ha risposto con diversi colpi di artiglieria mercoledì prima di lanciare attacchi aerei giovedì, hanno detto i militari.

“Aerei da combattimento (militari) hanno colpito i siti di lancio e le infrastrutture utilizzate per terrorizzare il Libano da cui sono stati lanciati i razzi”, hanno detto i militari in una nota, aggiungendo che hanno colpito anche un’area che aveva lanciato razzi in passato.

Mentre la TV al-Manar di Hezbollah ha riferito dell’azione israeliana, il gruppo stesso non ha ancora rilasciato alcuna dichiarazione.

Poco dopo gli attacchi, al-Manar TV ha affermato che gli aerei da guerra israeliani hanno effettuato due raid alla periferia della città libanese di Mahmudiya, a circa 12 km dal confine israeliano. Non ci sono state segnalazioni di vittime fortunatamente.

Il presidente libanese Michel Aoun ha affermato che gli attacchi aerei di Israele sono stati i primi a colpire i villaggi libanesi dal 2006 e hanno mostrato un’escalation nel suo “intento aggressivo”.

Aoun ha anche affermato in un tweet che gli attacchi sono stati una minaccia diretta alla sicurezza e alla stabilità del Libano meridionale e hanno violato le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Parlando a YNet TV israeliana, il ministro della Difesa Benny Gantz ha dichiarato: “Questo è stato un attacco inteso a inviare un messaggio… Chiaramente potremmo fare molto di più, e speriamo di non arrivare a questo”.

Gantz ha detto che credeva che una fazione palestinese avesse lanciato i razzi. Piccole fazioni palestinesi in Libano hanno sparato sporadicamente su Israele in passato.

Il confine è stato per lo più tranquillo da quando Israele ha combattuto una guerra nel 2006 contro Hezbollah, che ha lanciato razzi.

L’estate scorsa gli aerei israeliani hanno colpito le postazioni di Hezbollah nella zona di confine. Israele afferma che il suo aereo ha colpito per l’ultima volta in Libano nel 2014, anche se al-Manar TV ha riportato uno di questi attacchi nel 2015.

L’incendio transfrontaliero di questa settimana è arrivato dopo un sospetto attacco di droni su una petroliera al largo della costa dell’Oman che Israele, Stati Uniti e Gran Bretagna hanno attribuito all’Iran. Due membri dell’equipaggio, un britannico e un rumeno, sono stati uccisi. L’Iran ha negato qualsiasi coinvolgimento.

Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno dichiarato domenica che lavoreranno con i loro alleati per rispondere all’attacco. Israele dice che sta mantenendo aperta l’opzione di agire da solo, se necessario. Anche se una guerra contro Iran e Siria non sembra oramai cosa lontana, dopo l’attacco del presidente Biden del 26 febbraio scorso.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento