Home Approfondimenti 28 gennaio 1986: Lo space shuttle Challenger esplode dopo il decollo

28 gennaio 1986: Lo space shuttle Challenger esplode dopo il decollo

by Freelance

Di Eugenio Magnoli

Alle 11:38 del 28 gennaio 1986, la navetta spaziale Challenger decolla da Cape Canaveral, in Florida, e Christa McAuliffe sta per diventare la prima civile americana ordinaria a viaggiare nello spazio. McAuliffe, un’insegnante di studi sociali di 37 anni del New Hampshire, ha vinto un concorso che le è valso un posto tra i sette membri dell’equipaggio del Challenger.

Ha subito mesi di addestramento allo shuttle ma poi, a partire dal 23 gennaio, è stata costretta ad aspettare sei lunghi giorni poiché il conto alla rovescia per il lancio del Challenger è stato ripetutamente ritardato a causa di problemi tecnici e meteorologici. Finalmente, il 28 gennaio, la navetta è decollata.

Settantatré secondi dopo, sotto gli occhi della famiglia di Christa, la navetta si rompeva in un pennacchio biforcuto di fumo e fuoco. Altri milioni hanno guardato la straziante tragedia svolgersi in diretta televisiva. Non c’erano sopravvissuti.

Nel 1976, la National Aeronautics and Space Administration (NASA) ha presentato il primo veicolo spaziale con equipaggio riutilizzabile al mondo, l’Enterprise. Cinque anni dopo, i voli spaziali della navetta iniziarono quando la Columbia viaggiò nello spazio per una missione di 54 ore.

Lanciato da due propulsori a razzo solido e un carro armato esterno, solo lo shuttle simile a un aereo entrò in orbita attorno alla Terra. Quando la missione fu completata, lo shuttle accese i motori per ridurre la velocità e, dopo essere sceso nell’atmosfera, atterrò come un aliante.

Le prime navette portarono nello spazio apparecchiature satellitari e condussero vari esperimenti scientifici. Il disastro del Challenger è stato il primo grave incidente con lo shuttle.

All’indomani del disastro, il presidente Ronald Reagan ha nominato una commissione speciale per determinare cosa fosse andato storto con il Challenger e per sviluppare future misure correttive. La commissione presidenziale era guidata dall’ex segretario di stato William Rogers e comprendeva l’ex astronauta Neil Armstrong e l’ex pilota collaudatore Chuck Yeager.

L’inchiesta ha stabilito che il disastro è stato causato dal guasto di una guarnizione “O-ring” in uno dei due razzi a combustibile solido. L’O-ring elastico non ha risposto come previsto a causa del freddo al momento del lancio, che ha dato inizio a una catena di eventi che ha provocato la perdita massiccia. Di conseguenza, la NASA non ha inviato astronauti nello spazio per più di due anni poiché ha ridisegnato una serie di caratteristiche dello space shuttle.

Nel settembre 1988, i voli dello space shuttle ripresero con il lancio di successo della Discovery. Da allora, lo space shuttle ha svolto numerose importanti missioni, come la riparazione e la manutenzione del telescopio spaziale Hubble e la costruzione della Stazione Spaziale Internazionale.

Il 1° febbraio 2003, un secondo disastro dello space shuttle ha scosso gli Stati Uniti quando la Columbia si è disintegrata al rientro nell’atmosfera terrestre. Morirono tutti. Nonostante i timori che i problemi che hanno abbattuto la Columbia non fossero stati affrontati in modo soddisfacente, i voli dello space shuttle sono ripresi il 26 luglio 2005, quando la Discovery è stata nuovamente messa in orbita.

Il programma Space Shuttle si è formalmente concluso il 31 agosto 2011 dopo la sua missione finale, STS-135 volata da Atlantis, nel luglio 2011.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento