Home Attualità 02 aprile 2005: Muore Papa Giovanni Paolo II

02 aprile 2005: Muore Papa Giovanni Paolo II

by Freelance

Di Eugenio Magnoli

Il 2 aprile 2005, Giovanni Paolo II, il papa che ha viaggiato di più nella storia e il primo non italiano a ricoprire la carica dal XVI secolo, muore. Sei giorni dopo, due milioni di persone hanno riempito la Città del Vaticano per il suo funerale, che si dice sia stato il più grande funerale della storia.

Giovanni Paolo II è nato Karol Jozef Wojtyla a Wadowice, in Polonia, 35 miglia a sud-ovest di Cracovia, nel 1920. Dopo il liceo, il futuro papa si è iscritto all’Università Jagellonica di Cracovia, dove ha studiato filosofia e letteratura e si è esibito in un gruppo teatrale. Durante la seconda guerra mondiale, i nazisti occuparono Cracovia e chiusero l’università, costringendo Wojtyla a cercare lavoro in una cava e, in seguito, in una fabbrica chimica. Nel 1941, sua madre, suo padre e l’unico fratello erano morti tutti, lasciandolo come unico membro sopravvissuto della sua famiglia.

Sebbene Wojtyla fosse stato coinvolto nella chiesa per tutta la sua vita, fu solo nel 1942 che iniziò la formazione in seminario. Quando la guerra finì, tornò a scuola a Jagellonica per studiare teologia, diventando sacerdote ordinato nel 1946. Completò due dottorati e divenne professore di teologia morale ed etica sociale. Il 4 luglio 1958, all’età di 38 anni, fu nominato vescovo ausiliare di Cracovia da Papa Pio XII.

In seguito divenne arcivescovo della città, dove parlò per la libertà religiosa mentre la chiesa iniziò il Concilio Vaticano II, che avrebbe rivoluzionato il cattolicesimo. È stato nominato cardinale nel 1967, assumendo le sfide di vivere e lavorare come prete cattolico nell’Europa orientale comunista. Una volta che gli è stato chiesto se temesse ripercussioni da parte dei leader comunisti, ha risposto: “Non ho paura di loro. Hanno paura di me”.

Wojtyla stava lentamente costruendo una reputazione come un potente predicatore e un uomo di grande intelletto e carisma. Tuttavia, quando Papa Giovanni Paolo I morì nel 1978 dopo solo 34 giorni di regno, pochi sospettavano che Wojtyla sarebbe stato scelto per sostituirlo. Ma, dopo sette turni di ballottaggio, il Sacro Collegio dei Cardinali ha scelto il 58enne, che è diventato il primo papa slavo in assoluto e il più giovane ad essere scelto in 132 anni.

Pontefice conservatore, il papato di Giovanni Paolo II è stato segnato dalla sua ferma e incrollabile opposizione al comunismo e alla guerra, oltre che all’aborto, alla contraccezione, alla pena capitale e al sesso omosessuale. Successivamente si è pronunciato contro l’eutanasia, la clonazione umana e la ricerca sulle cellule staminali. Ha viaggiato molto come papa, usando le otto lingue che parlava (polacco, italiano, francese, tedesco, inglese, spagnolo, portoghese e latino) e il suo noto fascino personale, per entrare in contatto con i fedeli cattolici.

Il 13 maggio 1981, Papa Giovanni Paolo II è stato colpito in Piazza San Pietro da un estremista politico turco, Mehmet Ali Agca. Dopo il suo rilascio dall’ospedale, il papa ha visitato notoriamente il suo aspirante assassino in prigione, dove aveva iniziato a scontare una condanna a vita, e lo ha perdonato personalmente per le sue azioni. L’anno successivo, un altro fallito attentato alla vita del papa, questa volta da parte di un prete fanatico che si opponeva alle riforme del Vaticano.

Sebbene non sia stato confermato dal Vaticano fino al 2003, molti credono che Papa Giovanni Paolo II abbia iniziato a soffrire di morbo di Parkinson all’inizio degli anni ’90. Ha iniziato a parlare in modo confuso e ha avuto difficoltà a camminare, anche se ha continuato a mantenere un programma di viaggio fisicamente impegnativo. Negli ultimi anni fu costretto a delegare molti dei suoi doveri ufficiali, ma trovò comunque la forza di parlare ai fedeli da una finestra in Vaticano. Nel febbraio 2005 il papa è stato ricoverato in ospedale per complicazioni influenzali. Morì due mesi dopo.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento