Home Cronaca Putin dichiara guerra: “I nostri piani non includono l’occupazione. Non imporremo nulla con la forza”.

Putin dichiara guerra: “I nostri piani non includono l’occupazione. Non imporremo nulla con la forza”.

by Nik Cooper

Le forze russe hanno sparato missili in diverse città dell’Ucraina e hanno fatto sbarcare le truppe sulla sua costa meridionale giovedì dopo che il presidente Vladimir Putin ha autorizzato quella che ha definito un’operazione militare speciale nell’est.

Poco dopo che Putin ha parlato in un discorso televisivo alla TV di stato russa, si sono potute sentire esplosioni nella quiete prima dell’alba della capitale ucraina di Kiev.

Gli spari sono scoppiati vicino all’aeroporto principale della capitale, ha detto l’agenzia di stampa Interfax, e le sirene sono state udite sopra la città.

“Putin ha appena lanciato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina. Le pacifiche città ucraine sono sotto sciopero”, ha dichiarato su Twitter il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba.

“Questa è una guerra di aggressione. L’Ucraina si difenderà e vincerà. Il mondo può e deve fermare Putin. Il momento di agire è ora”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, reagendo a un’invasione che gli Stati Uniti avevano previsto da settimane, ha affermato che le sue preghiere erano con il popolo ucraino “mentre subisce un attacco non provocato e ingiustificato da parte delle forze militari russe”.

La Russia ha chiesto la fine dell’espansione verso est della NATO e Putin ha ribadito la sua posizione secondo cui l’adesione dell’Ucraina all’alleanza militare atlantica guidata dagli Stati Uniti sarebbe stata una grave violazione inaccettabile.

Ha detto di aver autorizzato l’azione militare dopo che alla Russia non aveva avuto altra scelta che difendersi da quelle che secondo lui erano minacce provenienti dall’Ucraina moderna, uno stato democratico di 44 milioni di persone.

“La Russia non può sentirsi al sicuro, svilupparsi ed esistere con una minaccia costante proveniente dal territorio dell’Ucraina moderna”, ha detto Putin.

“Tutta la responsabilità dello spargimento di sangue ricadrà sulla coscienza del regime al potere in Ucraina”.

L’intera portata dell’operazione militare russa non è stata immediatamente chiara.

Ma Putin ha affermato di aver ordinato alle forze russe di proteggere la popolazione e ha fatto appello all’esercito ucraino di deporre le armi.

Il presidente russo dice che l’operazione è stata fatta “per proteggere il Donbass. I piani di Mosca non includono l’occupazione del Paese ma la sua smilitarizzazione e denazificazione. Un’ulteriore espansione della Nato e il suo uso del territorio ucraino sono inaccettabili, mentre gli Stati Uniti rifiutano di trattare sulle nostre richieste di sicurezza”.

E poi minaccia coloro che potrebbero essere tentati di intervenire dall’esterno negli eventi in corso. “Chiunque tenti di interferire con noi – dice Putin – e ancor di più di creare minacce al nostro Paese, al nostro popolo, dovrebbe sapere che la risposta della Russia sarà immediata e porterà a conseguenze come non sono state sperimentato nella storia. Siamo pronti per qualsiasi sviluppo di eventi. Tutte le decisioni necessarie al riguardo sono state prese. Spero di essere ascoltato”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha affermato che la Russia ha effettuato attacchi missilistici contro le infrastrutture e le guardie di frontiera ucraine hanno detto che sono state udite esplosioni in molte città.

E’ stata dichiarata la legge marziale e i riservisti sono stati richiamati ieri.

I media hanno riferito che i centri di comando militare a Kiev e nella città di Kharkiv nel nord-est erano stati colpiti da missili mentre le truppe russe erano sbarcate nelle città portuali meridionali di Odessa e Mariupol. Dove sono state udite tre forti esplosioni.

I separatisti sostenuti dalla Russia hanno affermato di aver lanciato un’offensiva contro la città di Shchastia, controllata dall’Ucraina, a est, ha affermato l’agenzia di stampa russa Interfax, e le esplosioni hanno anche scosso la città separatista dell’Ucraina orientale di Donetsk.

Ore prima, i separatisti hanno lanciato un appello a Mosca per chiedere aiuto per fermare la presunta aggressione ucraina, affermazioni che gli Stati Uniti hanno respinto come propaganda russa.

Le azioni globali e i rendimenti obbligazionari statunitensi sono crollati, mentre il dollaro e l’oro sono saliti alle stelle dopo il discorso di Putin. Il petrolio Brent ha superato i 100 dollari al barile per la prima volta dal 2014.

Biden ha detto che Putin aveva scelto una guerra premeditata che avrebbe portato una catastrofica perdita di vite umane e sofferenza.

“La sola Russia è responsabile della morte e della distruzione che questo attacco porterà, e gli Stati Uniti, i loro alleati e partner risponderanno in modo unito e deciso. Il mondo riterrà la Russia responsabile”, ha affermato.

Nonostante abbia escluso di mettere le truppe statunitensi in Ucraina, ha detto che giovedì annuncerà ulteriori sanzioni contro la Russia, oltre alle misure finanziarie imposte questa settimana.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha condannato fermamente “l’attacco sconsiderato e non provocato” della Russia all’Ucraina e ha affermato che gli alleati della NATO si sarebbero incontrati per affrontare le conseguenze delle “azioni aggressive” di Mosca.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha rivolto un appello dell’ultimo minuto a Putin per fermare la guerra “in nome dell’umanità”, dopo che il leader russo ha annunciato l’operazione militare.

“Il presidente Putin, in nome dell’umanità, riporti le sue truppe in Russia”, ha detto Guterres, parlando dopo la riunione del Consiglio di sicurezza.

Le conseguenze di una guerra sarebbero devastanti per l’Ucraina e di vasta portata per l’economia globale, ha affermato.

Vladimir Putin ha annunciato una speciale “operazione militare speciale” in Ucraina, scatenando un bombardamento delle città ucraine che minaccia di spingere l’Europa nel suo più grande conflitto dalla seconda guerra mondiale.

Dopo la sua dichiarazione di guerra poco prima delle 6 del mattino, ora di Mosca, il governo ucraino ha riferito di attacchi missilistici contro strutture militari nelle città di Kiev, Kharkiv e Dnipro, nonché di artiglieria al confine.

Le conseguenze di una guerra sarebbero devastanti per l’Ucraina e di vasta portata per l’economia globale. L’inviato russo delle Nazioni Unite ha affermato che il suo paese non è stato aggressivo contro il popolo ucraino, ma contro la “giunta” di Kiev.

L’Ucraina ha precedentemente limitato i voli civili nel suo spazio aereo dopo che un monitor della zona di conflitto ha avvertito che le compagnie aeree dovrebbero interrompere i sorvoli per il rischio di un abbattimento non intenzionale o di un attacco informatico.

I bombardamenti si erano intensificati da lunedì, quando Putin ha riconosciuto due regioni separatiste come indipendenti e ha ordinato il dispiegamento di quelle che ha chiamato forze di pace, una mossa che l’Occidente ha definito l’inizio di un’invasione.

In risposta all’annuncio di Putin lunedì, i paesi occidentali e il Giappone hanno imposto sanzioni alle banche e agli individui russi, ma hanno tenuto a bada le misure più dure fino all’inizio di un’invasione.

Gli Stati Uniti hanno intensificato la pressione mercoledì imponendo sanzioni alla società russa che costruisce il gasdotto Nord Stream 2 e ai suoi dirigenti aziendali.

Martedì la Germania ha congelato le approvazioni per il gasdotto, che è stato costruito ma non era operativo, temendo che potesse consentire a Mosca di armare le forniture energetiche all’Europa.

“Oggi abbiamo bisogno di calma da parte di ciascuno di voi. Resta a casa se possibile. Stiamo lavorando, l’esercito sta lavorando, l’intero apparato di sicurezza dell’Ucraina sta funzionando”, dice Zelenskiy.

Il ministro della Difesa Oleksii Reznikov ha affermato che le forze ucraine erano direttamente impegnate con l’esercito russo e Kuleba ha chiesto sanzioni “devastanti” contro la Russia e la consegna di armi all’esercito ucraino.

Vitaly Klitschko, sindaco di Kiev ed ex campione di pugilato dei pesi massimi, ha detto alle persone di avere una valigia di emergenza pronta nel caso avessero bisogno di mettersi al riparo.

Cercando un pretesto per giustificare la sua invasione, Putin ha detto che stava cercando di prevenire un genocidio contro i russofoni e ha promesso una “smilitarizzazione e de-nazificazione dell’Ucraina”.

Putin ha sfacciatamente affermato che i suoi piani “non includono l’occupazione del territorio ucraino, non imporremo nulla a nessuno con la forza”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento