Home Attualità Orban si oppone alle nuove sanzioni dell’UE contro la Russia per preservare l’interesse nazionale

Orban si oppone alle nuove sanzioni dell’UE contro la Russia per preservare l’interesse nazionale

by Freelance

Di Gaia Marino

L’Ungheria non può sostenere il nuovo pacchetto di sanzioni dell’Unione europea, che include un embargo sulle importazioni di petrolio, nella sua forma attuale, ha affermato venerdì il primo ministro Viktor Orban.

Orban ha affermato che l’attuale proposta della Commissione europea che vieta le importazioni di petrolio russo equivarrebbe a una “bomba atomica” lanciata sull’economia ungherese, aggiungendo che l’Ungheria è pronta a negoziare se vede una nuova proposta che soddisfi gli interessi ungheresi.

Mercoledì l’esecutivo dell’Unione Europea ha proposto il più duro pacchetto di sanzioni contro Mosca per la sua guerra in Ucraina, ma diversi paesi preoccupati per l’impatto del taglio delle importazioni di petrolio dalla Russia hanno ostacolato l’accordo.

Una manciata di paesi dell’est dell’UE teme che lo stop non darebbe loro il tempo sufficiente per adattarsi, anche se i diplomatici hanno affermato che l’Ungheria e la Slovacchia avrebbero avuto fino alla fine del 2023.

Orban ha detto alla radio di stato che l’Ungheria avrebbe bisogno di 5 anni e avrebbe fatto enormi investimenti nelle sue raffinerie e oleodotti per poter trasformare il suo attuale sistema che si basa per circa il 65% sul petrolio russo.

“Sappiamo esattamente di cosa abbiamo bisogno, prima di tutto abbiamo bisogno di 5 anni per completare l’intero processo”, ha detto Orban, aggiungendo che anche l’Ungheria avrebbe bisogno di ingenti investimenti in raffinerie e il sistema di spedizione per consentire l’importazione di petrolio non russo.

Orban si è chiesto se fosse saggio fare investimenti su quella scala per un risultato tra 4 e 5 anni, mentre la guerra in Ucraina stava accadendo ora.

Ha detto che l’Ungheria era in attesa di vedere una nuova proposta dalla Commissione.

“Non voglio confrontarmi con l’UE ma collaborare… ma questo è possibile solo se tengono conto dei nostri interessi”.

Orban ha anche affermato che l’Ungheria non sosterrà l’inserimento nella lista nera del capo della Chiesa ortodossa russa alleata del Cremlino, il patriarca Kirill, poiché si trattava di una “questione di libertà religiosa”.

Ha ribadito la posizione dell’Ungheria di non inviare armi nella vicina Ucraina poiché quelle spedizioni diventerebbero bersagli di attacchi russi nell’area oltre il confine nell’Ucraina occidentale dove vivono gli ungheresi etnici, ha affermato.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento