Home Attualità L’UE pensa di sospendere il divieto del petrolio russo ma l’Ungheria non approva

L’UE pensa di sospendere il divieto del petrolio russo ma l’Ungheria non approva

by Nik Cooper

I diplomatici Ue stanno valutando un’opzione radicale per aggirare la riluttanza del primo ministro ungherese Viktor Orbán a vietare il petrolio russo: parcheggiare il piano.

Un’idea che circola a Bruxelles vedrebbe altri elementi del sesto pacchetto di sanzioni alla Russia dell’UE, con il sostegno di tutti i 27 paesi membri.

Ma il divieto totale di tutte le importazioni di greggio russo e combustibili raffinati potrebbe essere messo da parte per ora, mentre i lavori continuano su un accordo di compromesso che l’Ungheria potrebbe accettare, hanno detto i diplomatici dell’UE.

Un tale ritardo rappresenterebbe una grave battuta d’arresto per gli Usa. In particolare, sarebbe un duro colpo per la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che il 4 maggio aveva proposto il divieto totale di tutte le importazioni di petrolio russo in una bozza del sesto pacchetto di sanzioni.

Il fatto che i diplomatici stiano considerando un passo così drammatico mostra quanto sia difficile per l’UE intensificare la sua offensiva economica contro il Cremlino e quanto sia doloroso svezzarsi dall’energia russa.

L’interruzione del mercato dell’UE per i combustibili fossili russi è considerata a Bruxelles un passo fondamentale per limitare un flusso fondamentale di entrate che sta contribuendo a finanziare la guerra di Putin.

Tuttavia, per paesi senza sbocco sul mare come Ungheria e Slovacchia, che dipendono fortemente dalle forniture di petrolio russo tramite gasdotti, vietare il greggio sarà doloroso.

La Commissione ha cercato di raggiungere compromessi con Orbán, ma finora il suo governo afferma che ha bisogno di più tempo – e potenzialmente più denaro – prima di poter concordare.

“C’è davvero un’idea in sospeso per dividere il pacchetto poiché siamo d’accordo sul 90% di esso, quindi andare avanti con tutto tranne il divieto del petrolio”, ha affermato un diplomatico dell’UE.

“È frustrante non poter andare avanti con le cose concordate. Allora perché non farlo in questo modo, essere pragmatici e poi continuare la discussione sull’energia?”

Il diplomatico ha aggiunto che separare il divieto del petrolio dal resto del pacchetto di sanzioni “manderebbe un cattivo segnale” e potrebbe essere contrastato da altri paesi per questo motivo.

I diplomatici si incontreranno venerdì, anche se non è ancora chiaro se discuteranno del pacchetto di sanzioni alla Russia.

Un altro diplomatico dell’UE ha affermato che sarebbe meglio approvare il resto del nuovo pacchetto di sanzioni il più rapidamente possibile e tornare al divieto del petrolio in una fase successiva.

Sarebbe anche meglio concordare sul 90 per cento della proposta di divieto del petrolio piuttosto che su niente, ha affermato il diplomatico.

Un’opzione potrebbe potenzialmente implicare la separazione delle parti più controverse del divieto petrolifero e il proseguimento con altri elementi del piano che l’Ungheria potrebbe sostenere.

Budapest ha precedentemente suggerito che le consegne tramite gasdotto dovrebbero continuare a essere consentite, con sanzioni limitate al petrolio fornito via mare.

Tuttavia, qualsiasi diluizione del pacchetto petrolifero sarebbe dannoso per la credibilità dell’UE, soprattutto dopo che von der Leyen e altri leader politici sono stati così chiari che colpire l’industria petrolifera di Putin è vitale.

Il resto del pacchetto di sanzioni include misure contro la propaganda, i lobbisti e i consulenti filo-russi, nonché Sberbank, la più grande banca russa.

Ma il cuore del pacchetto doveva sempre essere uno sciopero contro l’industria energetica del Cremlino.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento