Home Cronaca L’estrema destra polacca marcia per il Giorno dell’Indipendenza, nonostante il divieto del tribunale

L’estrema destra polacca marcia per il Giorno dell’Indipendenza, nonostante il divieto del tribunale

by Freelance

Di Mirko Fallacia

Migliaia di simpatizzanti di estrema destra dovrebbero marciare attraverso Varsavia giovedì in un raduno annuale per il Giorno dell’Indipendenza dopo che i governanti nazionalisti polacchi hanno contribuito a contestare il divieto del tribunale sull’evento.

I critici affermano che nel dare una mano alla marcia dell’11 novembre, un evento contrassegnato da occasionali violenze, il governo Law and Justice (PiS) sta dando un esplicito sostegno all’estrema destra, mentre la Polonia affronta una pressione migratoria senza precedenti lungo il suo confine orientale.

È anche diventato un punto di attrito tra l’opposizione liberale da un lato e il governo PiS e gli organizzatori di estrema destra dall’altro, poiché i critici accusano il PiS di fomentare sentimenti anti-migranti e omofobia.

“Il PiS si è… assunto la responsabilità di qualsiasi cosa accada durante la marcia, ogni rissa, ogni incendio doloso”, ha detto su Twitter il gruppo di opposizione di sinistra.

Una portavoce di PiS ha rifiutato di commentare se PiS sta approvando la marcia e ha rivolto domande a un’agenzia di veterani che ha fatto l’annuncio formale.

Gli organizzatori hanno promesso che la marcia si sarebbe tenuta in onore degli ufficiali in uniforme che avrebbero agito come “protettori del confine” e avrebbe sottolineato l’importanza di proteggere la sovranità della Polonia contro gli intrusi.

In un’escalation di una crisi di confine che minaccia di attirare Russia e NATO, mercoledì l’Unione Europea ha accusato la Bielorussia di aver organizzato un “attacco ibrido” costringendo le persone a entrare in Polonia, aprendo la strada a nuove sanzioni contro Minsk.

La Polonia affronta anche il suo peggior conflitto con l’UE da anni a causa delle accuse di sovvertire lo stato di diritto.

Le autorità cittadine di Varsavia hanno contestato la registrazione della marcia in tribunale e hanno vinto sia la causa di primo grado che l’appello. Il sindaco della capitale ha affermato che la marcia sarebbe illegale se dovesse andare avanti.

Martedì, il capo dell’Ufficio per i veterani di guerra e le vittime dell’oppressione ha dichiarato di aver dato uno status formale alla marcia, consentendole quindi di andare avanti, definendo “incomprensibile” la decisione del sindaco di Varsavia.

Alla marcia sono attesi rappresentanti di altri gruppi di estrema destra europei, tra cui il Partito ungherese per la nostra patria (Mi Hazank).

La marcia arriva mentre la Polonia è nel mezzo di una quarta ondata di pandemia di coronavirus.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento