Home Estero Lavrov effettua la sua prima visita in Cina dall’invasione russa dell’Ucraina

Lavrov effettua la sua prima visita in Cina dall’invasione russa dell’Ucraina

by Freelance

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov è arrivato in Cina per la sua prima visita nel Paese da quando Mosca ha iniziato l’invasione dell’Ucraina il mese scorso.

Lavrov parteciperà a due incontri multinazionali sull’Afghanistan insieme a rappresentanti di Pakistan, Iran, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan.

Il ministro degli Esteri Wang Yi rappresenterà la Cina e il ministro degli Esteri nominato dai talebani Amir Khan Muttaqi rappresenterà l’Afghanistan all’incontro regionale. Qatar e Indonesia parteciperanno come ospiti.

Il ministro degli Esteri russo parteciperà anche a una riunione separata della “Troika estesa” con inviati speciali sull’Afghanistan dalla Cina e dagli Stati Uniti, ha affermato il ministero degli Esteri cinese.

“Cina, Stati Uniti, Russia e Pakistan sono tutti paesi con un’influenza significativa sulla questione afgana”, ha detto martedì il portavoce del ministero Wang Wenbin della riunione della Troika in un briefing quotidiano.

La Cina non ha riconosciuto il governo talebano dell’Afghanistan, ma si è astenuta dalle dure critiche mosse dagli Stati Uniti e da altri.

Ha tenuto aperta la sua ambasciata di Kabul e inoltre non ha commentato la mossa dei talebani di limitare l’istruzione delle ragazze e altre violazioni dei diritti umani.

Gli incontri si tengono a Tunxi, un’antica città nella provincia di Anhui, forse per la relativa facilità di mantenere una “bolla” separata dalla popolazione generale.

Ciò consentirebbe ai diplomatici di evitare la quarantena di 21 giorni per il coronavirus richiesta ai viaggiatori internazionali nella capitale, Pechino e in altre grandi città cinesi.

In un post sul suo account sui social media Weibo, l’ambasciata russa a Pechino mercoledì ha confermato che Lavrov è atterrato nella città orientale di Huangshan, pubblicando foto di delegati che scendono da un aereo e sono stati accolti da funzionari sanitari in tute ignifughe. È probabile che si discuta anche dell’assalto della Russia all’Ucraina.

A differenza di molte nazioni occidentali, la Cina ha rifiutato di condannare l’invasione ed è rimasta indietro rispetto a molti altri paesi nel fornire aiuti umanitari all’Ucraina. Non è chiaro se Lavrov e il suo omologo cinese Wang Yi si incontreranno al di fuori dei colloqui in Afghanistan.

I successivi governi afghani hanno visto le ricchezze minerarie del Paese, stimate a 1 trilione di dollari, come la chiave per un futuro prospero.

Ora, diversi paesi, tra cui Iran, Russia e Turchia, stanno cercando di investire, colmando il vuoto lasciato sulla scia del caotico ritiro degli Stati Uniti dello scorso anno che ha portato alla partenza dei gruppi umanitari internazionali, al congelamento dei beni afgani e al crollo virtuale dell’economia.

Agli incontri di questa settimana, la Cina cercherà di posizionarsi come il principale sostenitore dei progetti di assistenza umanitaria e sviluppo economico in Afghanistan e chiederà apertamente agli Stati Uniti di sbloccare i beni e i conti del governo afghano, ha affermato Alexander Cooley, politologo della Columbia University, esperto sull’Asia centrale.

“La Cina si sta tranquillamente affermando come la principale potenza esterna nella regione”, ha detto Cooley all’agenzia di stampa Associated Press. “In tal modo, si posizionerà sia come critico della politica regionale degli Stati Uniti sia come leader alternativo di una coalizione umanitaria composta dai vicini dell’Afghanistan”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento