Home Cronaca Un uomo armato arabo uccide almeno 5 persone nel sobborgo di Tel Aviv

Un uomo armato arabo uccide almeno 5 persone nel sobborgo di Tel Aviv

by Nik Cooper

Un uomo armato arabo ha ucciso almeno cinque persone in un sobborgo di Tel Aviv martedì prima di essere colpito a morte.

Questo è il terzo attacco mortale in Israele in una settimana.

“Israele sta affrontando un’ondata di terrore arabo omicida”, ha twittato il primo ministro Naftali Bennett dopo le sparatorie a Bnei Brak, una città ebraica ultra-ortodossa alla periferia della capitale commerciale israeliana.

La sparatoria ha portato a 11 il numero di persone uccise da uomini armati arabi in Israele nell’ultima settimana, il picco più acuto degli attacchi alle strade cittadine da anni.

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha condannato l’uccisione di civili israeliani e ha sottolineato che l’uccisione di israeliani e palestinesi porterebbe solo a un deterioramento della situazione, mettendo in guardia contro attacchi di rappresaglia da parte di coloni ebrei e altri, ha riferito l’agenzia di stampa palestinese Wafa.

I palestinesi hanno segnalato un aumento della violenza dei coloni in Cisgiordania e Gerusalemme est, che Israele ha catturato in una guerra del 1967.

Un video amatoriale trasmesso dalle stazioni televisive israeliane mostrava un uomo vestito di nero e che puntava un fucile d’assalto mentre camminava lungo una strada a Bnei Brak.

I media israeliani, citando funzionari della sicurezza non identificati, hanno affermato che l’aggressore era un palestinese di un villaggio vicino alla città di Jenin nella Cisgiordania occupata.

La polizia ha detto che ha ucciso quattro civili e un agente che era arrivato sulla scena prima che gli agenti uccidessero l’uomo armato.

Non c’è stata alcuna rivendicazione immediata di responsabilità per l’attacco.

Funzionari israeliani avevano messo in guardia su un’ondata di assalti in aprile prima del mese sacro musulmano del Ramadan, un periodo in cui la violenza è aumentata metodicamente in passato. Per ora nessun allarme.

L’anno scorso durante il Ramadan si sono verificati scontri notturni tra palestinesi, polizia e coloni israeliani. I raid della polizia nel complesso della moschea di Al-Aqsa e il divieto di raduni serali alla Porta di Damasco hanno contribuito a innescare la violenza tra Israele e i militanti di Gaza che ha portato a 11 giorni di attacchi missilistici palestinesi e attacchi aerei israeliani.

A Bnei Brak, testimoni hanno detto che l’uomo armato ha iniziato a sparare ai balconi degli appartamenti e poi alle persone per strada e in macchina.

La scorsa settimana, un cittadino arabo israeliano ha ucciso quattro persone con un coltello nella città meridionale di Beersheba, prima di essere ucciso a colpi di arma da fuoco da un passante. Le autorità israeliane hanno affermato che l’attentatore fosse un simpatizzante dello Stato islamico.

Domenica, durante un vertice arabo-israeliano convocato nel sud di Israele, un aggressore arabo ha sparato e ucciso due agenti di polizia ad Hadera, una città a circa 50 km a nord di Tel Aviv. Lo Stato Islamico ha rivendicato l’attacco ad Hadera.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento