Home Attualità La Danimarca costruirà la “prima isola energetica” nel Mare del Nord

La Danimarca costruirà la “prima isola energetica” nel Mare del Nord

by Freelance

Di Mirko Fallacia

I politici danesi hanno dato il via libera a un progetto per costruire un’isola gigante che fornisca energia sufficiente a tre milioni di famiglie.

La prima isola energetica del mondo sarà grande quanto 18 campi da calcio (120.000 mq), ma ci sono speranze di renderla tre volte più grande. Servirà da hub per 200 turbine eoliche offshore giganti.

È il più grande progetto di costruzione nella storia danese, con un costo stimato di 210 miliardi di corone (28 miliardi di euro). Situata a 80 km dal mare, l’isola artificiale sarebbe almeno metà di proprietà dello Stato ma in parte del settore privato.

Non fornirà elettricità solo ai danesi, ma anche alle reti elettriche di altri paesi vicini. Sebbene questi paesi non siano ancora stati dettagliati, il prof. Jacob Ostergaard della Technical University of Denmark ha detto che il Regno Unito potrebbe trarne vantaggio, così come la Germania o i Paesi Bassi. L’idrogeno verde verrebbe anche fornito per l’uso nel trasporto marittimo, aereo, industriale e pesante.

Ai sensi del Climate Act della Danimarca, il paese si è impegnato a un’ambiziosa riduzione del 70% delle emissioni di gas serra del 1990 entro il 2030 e a diventare CO2 neutrale entro il 2050. Lo scorso dicembre ha annunciato che stava terminando tutte le nuove esplorazioni di petrolio e gas nel Mare del Nord. Il ministro dell’Energia Dan Jorgensen ha detto che il paese sta semplicemente “cambiando la mappa”.

“Questo è gigantesco”, ha detto il prof. Ostergaard. “È il prossimo grande passo per l’industria danese delle turbine eoliche. Eravamo leader sulla terraferma, poi abbiamo compiuto il passo in mare aperto e ora stiamo facendo il passo con le isole energetiche, quindi manterrà l’industria danese in una posizione pionieristica”.

Il gruppo verde Dansk Energi ha detto che mentre il “sogno stava per diventare realtà” dubitava che l’isola del Mare del Nord sarebbe stata operativa entro la data di inizio prevista del 2033.

Ma i politici danesi di tutto lo spettro hanno dato il loro appoggio al piano. L’ex ministro dell’Energia Rasmus Helveg Petersen del Partito Social Liberale ha detto che le isole energetiche sono iniziate “come una visione radicale” ma ora c’è un ampio accordo per trasformarle in realtà.

Un’isola energetica più piccola è già in progetto al largo di Bornholm nel Mar Baltico, a est della Danimarca continentale. Sono già stati firmati accordi per la fornitura di elettricità da lì a Germania, Belgio e Paesi Bassi.

Lo scorso novembre l’Unione europea ha annunciato piani per un aumento di 25 volte della capacità eolica offshore entro il 2050, con un aumento di cinque volte entro il 2030. L’energia rinnovabile fornisce circa un terzo dell’attuale fabbisogno di elettricità del blocco:

  • Secondo l’UE, l’eolico offshore fornisce un livello attuale di 12 gigawatt
  • La Danimarca fornisce 1,7 gigawatt
  • La nuova isola fornirebbe inizialmente 3 gigawatt, salendo a 10 nel tempo
  • La più piccola isola energetica di Bornholm fornirebbe 2 gigawatt

Sebbene ci sia un po’ di segreto su dove verrà costruita la nuova isola, è noto che si troverà a 80 km nel Mare del Nord. La televisione danese ha affermato che uno studio dell’Agenzia danese per l’energia lo scorso anno aveva segnato due aree a ovest della costa dello Jutland e che entrambe avevano una profondità del mare relativamente bassa di 26-27 m.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento