Home In evidenza Il Rapporto Onu riporta un aumento della fame nel mondo del 18%, il più alto mai registrato

Il Rapporto Onu riporta un aumento della fame nel mondo del 18%, il più alto mai registrato

by Freelance

Di Ginevra Lestingi

“Negli ultimi anni, diversi importanti fattori hanno messo il mondo fuori strada per porre fine alla fame e alla malnutrizione nel mondo in tutte le sue forme entro il 2030”, è così che introduce il rapporto annuale dell’Onu.

Il rapporto presenta una valutazione globale dell’insicurezza alimentare e della malnutrizione nel 2020 e fa una proiezione di come potrebbe aumentare entro il 2030. Lo scenario è catastrofico e a complicarlo di sicuro ci hanno pensato le gravi ripercussioni avute a causa della pandemia di COVID-19.

Il rapporto include anche nuove stime del costo e dell’accessibilità delle diete sane, che forniscono un importante collegamento tra la sicurezza alimentare e gli indicatori nutrizionali e l’analisi delle loro tendenze. Nel complesso, il rapporto evidenzia la necessità di una riflessione più approfondita su come affrontare meglio la sicurezza alimentare e la situazione nutrizionale globale.

La nota del rappoto è evidente e chiarisce che, con meno di un decennio al 2030, non siamo sulla buona strada per porre fine alla fame e alla malnutrizione nel mondo, anzi, ci stiamo muovendo nella direzione sbagliata. L’immagine è desolante.

Dopo essere rimasta praticamente invariata per cinque anni, la prevalenza della denutrizione è aumentata dall’8,4 percento nel 2019 a circa il 9,9 percento nel 2020, il che significa che tra 720 e 811 milioni di persone nel mondo hanno dovuto affrontare la fame nel 2020, ben 161 milioni di persone in più rispetto al 2019.

Oltre alla fame, anche le prospettive sono scoraggianti. Per la prevalenza globale della sicurezza alimentare moderata o grave, l’aumento stimato nel 2020 è stato pari a quello dei cinque anni precedenti messi insieme.

Pertanto, quasi una persona su tre nel mondo (2,37 miliardi) non ha avuto accesso a un’alimentazione adeguata nel 2020, con un aumento di quasi 320 milioni di persone in un solo anno.

In relazione a ciò, l’alto costo delle diete sane, unito ai persistenti alti livelli di disparità di reddito, ha reso le diete sane fuori dalla portata di circa 3 miliardi di persone nel 2019 in tutte le regioni. Questo numero probabilmente aumenterà nel 2020, interessando la maggior parte delle regioni.

Inoltre, l’obiettivo di porre fine a tutte le forme di malnutrizione rimane una sfida. Sebbene alle limitazioni dei dati sia stato impedito di tenere pienamente conto dell’impatto della pandemia, si stima che il 22,0 percento dei bambini nel 2020 fosse affetto da arresto della crescita, il 6,7 percento soffriva di deperimento e il 5,7 percento era in sovrappeso.

Si stima che circa il 29,9 per cento delle donne di età compresa tra 15 e 49 anni nel 2019 in tutto il mondo siano affette da anemia e l’obesità adulta è in forte aumento in tutte le regioni. L’attuale tasso di progresso globale verso gli obiettivi per questi indicatori nutrizionali è insufficiente o è addirittura in stallo o peggiora.

Alla guida di queste tendenze sgradite sono l’aumento della frequenza e dell’intensità dei conflitti, la variabilità e gli estremi climatici, i rallentamenti e le recessioni economiche e gli alti livelli di disuguaglianza.

Le flessioni economiche nel 2020, che sono state principalmente una conseguenza delle misure di contenimento del COVID-19 in tutto il mondo, hanno contribuito a uno dei maggiori aumenti della fame nel mondo negli ultimi decenni, che ha colpito quasi tutti i paesi a basso e medio reddito e può invertire i guadagni fatti nella nutrizione.

Ma le conseguenti flessioni della pandemia di COVID-19 erano solo una piccola parte di un problema molto più grande: in modo più allarmante, la pandemia ha messo in luce le vulnerabilità che si sono formate nei nostri sistemi alimentari negli ultimi anni, nonché il risultato di fattori importanti come conflitti, variabilità ed estremi climatici, rallentamenti e flessioni economiche.

È stato dimostrato che la maggior parte dei bambini affamati e rachitici vive in paesi colpiti da una combinazione di questi fattori. Inoltre, l’aumento della fame nel 2020 è stato ancora maggiore nei paesi in cui le recessioni economiche sono state combinate con disastri o conflitti legati al clima, o entrambi.

È anche importante considerare che milioni di persone sono insicure dal punto di vista alimentare e malnutrite in tutte le sue forme perché non possono permettersi una dieta sana.

I suddetti fattori e gli alti livelli di disuguaglianza, così come altri fattori che fanno aumentare il costo degli alimenti nutrienti.

Sebbene la pandemia di COVID-19 e i suoi impatti siano stati una sfida immensa per il mondo, potrebbero anche essere un avvertimento di eventi sgraditi a venire se non ci impegniamo in azioni più risolute per cambiare rotta. Come si è dimostrato, i principali fattori che minacciano la sicurezza alimentare e la nutrizione sono anche interconnessi e hanno impatti circolari su altri sistemi, compresi i sistemi ambientali e sanitari. Sono necessarie azioni più audaci e su larga scala per costruire la resilienza ai loro effetti negativi sulla sicurezza alimentare e sulla nutrizione.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento