Home Approfondimenti Il principe saudita sogna una megalopoli da $ 500 miliardi mentre gli Stati Uniti puntano il dito sull’omicidio Khashoggi

Il principe saudita sogna una megalopoli da $ 500 miliardi mentre gli Stati Uniti puntano il dito sull’omicidio Khashoggi

by Nik Cooper

Sembra una visione improbabile, una megalopoli nel deserto senza auto né strade, gestita da macchinari in grado di riconoscere il tuo viso.

Eppure i preparativi per NEOM, il progetto firmato da 500 miliardi di dollari dal principe Mohammed bin Salman a diversificare l’economia dell’Arabia Saudita, sono ben avviati. L’organizzazione dietro lo sviluppo, che dovrebbe essere vicina alle dimensioni del Belgio quando sarà completato, assumerà 700 persone quest’anno, secondo Simon Ainslie, direttore operativo dell’impresa.

Mentre NEOM viene venduto come una visione di un futuro più luminoso, gli investitori internazionali devono ancora mordere.

La portata del progetto è vasta e la regione ha già centri commerciali e di trasporto ben consolidati a Dubai, Abu Dhabi e Qatar. Lo sviluppo è anche indissolubilmente legato al principe ereditario, che come leader de facto del regno ha attirato l’ira sulla guerra saudita in Yemen e sui suoi presunti legami con l’uccisione del giornalista Jamal Khashoggi.

Un rapporto dell’intelligence statunitense pubblicato la scorsa settimana ha concluso che il principe ha approvato un’operazione per “catturare o uccidere” Khashoggi, che aveva criticato le politiche saudite nelle colonne del Washington Post. I funzionari sauditi lo negano e hanno respinto i risultati del rapporto.

Gli analisti affermano che è improbabile che il rapporto cambi il sentimento degli investitori nei confronti dell’Arabia Saudita in assenza di un’azione degli Stati Uniti contro il principe.

“Si aspettavano una sorta di maggiore respingimento da parte dell’amministrazione (Biden), ma se è così, il segnale è piuttosto debole”, ha affermato Neil Quilliam, amministratore delegato di Azure Strategy, una società di consulenza focalizzata sul Medio Oriente

“Quindi non vedo questo come un grosso ostacolo per la maggior parte delle aziende che cercano opportunità nel regno”.

Quilliam ha detto che c’era un certo scetticismo sui cosiddetti “progetti giga”, citando il progetto King Abdullah Economic City nei primi anni 2000, che non ha mai avuto successo.

L’ufficio stampa del governo saudita e NEOM non hanno risposto immediatamente a una richiesta per un commento sullo stato di NEOM sulla scia del rapporto degli Stati Uniti.

Prima che il rapporto fosse pubblicato, NEOM ha affermato che il progetto avesse attirato l’interesse nazionale e internazionale.

“NEOM sta discutendo con diverse aziende di diversi settori che desiderano essere coinvolti”, si legge in una nota.

NEOM è stato lanciato pubblicamente nel 2017, ma la costruzione su larga scala della città deve ancora iniziare. Il progetto attualmente impiega oltre 750 persone, 500 delle quali assunte lo scorso anno.

L’omicidio di Khashoggi da parte di agenti sauditi a Istanbul nel 2018 aveva già provocato una protesta internazionale che all’epoca aveva spinto alcune persone a ritirarsi dal comitato consultivo di NEOM.

L’elenco dei membri attuali non è disponibile pubblicamente e NEOM ha rifiutato di dire chi vi siede.

CITTÀ COGNITIVA

I finanziamenti per NEOM proverranno inizialmente dal fondo sovrano dell’Arabia Saudita, il Fondo per gli investimenti pubblici, secondo due fonti finanziarie vicine alla questione.

“Gli investitori inizieranno a interessarsi quando l’infrastruttura principale sarà operativa, in modo da non correre rischi assoluti”, ha affermato una fonte finanziaria che ha familiarità con il progetto.

Nel 2017, il CEO di Softbank Group Masayoshi Son ha dichiarato che la società avrebbe collaborato con l’Arabia Saudita allo sviluppo di NEOM.

Il fondo sovrano saudita PIF ha investito circa 45 miliardi di dollari nel fondo tecnologico inaugurale di Softbank da 100 miliardi di dollari.

Il PIF ha dichiarato in una e-mail che il suo ruolo nei grandi progetti era quello di agire come un investitore fondamentale a lungo termine per garantire “che il capitale allocato a tutti i suoi progetti, incluso NEOM, generi rendimenti sostenibili che generano valore per gli azionisti a lungo termine”.

Il progetto di punta a zero emissioni di carbonio di NEOM “The Line” prevede una città di 1 milione di persone gestita da una tecnologia intelligente con riconoscimento facciale e reti 5G come standard.

“Stiamo fondamentalmente costruendo la prima città cognitiva del mondo”, ha detto Joseph Bradley, capo della tecnologia e del digitale di NEOM ed ex dirigente del CISCO, aggiungendo che un sistema operativo noto come NEOS mirava a chiedere il consenso per utilizzare i dati dal 90% dei residenti.

Secondo Ainslie, che è stata assunta nel 2019 da Microsoft Corp, la frenesia delle assunzioni di quest’anno coprirà una serie di professioni da avvocati, contabili e ingegneri, ad aree specialistiche come la robotica avanzata e gli sport d’avventura.

I funzionari di NEOM affermano che la costruzione inizierà presto su “The Line”, una città senza auto e senza strade all’interno di NEOM.

NEOM ha affermato in una dichiarazione che i lavori sono iniziati sui sondaggi e sulle infrastrutture temporanee e che i lavori permanenti inizieranno quest’anno con la prima fase da completare entro il 2025.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento