Home In evidenza Il doppiogiochista Erdoğan dice a Putin di restituire la Crimea ai “legittimi proprietari”

Il doppiogiochista Erdoğan dice a Putin di restituire la Crimea ai “legittimi proprietari”

by Freelance

Di Gaia Marino

Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdoğan ha affermato che il presidente russo Vladimir Putin deve restituire tutte le terre che la Russia ha occupato, compresa la Crimea.

La penisola del Mar Nero dovrebbe essere restituita ai suoi “legittimi proprietari”, ha detto Erdoğan a PBS NewsHour a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, in commenti che potrebbero provocare ira a Mosca.

Alla domanda se la Russia dovrebbe essere autorizzata a mantenere la Crimea in una conclusione negoziata della guerra, Erdoğan ha detto: “Questi sono i nostri discendenti allo stesso tempo, le persone che vivono lì. Se dovessi fare questo passo avanti, se potessi lasciarci, solleveresti anche i tartari di Crimea e l’Ucraina. Questo è quello che abbiamo sempre detto”.

Erdoğan ha detto di averlo detto a Putin dal 2014. “Ma da allora, sfortunatamente, non è stato fatto alcun passo avanti”, ha aggiunto.

Le dichiarazioni di Erdogan lascerebbero intendere un cambio di rotta sulla posizione ambigua che ha assunto la Turchia durante il conflitto in Ucraina.

I tartari di Crimea hanno legami etnici, linguistici e storici con la Turchia, ed era un protettorato dell’impero ottomano fino a quando non fu annesso dall’impero russo nel 1783.

Erdoğan ha detto alla PBS che quando ha incontrato Putin in Uzbekistan la scorsa settimana, il presidente russo gli ha dato l’impressione di essere “disposto a farla finita il prima possibile”. Erdoğan ha anche affermato che 200 ostaggi saranno scambiati tra Ucraina e Russia.

Nell’intervista, Erdoğan ha continuato a presentare la Turchia, come membro fedele della NATO, ma ha anche ribadito di essere neutrale per quanto riguarda il conflitto tra Russia e Ucraina, affermando che una conclusione alle ostilità non sarebbe raggiunta “prendendo posizione”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha promesso la scorsa settimana che il suo paese avrebbe liberato la Crimea dagli occupanti russi.

Putin ha inviato forze in Crimea all’inizio del 2014, annettendo illegalmente la penisola del Mar Nero e poi scatenando un conflitto lungo anni nella regione orientale del Donbas.

Dall’inizio della guerra a febbraio, Ankara ha ospitato colloqui con funzionari di Mosca e Kiev ai massimi livelli e ha mediato un accordo sul grano insieme alle Nazioni Unite per garantire esportazioni alimentari sicure dai porti ucraini bloccati, ma il sospetto che l’illiberale Turchia si appresti a fare un doppio gioco rimane sempre.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento