Home In evidenza Biden il bullo, dopo il “successo” del conflitto in Ucraina, prepara la guerra a Taiwan

Biden il bullo, dopo il “successo” del conflitto in Ucraina, prepara la guerra a Taiwan

by Redazione

Di Mirko Fallacia

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato che le forze statunitensi difenderanno Taiwan in caso di invasione cinese. Fino ad ora è stata la sua dichiarazione più esplicita finora sulla questione.

Dopo aver provocato a lungo la Cina, armando Taiwan e facendo incontri diplomatici nell’isola, gli Usa, alla domanda in un’intervista di 60 minuti della CBS trasmessa domenica se le forze statunitensi avrebbero difeso l’isola democraticamente governata rivendicata dalla Cina, ha risposto: “Sì, se in effetti ci fosse un attacco senza precedenti”.

La dichiarazione di Biden non darebbe la certezza di un probabile intervento delle forze armate in caso di attacco ma garantisce invio di armi, viveri e sanzioni nei confronti del Paese che attacca. Una seconda ucraina.

Da quando Biden è arrivato alla Casa Bianca il risultato della sua politica internazionale ci hanno portato la guerra in Ucraina e hanno fatto sì che le tensioni aumentassero tra Usa e Cina.

L’atteggiamento da bullo del presidente degli Usa ha stimolato pian piano la collera di Russia e Cina che come gli Usa si sentono attori principali e sicuramente hanno chiarito che non si faranno mettere i piedi in testa dallo Zio Sam.

Ma alla domanda di chiarire se intendesse dire che, a differenza dell’Ucraina, le forze statunitensi – uomini e donne americane – avrebbero difeso Taiwan in caso di invasione cinese, Biden ha risposto: “Sì”. Come se l’Ucraina fosse tanto diversa da Taiwan.

L’intervista è stata solo un delle tante in cui Biden ha dimostrato interesse su Taiwan, ma la sua dichiarazione è stata più chiara di quelle precedenti sull’impegno delle truppe statunitensi nella difesa dell’isola.

Gli Stati Uniti sono rimasti a lungo su una politica di “ambiguità strategica” e non hanno chiarito se risponderebbero militarmente a un attacco a Taiwan.

Alla domanda di commentare, un portavoce della Casa Bianca ha affermato che la politica degli Stati Uniti nei confronti di Taiwan non è cambiata.

“Il presidente l’ha già detto, anche a Tokyo all’inizio di quest’anno. Ha anche chiarito che la nostra politica di Taiwan non è cambiata. Questo rimane vero”, ha affermato il portavoce.

Il ministero degli Esteri di Taiwan ha espresso i suoi ringraziamenti a Biden per la sua riaffermazione del “solido impegno per la sicurezza del governo degli Stati Uniti nei confronti di Taiwan”.

Taiwan continuerà a rafforzare le sue capacità di autodifesa e ad approfondire la stretta partnership per la sicurezza tra Taiwan e gli Stati Uniti, si legge in una nota.

L’intervista della CBS con Biden è stata condotta la scorsa settimana. Il presidente è in Gran Bretagna per i funerali della regina Elisabetta lunedì.

A maggio, a Biden gli era stato chiesto se fosse disposto a impegnarsi militarmente per difendere Taiwan e ha risposto: “Sì… questo è l’impegno che abbiamo preso”.

Nell’intervista di 60 minuti, Biden ha ribadito che gli Stati Uniti sono rimasti impegnati in una politica “One-China” in cui Washington riconosce ufficialmente Pechino non Taipei e ha affermato che gli Stati Uniti non incoraggiano l’indipendenza di Taiwan.

“Non ci stiamo muovendo, non stiamo incoraggiando la loro indipendenza… questa è la loro decisione”, ha detto.

È probabile che le osservazioni di Biden facciano infuriare Pechino, che è stata irritata dalla visita a Taiwan della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi ad agosto.

Quella visita ha promosso la Cina a condurre le sue esercitazioni militari più grandi di sempre intorno a Taiwan e la Cina ha protestato contro le mosse dei legislatori statunitensi verso una legislazione avanzata che rafforzerebbe il sostegno militare statunitense a Taiwan.

Il presidente cinese Xi Jinping ha promesso di portare Taiwan sotto il controllo di Pechino e non ha escluso l’uso della forza. Taiwan si oppone fermamente alle pretese di sovranità della Cina.

Non c’è stata risposta immediata a una richiesta di commento dall’ambasciata cinese a Washington.

In una telefonata con Biden a luglio, Xi ha messo in guardia su Taiwan, dicendo che “coloro che giocano con il fuoco moriranno per questo”.

Alla domanda lo scorso ottobre se gli Stati Uniti sarebbero intervenuti in difesa di Taiwan, che gli Stati Uniti sono tenuti per legge a fornire i mezzi per difendersi, Biden ha detto: “Sì, abbiamo un impegno a farlo”.

A quel tempo, un portavoce della Casa Bianca ha anche affermato che Biden non stava annunciando alcun cambiamento nella politica degli Stati Uniti. Infatti, Biden, seguendo la politica portata avanti dagli Usa fino ad ora, non potrebbe inviare truppe e armi a Taiwan poiché per gli Usa quel territorio è ancora sotto il controllo cinese.

Bonnie Glaser, esperta in Asia presso il German Marshall Fund degli Stati Uniti, ha affermato che se Biden avesse fatto tali promesse, avrebbe dovuto assicurarsi di poterle sostenere.

“Se il presidente Biden intende difendere Taiwan, dovrebbe assicurarsi che le forze armate statunitensi abbiano la capacità di farlo”, ha affermato. “È improbabile che il supporto retorico che non sia supportato da capacità reali rafforzi la deterrenza”.

Lo zar della politica asiatica di Biden, Kurt Campbell, in passato ha rifiutato qualsiasi mossa di “chiarezza strategica” su Taiwan, dicendo che c’erano “svantaggi significativi” in un simile approccio.

Tuttavia, ciò che appare evidente è come la Casa Bianca utilizzi due approcci diversi tra Crimea e Taiwan.

Entrambe le regioni appartengono ad uno Stato ed entrambe vogliono far valere la loro autodeterminazione. Ma perché una viene incoraggiata e l’altra invece no?

Semplicemente perché una regione presenta una politica filo-americana e l’altra invece no.

E’ strano vedere come gli Usa difendano i loro ideali nel mondo garantendosi l’unico vero diritto importante, quello di diventare sempre più forti ed influenti e garantirsi sempre più rispetto e autorità.

Se, al contrario, si fossero mossi per bontà d’animo avrebbero iniziato a garantire i diritti dei quali ci si riempie la bocca in altri posti, forse peggiori.

Infatti, quando si elencano Arabia, Israele e Turchia tra gli alleati degli Usa, ci si accorge in un attimo che la guerra per la democrazia e per i diritti si tramuta in una gran cazzata dal suono ipocrita.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento