Home Attualità Il discorso di Putin preannuncia un cambio di rotta

Il discorso di Putin preannuncia un cambio di rotta

by Redazione

In un raro discorso alla nazione, il presidente Putin ha annunciato una parziale mobilitazione dei riservisti per la sua “operazione militare speciale” in Ucraina. Ha affermato che questo è un passo necessario per garantire l’integrità territoriale e proteggere le persone nei territori occupati dalla Russia in Ucraina. Ha accusato l’Occidente di impegnarsi in un ricatto nucleare contro la Russia.

Infine Putin ha detto che la Russia ha “molte armi per rispondere” e che non stava bluffando.

Il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha affermato che 300.000 soldati con esperienza di combattimento saranno ora chiamati a combattere in Ucraina.

Dopo il discorso di Putin, è stato lasciato al suo ministro della Difesa il compito di fornire i dettagli e cercare di smorzare i timori degli uomini russi in tutto il paese riguardo a questa improvvisa “mobilitazione parziale” in Ucraina.

Dopotutto, proclamare che sostieni una “operazione speciale” e combattere effettivamente sono due cose molto diverse.

Sergei Shoigu ha detto che sarebbero stati richiamati circa 300.000 riservisti, una frazione dei 2 milioni della Russia. Non verranno presi tutti in una volta, ma secondo necessità, ha detto.

Ha insistito sul fatto che gli studenti non sarebbero stati usati, avrebbero potuto “stare calmi” ha detto e “continuare ad andare a lezione”. Neanche i coscritti saranno inviati al fronte, una mossa che sarebbe stata molto impopolare.

Invece, la Russia dice che utilizzerà uomini che hanno esperienza di battaglia.

Nei suoi commenti, Sergei Shoigu ha anche affermato che meno di 6.000 soldati russi (5.937) erano stati uccisi in azione, un numero molto al di sotto delle stime dei servizi segreti occidentali e anche meno di quanto riportato da fonti aperte.

Ma è la prima volta da mesi che Mosca fornisce una cifra (forse aveva anche lo scopo di rassicurare coloro che stavano per ricevere i documenti di convocazione).

Nonostante la voce morbida e il tono calmo del ministro della Difesa, si tratta di un grande cambiamento di approccio.

La guerra che molti russi hanno cercato, in gran parte, di ignorare ora è iniziata per decine di migliaia di persone e per le loro famiglie.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento