Home Attualità Le bugie dei politici, la vera minaccia delle elezioni italiane

Le bugie dei politici, la vera minaccia delle elezioni italiane

by Freelance

Di Gaia Marino

Le elezioni si avvicinano e gli elettori italiani hanno un grande problema: separare la verità dalle bugie che si leggono online.

Nonostante le preoccupazioni che la Russia cercherà di intromettersi nella campagna, i politici italiani e gli influencer dei social media hanno finora svolto il ruolo più importante nella diffusione di falsità online legate alle elezioni, secondo un’analisi.

Questi resoconti attaccano gli immigrati, lanciano accuse contro l’Unione Europea e promuovono il sostegno all’invasione russa dell’Ucraina.

Sebbene possa sembrare rassicurante che il Cremlino non sia dietro una messaggistica online così diffusa, la cattiva notizia è che gli italiani hanno maggiori probabilità di credere a siti stranieri e account di social media.

Domenica l’Italia dovrebbe sostenere una nuova coalizione di destra, guidata da Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia. L’esito del voto sarà fondamentale per l’economia italiana e le dinamiche politiche in tutto il blocco europeo.

Funzionari europei, compresi quelli responsabili dei rinnovati sforzi dell’UE per reprimere la disinformazione straniera, continuano ad avvertire che il Cremlino potrebbe cercare di inclinare la bilancia a suo favore durante il voto di questo fine settimana.

Ma gli account italiani di Facebook e Twitter che spacciano disinformazione elettorale hanno notevolmente superato gli account che non hanno origine nel paese per Mi piace, condivisioni e commenti combinati, secondo i dati di CrowdTangle, la società di analisi dei social media di proprietà di Meta.

“È molto più probabile che le informazioni provenienti da politici e media nazionali, specialmente se approvate da altri membri della comunità, abbiano un impatto sugli atteggiamenti e sui comportamenti delle persone rispetto ai post di account di social media sconosciuti o media stranieri marginali controllati dallo stato che pochi seguono e meno di cui si fidano ancora”, ha affermato Rasmus Kleis Nielsen, professore di comunicazione politica all’Università di Oxford, che ha tracciato il ruolo dei politici nella diffusione delle voci online.

“Ovviamente è imbarazzante per la classe politica riconoscere esplicitamente il fatto che la disinformazione spesso viene dall’alto”, ha aggiunto.

“Potrebbe essere politicamente più conveniente fingere che il problema siano attori stranieri nefasti. Ma questo non lo rende vero”.

False promesse

Molte delle mezze verità e falsità ampiamente condivise in questi giorni hanno un chiaro obiettivo in mente: confondere le acque della politica.

Più del 90 per cento delle promesse dei partiti politici del paese non erano radicate nella realtà economica, secondo l’organizzazione italiana di verifica dei fatti Pagella Politica, che ha perlustrato gli impegni dei gruppi di sinistra e di destra.

Ciò includeva tutto, dalle falsità relative alle promesse di elemosine potenzialmente pesanti per i giovani elettori, ai sussidi diffusi per combattere i costi energetici alle stelle.

Molte di queste promesse sono state ampiamente condivise dai principali politici: uno sforzo per corteggiare gli elettori in un’elezione che non dovrebbe vedere nessun partito politico raccogliere voti sufficienti da solo per formare un governo.

Su temi interni spinosi, compresi quelli associati all’aumento dei livelli di immigrazione e al sostegno dell’Europa all’Ucraina nella sua guerra con la Russia, gli account dei social media italiani hanno dominato allo stesso modo la conversazione online.

In particolare, il ruolo dei migranti nella società italiana è diventato un punto di contatto per un crescente sostegno ai politici di estrema destra.

Nelle ultime settimane, le pagine Facebook create appositamente per promuovere il sentimento anti-immigrati hanno pubblicato video e immagini di presunti immigrati che picchiano o abusano di persone, in vista del voto di domenica.

Questi post sui social media, collettivamente, sono stati condivisi migliaia di volte, in particolare tramite influencer di estrema destra e candidati politici, sulla base dei dati di CrowdTangle.

Le società di social media, tra cui Facebook e Twitter, affermano di aver preso provvedimenti contro la disinformazione relativa alle elezioni in Italia e di aver promosso i legittimi contenuti di notizie mainstream sul voto imminente.

Da febbraio, i politici italiani di tutti i partiti politici hanno ritirato il loro sostegno a Vladimir Putin. Ma online, alcuni utenti dei social media italiani continuano a dubitare del sostegno dell’UE all’Ucraina.

Due funzionari del governo europeo che stanno monitorando la disinformazione russa, sia in Italia che nell’UE, hanno avvertito che, nonostante la percepita mancanza di ruolo del Cremlino nelle elezioni di questo fine settimana, Mosca è rimasta un attrice chiave.

Le sanzioni di Bruxelles hanno impedito ai media statali russi come RT e Sputnik di operare nell’UE in risposta all’invasione di febbraio.

Ma negli anni prima della guerra, i contenuti in lingua italiana delle testate russe avevano già raccolto un pubblico significativo.

I messaggi filorussi che incolpano l’Occidente per le tensioni fanno ora parte delle dibattito quotidiano italiano.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento