Home Cronaca Proteste in Iran: le donne bruciano il velo durante le proteste contro l’hijab

Proteste in Iran: le donne bruciano il velo durante le proteste contro l’hijab

by Freelance

Di Ginevra Lestingi

Le donne manifestanti sono state in prima linea nell’escalation delle proteste in Iran e hanno bruciato il velo, dopo la morte in custodia di una donna detenuta per aver infranto le leggi sull’hijab.

Le manifestazioni sono continuate per cinque notti consecutive e hanno raggiunto diversi paesi e città.

Mahsa Amini è morta in ospedale venerdì dopo aver trascorso tre giorni in coma.

A Sari, a nord di Teheran, una grande folla ha applaudito mentre le donne hanno dato fuoco ai loro hijab in atti di protesta provocatoria.

La povera Masha era stata arrestata nella capitale la scorsa settimana dalla polizia morale iraniana, accusata di aver infranto la legge che impone alle donne di coprirsi i capelli con l’hijab, o velo, e le braccia e le gambe con abiti larghi.

È caduta in coma poco dopo essere crollata in un centro di detenzione.

Ci sono state notizie secondo cui la polizia ha picchiato la ragazza con un manganello e l’ha sbattuta contro uno dei loro veicoli, ha detto l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Nada al-Nashif.

La polizia ha negato di aver maltrattato la ragazza e ha detto che Amini ha sofferto di “un’improvvisa insufficienza cardiaca”. La famiglia Amini ha detto che la ragazza era in forma e in salute.

La 22enne proveniva dalla provincia del Kurdistan nell’Iran occidentale, dove tre persone sono state uccise lunedì mentre le forze di sicurezza hanno aperto il fuoco sui manifestanti.

 

Le Nazioni Unite hanno ricevuto numerosi video verificati di trattamento violento nei confronti delle donne, mentre la polizia morale ha ampliato le sue pattuglie di strada negli ultimi mesi per reprimere coloro che indossano “l’hijab sciolto”.

“Le autorità devono smettere di prendere di mira, molestare e detenere le donne che non rispettano le regole dell’hijab”, ha aggiunto, chiedendone l’abrogazione.

Un aiutante del leader supremo iraniano, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha fatto visita lunedì alla famiglia della signora Amini e ha detto loro che “tutte le istituzioni agiranno per difendere i diritti che sono stati violati”, hanno riferito i media statali.

L’alto parlamentare Jalal Rashidi Koochi ha criticato pubblicamente la polizia della moralità, dicendo che la forza era un “errore” in quanto aveva prodotto solo “perdite e danni” per l’Iran.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento