Home Attualità Zelenskiy chiede alle Nazioni Unite di togliere il veto alla Russia

Zelenskiy chiede alle Nazioni Unite di togliere il veto alla Russia

by Redazione

Di Mirko Fallacia

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha chiesto a un tribunale speciale delle Nazioni Unite di imporre una “giusta punizione” alla Russia per la sua invasione ai danni dell’Ucraina.

Zelenskiy sta spingendo l’occidente ad imporre nuove sanzioni pecuniarie e a privare Mosca del suo potere di veto nel Consiglio di sicurezza.

Il discorso registrato di Zelenskiy ai leader mondiali all’Assemblea generale delle Nazioni Unite mercoledì è arrivato dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato la prima mobilitazione di Mosca in tempo di guerra dalla seconda guerra mondiale e ha minacciato di usare armi nucleari per difendere la Russia in quello che ha definito uno scontro est-ovest definitivo.

Mosca prevede di arruolare circa 300.000 soldati in un’apparente escalation dell’invasione dell’Ucraina iniziata a febbraio e che ha causato migliaia di morti, sfollati milioni e ridotto in macerie le città.

La mobilitazione della Russia potrebbe essere la mossa politica interna più rischiosa da quando Putin è al potere, e dopo mesi in cui il Cremlino ha promesso che non avrebbe fatto nulla del genere si è arrivati al punto da doverla attuare.

La preoccupazione per essere stato arruolato ha visto i voli in partenza dalla Russia esaurirsi rapidamente e il leader dell’opposizione incarcerato Alexei Navalny ha chiesto manifestazioni di massa contro la mobilitazione.

Il gruppo indipendente di monitoraggio delle proteste OVD-Info ha affermato che quasi 1.400 persone in 38 città russe sono state arrestate durante le proteste mercoledì sera.

Zelenskiy ha esposto quelle che secondo lui erano cinque condizioni non negoziabili per la pace. Questi includevano la punizione per l’aggressione russa, il ripristino della sicurezza e dell’integrità territoriale dell’Ucraina e le garanzie di sicurezza.

“Un crimine è stato commesso contro l’Ucraina e chiediamo una giusta punizione”, ha detto Zelenskiy all’organismo delle Nazioni Unite.

Molti delegati alle Nazioni Unite hanno fatto a Zelenskiy una standing ovation alla fine del suo discorso.

Putin ha ordinato la leva militare in un discorso televisivo in cui ha anche annunciato mosse per l’annessione di quattro province ucraine e ha minacciato di usare armi nucleari per difendere la Russia, dichiarando: “Non è un bluff”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, in un discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, ha risposto: “Ancora una volta, proprio oggi, il presidente Putin ha lanciato apertamente minacce nucleari contro l’Europa, in uno sconsiderato disprezzo per le responsabilità del regime di non proliferazione”.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha condannato “l’irresponsabile escalation della guerra” di Putin, dicendo che “il comportamento di Putin dimostra solo che la sua invasione sta fallendo”.

Mercoledì i ministri degli esteri dell’Unione europea hanno concordato di preparare nuove sanzioni contro la Russia e aumentare le consegne di armi a Kiev.

“È chiaro che Putin sta cercando di distruggere l’Ucraina”, ha detto ai giornalisti il ​​capo della politica estera dell’UE Josep Borrell dopo che i ministri si sono incontrati per decidere come rispondere.

I ministri degli Esteri del Gruppo dei Sette (G7) hanno confermato mercoledì in un incontro a New York la loro cooperazione per estendere il sostegno all’Ucraina, ha affermato il ministro degli Esteri giapponese Yoshimasa Hayashi.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento