Home News Gli investitori devono affrontare una miriade di regole per gli investimenti “Green”

Gli investitori devono affrontare una miriade di regole per gli investimenti “Green”

by Freelance

Di Mimmo Di Maggio

Dopo anni di lamentele secondo cui non esistevano regole per determinare cosa costituisce un investimento “sostenibile”, adesso, come spesso accade, ci si preoccupa del problema opposto, visto che saranno molteplici le regole che determineranno gli investimenti “green”.

Più di 30 tassonomie che delineano ciò che è e non è un investimento verde sono state compilate dai governi di Asia, Europa e America Latina, ognuna riflettendo idiosincrasie economiche nazionali che possono contrastare con un mercato dei capitali globale che ha visto trilioni riversarsi in fondi sostenibili.

L’Unione europea introdurrà la sua tassonomia degli investimenti verdi o quadro comune a gennaio per aiutare i gestori patrimoniali all’interno del blocco e rendere le attività verdi più visibili e attraenti per gli investitori.

Le regole mirano anche a eliminare il “greenwashing”, per cui le organizzazioni sopravvalutano le proprie credenziali ambientali.

La Gran Bretagna, che ospita la conferenza sui cambiamenti climatici COP26 dal 31 ottobre, è pronta a finalizzare la propria tassonomia il prossimo anno, ma ha già segnalato che non si limiterà a replicare ciò che viene elaborato attraverso il canale.

Mentre gran parte della tassonomia della Gran Bretagna probabilmente combacerà con quella dell’UE, prenderà anche ispirazione dal Cile, dato che il mercato azionario del Regno Unito ospita un gran numero di minatori, e dal regolamento incentrato sull’agricoltura della Cina.

Ciò potrebbe adattarsi ai gestori patrimoniali che investono in attività del Regno Unito e offrono i loro fondi agli investitori del Regno Unito. Ma per chi ha un approccio globale, le diverse tassonomie sono un grattacapo.

Possiamo vivere con coerenza, ma diverse giurisdizioni che hanno un mosaico di diversi standard e approcci normativi aumentano i costi e la confusione degli investitori.

L’entità del denaro destinato agli investimenti sostenibili è molto ma stanno emergendo regole diverse quando i gestori patrimoniali bramano l’allineamento globale degli standard.

Regole diverse rendono anche difficile per i gestori patrimoniali ottenere efficienze attraverso l’analisi automatizzata degli investimenti, hanno affermato i partecipanti al mercato.

“Se sono in Malesia o sono in Australia o sono in Giappone o in Canada e ho un requisito di segnalazione locale con un quadro diverso e sto cercando di fare trading anche a livello internazionale, allora ho costi duplicati”, ha affermato Nathan Fabian del PRI, un gruppo sostenuto dalle Nazioni Unite che promuove investimenti responsabili.

Alcuni dei principali mercati, inclusi gli Stati Uniti, non dovrebbero affatto lanciare una tassonomia nazionale.

“È improbabile che gli Stati Uniti seguano l’approccio dell’UE per lo sviluppo di una tassonomia incorporata nella regolamentazione che definisce quali attività sono sostenibili o meno”, ha affermato Eric Pan, amministratore delegato dell’ente statunitense del settore dei fondi, l’Investment Company Institute.

“Riteniamo che la SEC (regolatrice degli Stati Uniti) dovrebbe dare la priorità all’obbligo di un’adeguata divulgazione aziendale delle informazioni sul clima”.

Il mese prossimo la Piattaforma internazionale sulla finanza sostenibile, un organismo i cui membri includono UE, Gran Bretagna, Canada e Giappone, pubblicherà un rapporto sulle caratteristiche comuni nelle tassonomie esistenti, per cercare di creare un riferimento condiviso su come i diversi paesi stanno definendo gli investimenti verdi.

L’obiettivo è aiutare gli investitori a confrontare le giurisdizioni e consolidare i principi che le tassonomie future dovrebbero seguire.

Un portavoce della Commissione europea ha affermato che le tassonomie dovrebbero condividere caratteristiche chiave come l’obiettivo di allinearsi all’accordo di Parigi sul clima.

“La cooperazione internazionale è fondamentale per evitare differenze sostanziali che potrebbero comportare maggiori costi amministrativi e, a loro volta, ostacolare i flussi transfrontalieri di capitale verde”, ha affermato il portavoce.

Ma con le principali economie impostate sulle proprie proposte e gli Stati Uniti che non prevedono di introdurne affatto, alcuni gestori patrimoniali non sperano in un coordinamento internazionale, nemmeno sulle caratteristiche di progettazione di base delle tassonomie.

“Penso che sia molto, molto improbabile che arriveremo mai a una posizione in cui possiamo avere una serie concordata di linee guida e definizioni”, ha affermato Joshua Kendall, responsabile degli investimenti responsabili di Insight Investment.

Michael Marshall, capo della proprietà sostenibile presso il regime pensionistico Railpen, concorda: “Non riesco a vedere i politici in diversi paesi resistere alla tentazione di superare i loro vicini e avere la tassonomia per battere tutte le tassonomie”.

La tassonomia dei 27 paesi dell’UE sembra essere la più completa e rigorosa quando verrà lanciata il prossimo anno. Il sistema europeo fisserà criteri specifici sulle emissioni e altri parametri che ogni attività economica deve soddisfare per essere classificata come investimento verde, anche se ha ancora lacune controverse da colmare, come ad esempio l’inclusione del gas e dell’energia nucleare.

Ciò potrebbe vedere i fondi desiderosi di lucidare le loro credenziali sostenibili e cercare di allinearsi più strettamente al quadro dell’UE.

Date le loro dimensioni di mercato e il loro lancio anticipato, i sistemi dell’UE e della Cina vengono utilizzati come punto di partenza per lo sviluppo di altre tassonomie nazionali.

Ad esempio, la tassonomia del Sudafrica ha in gran parte seguito l’approccio dell’UE, mentre Russia e Mongolia hanno attinto al progetto cinese, sebbene con differenze nei livelli di dettaglio e copertura, secondo un documento delle Nazioni Unite sulle normative sugli investimenti sostenibili pubblicato il mese scorso.

I partecipanti al mercato vedono ancora un limite al possibile coordinamento globale, dal momento che i paesi stanno progettando tassonomie per aiutare a raggiungere gli obiettivi climatici nazionali che variano da stato a stato.

L’UE prevede una riduzione del 55% delle sue emissioni nette di gas serra entro il 2030, rispetto ai livelli del 1990. L’obiettivo della Cina è che le sue emissioni annuali smettano di crescere entro quella data.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento