Home Attualità Francia: “Non vogliamo il tuo pass sanitario”, i manifestanti marciano per il quarto fine settimana

Francia: “Non vogliamo il tuo pass sanitario”, i manifestanti marciano per il quarto fine settimana

by Freelance

Di Ginevra Lestingi

I manifestanti hanno marciato sabato nelle città di tutta la Francia per il quarto fine settimana consecutivo, denunciando quelle che considerano regole oppressive che costringono gli operatori sanitari a farsi vaccinare contro il COVID-19 e i cittadini ad avere un pass sanitario per molte attività quotidiane.

A Lione, la polizia ha sparato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti lanciando proiettili contro le loro linee.

I manifestanti si sono anche radunati per le strade di Parigi, Nizza, Montpellier e altre città sventolando cartelli con la scritta “No alla dittatura” e cantando “Macron, non vogliamo il tuo libretto sanitario”.

Oltre 230.000 hanno preso parte alle proteste in tutta la Francia, il numero più alto nell’ultimo mese, ha affermato il ministero degli Interni.

Le proteste hanno unito un gruppo disparato contro la legislazione del presidente Emmanuel Macron, che dovrebbe aiutare a contenere una quarta ondata di infezioni da COVID-19 che si stanno diffondendo in tutta la Francia e aiutare a salvaguardare la ripresa economica del Paese.

Tra i manifestanti ci sono anarchici di estrema sinistra e militanti di estrema destra, resti del movimento antigovernativo “Gilet giallo” che ha scosso la leadership di Macron nel 2018-2019, e anche altri cittadini che sono contro i vaccini o considerano il lasciapassare sanitario discriminatorio.

I tassi di vaccinazione sono aumentati dopo che Macron ha svelato i suoi piani di abbonamento sanitario il mese scorso. Due terzi di tutti i francesi hanno ricevuto una dose e il 55% è completamente vaccinato.

Da lunedì, le persone dovranno mostrare un pass sanitario per mangiare in un ristorante, accedere a cure non di emergenza in un ospedale o viaggiare su un treno intercity. Servono già per accedere a piscine, musei e discoteche.

Gli operatori sanitari hanno tempo fino al 15 settembre per ottenere le vaccinazioni o rischiano la sospensione.

“Preferirei non essere pagata piuttosto che essere costretta a fare il vaccino”, ha detto la psichiatra dell’ospedale Diane Hekking mentre protestava a Parigi.

Pass sanitari simili – che mostrano la prova della vaccinazione o un recente test negativo – sono stati introdotti in altri paesi europei, ma il pass della Francia e il suo ordine di vaccinazione obbligatorio per gli operatori sanitari sono forse i più di vasta portata.

I manifestanti in Francia accusano Macron di calpestare le loro libertà e di trattare i cittadini in modo diseguale. Il presidente afferma che le libertà comportano responsabilità che includono la protezione della salute degli altri.

La maggioranza dei francesi sostiene il pass sanitario, mostrano i sondaggi. La più alta autorità costituzionale francese ha stabilito giovedì che la legislazione è conforme alla carta fondativa della Repubblica.

Nella città settentrionale di Cambrai, quasi tutti i ristoranti e i caffè hanno chiuso i battenti per protestare contro i requisiti del pass sanitario.

“Non siamo contro il vaccino. Siamo contrari a dover eseguire controlli sui nostri clienti”, ha detto il bar manager Laurent Zannier.

In Polonia, migliaia di persone hanno marciato per protestare contro le restrizioni relative al COVID-19 nella città meridionale di Katowice mentre il governo del paese discuteva se imporre restrizioni alle persone non vaccinate.

I polacchi sono divisi sulla questione con diversi sondaggi che mostrano il supporto per le restrizioni sulle persone non vaccinate tra il 43-54%, a seconda della gravità delle restrizioni.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento