Home Attualità Disastro nucleare di Fukushima a dieci anni dalla tragedia

Disastro nucleare di Fukushima a dieci anni dalla tragedia

by Freelance

Di Eugenio Magnoli

L’11 marzo 2011, il più grande terremoto mai registrato in Giappone provoca enormi devastazioni e il conseguente tsunami decima la regione di Tōhoku nel nord-est di Honshu. Oltre alla già orribile distruzione e perdita di vite umane, il disastro naturale provoca anche un disastro nucleare nella centrale nucleare di Fukushima Daiichi. Il disastro di Fukushima è considerato il secondo peggior disastro nucleare della storia, costringendo il trasferimento di oltre 100.000 persone.

Durante l’emergenza, ciascuno dei tre reattori nucleari operativi dell’impianto di Fukushima si è spento con successo, ma i sistemi di alimentazione e di raffreddamento di backup hanno fallito. Di conseguenza, il calore residuo ha causato la parziale fusione delle barre di combustibile in tutti e tre i reattori. Mentre gli equipaggi perquisivano le macerie alla ricerca di sopravvissuti e la nazione vacillava per il terremoto e il conseguente tsunami, il disastro nucleare si è svolto nel corso di diversi giorni. I reattori 1 e 3 sono esplosi rispettivamente il 12 e il 14 marzo, spingendo il governo a evacuare tutti entro un raggio di 20 km. Un’altra esplosione nell’edificio che ospita il Reattore 2 il 15 marzo ha rilasciato ancora più radiazioni e migliaia di persone hanno lasciato le loro case mentre i lavoratori hanno utilizzato elicotteri, cannoni ad acqua e pompe dell’acqua di mare per cercare di raffreddare l’impianto surriscaldato.

La piena estensione della ricaduta è diventata evidente nei mesi successivi, con il governo che alla fine ha evacuato tutti i residenti entro un raggio di 30 km dalla centrale. All’incidente non è stato inizialmente attribuito alcun decesso, sebbene ciò sia stato di scarso conforto per i 154.000 evacuati o per i cari delle oltre 18.000 persone che hanno perso la vita a causa del terremoto e dello tsunami. Alcuni hanno suggerito che un’evacuazione così ampia non fosse necessaria, poiché i livelli di radiazione sembrano essere scesi al di sotto di quanto previsto nell’immediato scontro dell’incidente.

Sebbene molti siano stati in grado di tornare alle loro case, una “zona di difficile restituzione” di 371 chilometri quadrati rimane evacuata a partire dal 2021 e il vero pedaggio potrebbe non essere noto per decenni. Nel 2018, il governo ha annunciato che l’ex operaio dell’impianto che aveva prestato servizio durante il disastro è stata la prima morte ufficialmente attribuita alle radiazioni del disastro, che oggi è considerata seconda solo a Chernobyl nella classifica dei famigerati incidenti nucleari.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento