Home In evidenza Crisi energetica: La proposta “indecente” di Putin all’Unione europea

Crisi energetica: La proposta “indecente” di Putin all’Unione europea

by Nik Cooper

Il presidente russo Vladimir Putin sta allegramente pungolando l’UE sui prezzi dell’energia salita alle stelle, ma il blocco non ha davvero nessuno strumento per forzare un cambiamento di comportamento a Mosca.

L’ultimo colpo di Putin è arrivato all’inizio di questa settimana durante la conferenza Valdai a Sochi, dove ha ridicolizzato l’UE per aver abbandonato i contratti di gas a lungo termine con la Russia, tirando fuori un vecchio racconto popolare russo in cui ha paragonato il blocco a uno sfortunato lupo con la coda congelata in un buco di ghiaccio grazie a una volpe astuta e ha aggiunto che potrebbe aiutare inviando all’UE il gas extra di cui ha bisogno, se i regolatori approvassero solo il suo progetto preferito, il gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia alla Germania. La Polonia, per esempio, ne ha abbastanza.

In una lettera che sembra una lunga lista di lamentele per la mancata fornitura di gas a sufficienza prima dell’inverno Varsavia ha chiesto al commissario europeo per la concorrenza Margrethe Vestager di avviare un’indagine sulla Gazprom, finanziata dallo stato russo, per manipolazione del mercato e abuso di posizione dominante su mercati dell’energia ai sensi dell’articolo 102 del trattato sul funzionamento dell’UE.

Due partecipanti alla riunione del Consiglio sull’energia di giovedì hanno affermato che il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha auspicato l’avvio di un’indagine per “ridurre la sobrietà di Gazprom” e darle una lezione.

L’idea ha ottenuto il sostegno di Italia e Paesi Bassi nelle riunioni di livello inferiore all’inizio di questa settimana, sebbene la Germania sia fortemente contraria, ha affermato un diplomatico dell’UE.

Tuttavia, sebbene la Commissione debba rispondere a una richiesta polacca, non è obbligata ad avviare un’indagine sulla concorrenza.

L’ultima volta che le autorità garanti della concorrenza hanno preso di mira Gazprom è stato nel 2015, quando hanno affermato che il colosso del gas russo stava applicando prezzi “sleali”, ma il caso è fallito e nel 2018 Gazprom è stata licenziata senza multa.

Questa volta sarebbe ancora più difficile intentare una causa contro Gazprom, poiché afferma che sta adempiendo a tutti i suoi contratti di fornitura, utilizzando gas extra per rifornire le riserve di stoccaggio della Russia. La Russia fornisce circa il 40% del gas naturale dell’UE.

“La Commissione sta attualmente esaminando tutte le accuse di possibile comportamento anticoncorrenziale da parte delle società che producono e forniscono gas naturale all’Europa al fine di verificare se l’attuale situazione sui mercati all’ingrosso del gas in Europa può essere attribuita a comportamenti commerciali da parte degli operatori di mercato”, ha detto venerdì un portavoce della Commissione.

La Commissione Europea ha sostenuto che l’aumento del prezzo del gas è un fenomeno globale temporaneo e gestibile estraneo alla sua agenda climatica e alle politiche di liberalizzazione del mercato dell’energia, che hanno scoraggiato i contratti di fornitura di gas a lungo termine a favore di un trading open market buy-quando-vuoi sistema.

La presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha dichiarato al Parlamento europeo: “Sebbene Gazprom abbia onorato i suoi contratti a lungo termine con noi, non ha risposto alla maggiore domanda come ha fatto negli anni precedenti”. Si è lamentata del fatto che “questo ci rende vulnerabili” e ha chiesto sforzi per diversificare i fornitori.

Ma i paesi che non stanno cercando di diversificare hanno effettivamente fatto meglio. L’Ungheria, alleata del Cremlino che il mese scorso ha firmato due accordi di 15 anni per il gas russo, non ha problemi di approvvigionamento.

Ciò ha spinto il primo ministro ceco Andrej Babiš a etichettare l’incapacità del suo paese di assicurarsi accordi a lungo termine simili per ragioni politiche “un errore”.

Ha esortato la Commissione a ripensare la sua strategia per ridurre la dipendenza dal gas dalla Russia. “Dimentica di diventare indipendente dalla Russia, questo non accadrà mai”, ha detto Babiš agli altri leader.

Putin è ansioso di firmare quegli accordi, dicendo giovedì che “le società europee che ricevono gas da Gazprom con contratti a lungo termine lo pagano quattro volte in meno” rispetto ai prezzi di mercato spot.

Ma molti sono cauti nel rinnovare tali legami a lungo termine con la Russia, specialmente dopo aver appreso la notizia della vicina Moldova che è stata schiacciata nei negoziati sul gas.

Il primo ministro lettone Krišjānis Kariņš ha affermato che, data la vulnerabilità dell’UE nei confronti della Russia, l’affermazione di Putin secondo cui buone relazioni politiche portano a buone relazioni sul gas equivaleva a un ricatto.

I ministri dell’Energia dell’Ue discuteranno della questione martedì al Consiglio Energia straordinario.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento