Home Attualità Controffensiva dell’Ucraina “improbabile” prima dell’arrivo di altre armi

Controffensiva dell’Ucraina “improbabile” prima dell’arrivo di altre armi

by Nik Cooper

È improbabile che l’Ucraina lanci una controffensiva contro la Russia prima di metà giugno, nella speranza che fino ad allora arrivino più armi dai suoi alleati, ha affermato un consigliere del presidente Volodymyr Zelenskiy.

Il consigliere politico Oleksiy Arestovych ha anche affermato di non aspettarsi che l’offensiva russa in Ucraina produca “risultati significativi” entro il “Giorno della vittoria” della Russia il 9 maggio, giornata della celebrazione della sconfitta della Germania nazista nella seconda guerra mondiale.

Intanto il consigliere ha detto che sono in corso combattimenti nelle acciaierie Azovstal dove soldati ucraini e alcuni civili sono rintanati nella città di Mariupol.

Il vice comandante ucraino del battaglione Azov che combatte nelle acciaierie Azovstal ha accusato le truppe russe di ostacolare gli sforzi per evacuare i civili.

In un video pubblicato su Telegram, il capitano Svyatoslav Palamar ha dichiarato: “È il terzo giorno da quando il nemico è entrato nella fabbrica dell’Azovstal, dove continuano pesanti e sanguinosi combattimenti”.

“Ancora una volta, i russi hanno infranto le loro promesse di cessate il fuoco e non hanno consentito l’evacuazione dei civili che continuano a ripararsi dai bombardamenti nei sotterranei della fabbrica”.

“Il nostro nemico non osserva norme, convenzioni o leggi etiche”.

Palamar ha anche chiesto al presidente ucraino Volodymyr Zelensky di “prendersi cura dei soldati feriti che stanno morendo in un’orribile agonia perché non ci sono cure mediche adeguate” e ha chiesto ulteriore assistenza per l’evacuazione dei civili.

In precedenza, un portavoce del Cremlino è stato citato per aver affermato che la Russia non stava prendendo d’assalto l’impianto e che i corridoi umanitari fuori dalle acciaierie erano funzionanti.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento