Home Cronaca Congo: Manifestanti saccheggiano gli uffici delle forze di pace delle Nazioni Unite

Congo: Manifestanti saccheggiano gli uffici delle forze di pace delle Nazioni Unite

by Freelance

Di Gaia Marino

Centinaia di manifestanti hanno preso d’assalto un magazzino di una forza di pace delle Nazioni Unite e hanno saccheggiato uffici a Goma, nella Repubblica Democratica del Congo orientale.

I manifestanti hanno bloccato le strade della città con rocce e ciottoli, hanno saccheggiato gli uffici, portato via alcuni materiali e dato fuoco a un cancello del complesso della missione.

La missione ha affermato in una dichiarazione che l’attacco è avvenuto il giorno dopo osservazioni e minacce ostili fatte da individui e gruppi contro le Nazioni Unite.

“Gli incidenti a Goma non sono solo inaccettabili, ma totalmente controproducenti. La MONUSCO è incaricata dal Consiglio di sicurezza di supportare le autorità nella protezione dei civili”, ha affermato il capo missione ad interim, Khassim Diagne, nella dichiarazione.

“Non è nel caos, nella confusione o nella divisione che faremo progressi verso la stabilizzazione e la pace”.

La protesta è stata convocata da una fazione dell’ala giovanile del partito al governo UDPS del presidente Felix Tshisekedi, che ha affermato in una dichiarazione di chiedere il ritiro immediato delle forze di pace delle Nazioni Unite per quella che ha descritto come la loro inefficacia.

Un’altra fazione dell’ala giovanile, tuttavia, ha sconfessato la protesta.

Il governo congolese sta monitorando da vicino la situazione, ha detto il suo portavoce.

“Il governo condanna fermamente qualsiasi forma di attacco contro il personale e le strutture delle Nazioni Unite”, ha affermato Patric Muyaya su Twitter. “I responsabili saranno perseguiti e severamente puniti”.

La tensione è alta nella regione orientale, dove gli scontri in ripresa tra l’esercito congolese e il gruppo ribelle M23 hanno causato migliaia di sfollati.

Continuano anche gli attacchi di militanti legati allo Stato Islamico nonostante lo stato di emergenza durato un anno e le operazioni congiunte contro di loro da parte degli eserciti congolese e ugandese.

Separatamente, Human Rights Watch ha dichiarato lunedì in un rapporto che il gruppo ribelle M23 aveva sommariamente ucciso almeno 29 civili da metà giugno nelle aree sotto il loro controllo.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento