Home Cronaca Confermata la condanna per genocidio contro l’ex capo militare serbo-bosniaco Mladic

Confermata la condanna per genocidio contro l’ex capo militare serbo-bosniaco Mladic

by Freelance

Martedì i giudici delle Nazioni Unite per i crimini di guerra hanno confermato la condanna per genocidio e l’ergastolo contro l’ex comandante militare serbo-bosniaco Ratko Mladic, confermando il suo ruolo centrale nelle peggiori atrocità in Europa dalla seconda guerra mondiale.

Mladic, 78 anni, guidò le forze serbo-bosniache durante la guerra in Bosnia del 1992-95. È stato condannato nel 2017 con l’accusa di genocidio, crimini contro l’umanità e crimini di guerra, compreso il terrore della popolazione civile della capitale bosniaca Sarajevo durante un assedio di 43 mesi e l’uccisione di oltre 8.000 uomini e ragazzi musulmani nella città bosniaca orientale di Srebrenica nel 1995.

Mladic, che aveva contestato sia il verdetto di colpevolezza che l’ergastolo al suo processo, indossava una camicia elegante e un abito nero e stava guardando il pavimento mentre la sentenza d’appello veniva letta nel tribunale dell’Aia.

La camera d’appello “respinge l’appello di Mladic nella sua interezza…, respinge l’appello dell’accusa nella sua interezza…, afferma la condanna all’ergastolo inflitta a Mladic dalla camera di prova”, si legge in una sintesi scritta della sentenza.

L’esito chiude 25 anni di processi presso il Tribunale penale internazionale ad hoc per l’ex Jugoslavia, che ha condannato 90 persone. L’ICTY è uno dei predecessori della Corte penale internazionale, il primo tribunale permanente per i crimini di guerra al mondo, anch’esso con sede all’Aia.

“Oggi è un giorno storico non solo per noi madri di Srebrenica, ma per tutti i Balcani, l’Europa e il mondo”, ha detto prima dell’udienza Munira Subasic, il cui figlio e marito sono stati uccisi dalle forze nazionaliste serbe che hanno invaso Srebrenica. “Ovunque andasse il suo esercito, ovunque andassero i suoi stivali, commetteva un genocidio nei villaggi, nelle città, nelle case. Uccideva tutti solo perché non erano serbi”.

A Washington, la Casa Bianca ha elogiato il lavoro dei tribunali delle Nazioni Unite nell’assicurare alla giustizia gli autori di crimini di guerra.

“Questo giudizio storico mostra che coloro che commettono crimini orribili saranno ritenuti responsabili. Rafforza anche la nostra volontà condivisa di impedire che si verifichino atrocità future in qualsiasi parte del mondo”, ha affermato in una nota.

I giudici d’appello hanno affermato che Mladic, che dopo la sua incriminazione dall’ICTY è stato latitante per 16 anni fino alla sua cattura nel 2011, sarebbe rimasto in custodia all’Aia mentre venivano presi accordi per il suo trasferimento in uno stato in cui sconterà la pena. Non si sa ancora quale paese lo prenderà.

Finora quattordici paesi europei hanno accolto condannati alla corte delle Nazioni Unite per scontare le loro condanne. L’ex leader politico serbo-bosniaco Radovan Karadzic è stato trasferito in una prigione britannica nel maggio di quest’anno.

Gli avvocati di Mladic avevano sostenuto che l’ex generale non poteva essere ritenuto responsabile di possibili crimini commessi dai suoi subordinati. Hanno chiesto l’assoluzione o un nuovo processo.

I pubblici ministeri avevano chiesto alla commissione d’appello di confermare integralmente la condanna e l’ergastolo di Mladic.

Volevano anche che fosse giudicato colpevole di un’ulteriore accusa di genocidio per una campagna di pulizia etnica – un tentativo di espellere bosniaci musulmani, croati e altri non serbi al fine di ritagliarsi una Grande Serbia, nei primi anni della guerra che includeva campi di detenzione brutali che hanno scioccato il mondo.

Anche questo ricorso dell’accusa è stato respinto. Il verdetto del 2017 ha rilevato che la campagna di pulizia etnica equivaleva a persecuzione – un crimine contro l’umanità – ma non a genocidio.

Il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite Michelle Bachelet ha detto martedì che la sentenza finale di Mladic significa che il sistema di giustizia internazionale lo ha tenuto a rispondere.

“I crimini di Mladić sono stati l’orribile culmine dell’odio alimentato per guadagno politico”, ha detto Bachelet in una nota. “La decisione di oggi riguarda la sua responsabilità individuale per i suoi atti terribili, non la punizione collettiva o l’attribuzione della colpa a una particolare comunità”.

Mladic è stato trovato al suo processo come parte di “una cospirazione criminale” nel tentativo di eliminare la Bosnia dai non serbi con il sostegno critico dell’allora presidente serbo Slobodan Milosevic, morto nel 2006 poco prima del verdetto nel suo stesso processo dell’ICTY per genocidio e crimini contro l’umanità.

Mladic è stato giudicato dalla corte inferiore dell’ICTY per aver svolto un ruolo di primo piano in alcuni dei crimini più raccapriccianti commessi sul suolo europeo dall’Olocausto nazista della seconda guerra mondiale.

Il tribunale ha stabilito che Mladic è stato fondamentale nel massacro di Srebrenica – avvenuto in una “zona sicura” designata dalle Nazioni Unite per i civili – poiché controllava sia le unità militari che quelle di polizia coinvolte.

“Gli atti degli accusati sono stati così strumentali alla commissione dei crimini che senza di loro, i crimini non sarebbero stati commessi come sono stati”, si legge nel riassunto del verdetto.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento