Home Attualità Aperta inchiesta su Hunter Biden, figlio del presidente eletto Joe

Aperta inchiesta su Hunter Biden, figlio del presidente eletto Joe

by Nik Cooper

Hunter Biden, il figlio del presidente eletto Joe, ha annunciato mercoledì che i pubblici ministeri federali del Delaware stanno indagando sui suoi “affari fiscali”, uno sviluppo che segna l’ultima controversia che circonda gli impegni di affari privati ​​della famiglia Biden.

L’indagine del Dipartimento di Giustizia che esamina le tasse di Hunter Biden ha esaminato alcuni dei suoi rapporti d’affari cinesi, tra le altre transazioni finanziarie, ha detto mercoledì all’Associated Press una persona che ha familiarità con la questione.

La rivelazione mette sotto nuova luce le domande sui suoi rapporti finanziari che hanno perseguitato la campagna di successo di suo padre alla Casa Bianca. Hunter Biden è stato al centro delle lamentele repubblicane durante la campagna per i rapporti d’affari con l’Ucraina e la Cina. Ma Hunter Biden non è stato accusato, e due commissioni del Congresso a guida repubblicana a settembre non hanno riscontrato alcun illecito da parte di Joe Biden.

Gli avversari politici, compreso il presidente Donald Trump, hanno accusato l’ex vicepresidente di trarre vantaggio dagli affari di suo figlio. Ma Joe Biden ha negato qualsiasi rapporto illegale o non etico con suo figlio.

Hunter Biden ha detto mercoledì di aver appreso martedì che i pubblici ministeri federali stavano indagando sui suoi affari fiscali.

“Prendo la questione molto seriamente, ma sono fiducioso che una revisione professionale e obiettiva di queste questioni dimostrerà che ho gestito i miei affari legalmente e in modo appropriato, anche con il vantaggio di consulenti fiscali professionisti”, ha affermato Hunter Biden in una dichiarazione.

L’indagine è stata avviata nel 2018, un anno prima che suo padre annunciasse la sua candidatura alla presidenza, ma non è chiaro quali entità potrebbero essere coinvolte nell’indagine, secondo quanto riportato dall’Associated Press.

Secondo una persona che ha familiarità con le indagini, gli investigatori federali hanno inviato una serie di citazioni in giudizio martedì, anche per Hunter Biden, che ha parlato a condizione di anonimato per discutere di un’indagine in corso. L’indagine fiscale si concentra sui suoi rapporti d’affari, ha detto la persona.

Gli investigatori non hanno contattato nelle settimane precedenti le elezioni a causa di una politica del Dipartimento di Giustizia che circonda le elezioni che proibisce atti investigativi palesi, ha detto una delle persone.

L’ufficio di transizione di Biden ha dichiarato che il presidente eletto abbia detto: “Sono profondamente orgoglioso di mio figlio, che ha combattuto sfide difficili, inclusi i feroci attacchi personali degli ultimi mesi, solo per emergere più forte”.

La divulgazione dell’indagine federale, guidata dall’ufficio del procuratore degli Stati Uniti in Delaware, arriva in un momento imbarazzante per il presidente entrante, che sta riunendo il suo gabinetto. La sua scelta per il procuratore generale potrebbe avere la supervisione delle indagini sul figlio del nuovo presidente se è ancora in corso quando Biden presterà giuramento il 20 gennaio.

L’avvocato personale di Trump, Rudy Giuliani, ha detto nelle ultime settimane della campagna che un laptop recuperato da un’officina del Delaware avrebbe rivelato una serie di prove contro Hunter Biden. Ma l’FBI stava indagando sul laptop come potenziale disinformazione proveniente dalla Russia per influenzare le elezioni.

Un articolo del 14 ottobre sul New York Post ha accusato il figlio di Biden di corruzione in base al suo lavoro come consigliere della compagnia energetica ucraina Burisma.

Ma la storia, basata sul materiale del laptop, è stata criticata per essersi affidata a fonti e documenti discutibili.

Un punto centrale dell’articolo si riferisce a un’e-mail di Vadym Pozharskyi, un consigliere di Burisma, che ha ringraziato Hunter Biden per “aver dato l’opportunità di incontrare tuo padre e trascorso (sic) un po’ di tempo insieme”. Se fosse vero, l’affermazione minerebbe le ripetute affermazioni di Joe Biden di non aver mai parlato a suo figlio di rapporti d’affari in Ucraina.

Ma la campagna di Biden ha negato categoricamente che un incontro sia mai avvenuto. “Non hanno mai avuto un incontro”, ha detto Andrew Bates, un portavoce della campagna. “Non ho letteralmente mai sentito parlare di questa persona in vita mia”, ha detto a Politico Amos Hochstein, un ex membro dello staff di Biden.

Il rappresentante Ken Buck, R-Colo., Lunedì aveva invitato il Dipartimento di Giustizia a nominare un avvocato speciale per indagare su Hunter Biden sul laptop. “Questo deve essere indagato senza interferenze politiche”, ha detto Buck in un tweet. “Non importa chi è alla Casa Bianca.”

La Camera ha messo sotto accusa Trump e il Senato lo ha assolto dalle accuse di abuso di potere e ostruzione al Congresso dopo un’indagine basata in parte su una chiamata del 2019 fatta da Trump al presidente dell’Ucraina, esortandolo a indagare sui Bidens.

I Democratici del Congresso hanno perseguito le accuse nel tentativo di costringere Trump alla ritirata e hanno definito la richiesta di un’indagine una macchia dell’avversario politico di Trump.

Trump ha provocato Biden ripetutamente durante la campagna sul laptop. “Joe Biden è un politico corrotto, e tutti lo sanno”, ha detto Trump in un tweet. “Il laptop è devastante!” Trump ha detto in un altro tweet.

Biden ha detto ai giornalisti di non aver avuto risposta alle accuse nei giorni successivi alla notizia del New York Post. “Un’altra campagna diffamatoria”, ha detto Biden. “Proprio nel tuo vicolo”.

Una terza persona che ha familiarità con la questione ha detto che l’indagine fiscale non ha nulla a che fare con il laptop. Come le altre persone che hanno parlato con l’AP, la persona non era autorizzata a discutere pubblicamente la questione e ha parlato a condizione di anonimato.

Al primo dibattito presidenziale su Fox News, Trump ha accusato Hunter Biden di essere stato espulso dall’esercito per uso di cocaina e successivamente pagato milioni in Ucraina e Cina senza lavorare. Ma Biden ha detto che suo figlio non è stato congedato in modo disonorevole e che le accuse contro di lui erano state smentite.

“Mio figlio come molte persone a casa aveva un problema di droga”, ha detto Joe Biden. “L’ha superato. Ci ha lavorato. E sono orgoglioso di lui. Sono orgoglioso di mio figlio”.

L’ex vicepresidente ha sollevato recenti rapporti secondo cui Trump abbia un conto bancario segreto in Cina. “Sta parlando di me che prendo soldi dalla Cina? Non ho preso un centesimo da nessun paese. Mai. Mai. Mai”.

“Niente era immorale”, ha detto Joe Biden del ruolo di Hunter Biden nel consiglio della compagnia energetica ucraina Burisma. “Mio figlio non ha fatto soldi dalla Cina. L’unico ragazzo che ha fatto soldi dalla Cina era questo ragazzo”, ha detto, dirigendo i suoi commenti a Trump.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento