Home Attualità Alle donne afghane sarà vietato praticare sport, affermano i talebani

Alle donne afghane sarà vietato praticare sport, affermano i talebani

by Nik Cooper

Proprio mentre con l’Afghanistan e i talebani si discute per preservare i diritti, soprattutto quelli delle donne, ecco che arriva una decisione scioccante da Oriente: Le donne afghane, inclusa la squadra di cricket femminile del paese, saranno bandite dallo sport sotto il nuovo governo talebano.

In un’intervista all’emittente australiana SBS, il vice capo della commissione culturale dei talebani, Ahmadullah Wasiq, ha affermato che lo sport femminile non è considerato né appropriato né necessario.

“Non credo che alle donne sarà permesso giocare a cricket perché non è necessario che le donne giochino a cricket”, ha detto Wasiq. “Nel cricket, potrebbero affrontare una situazione in cui il loro viso e il loro corpo non saranno coperti. L’Islam non permette che le donne siano viste così”.

“È l’era dei media, ci saranno foto e video, e poi la gente lo guarderà. L’Islam e l’Emirato Islamico [Afghanistan] non consentono alle donne di giocare a cricket o praticare il tipo di sport in cui vengono esposte”.

Un nuovo governo ad interim talebano formato esclusivamente da ranghi lealisti ha formalmente iniziato a lavorare mercoledì, con la linea dura consolidata in tutti i posti chiave e nessuna donna, nonostante le precedenti promesse di formare un’amministrazione inclusiva.

Il dipartimento di stato degli Stati Uniti ha espresso preoccupazione per il fatto che il nuovo governo includesse solo talebani, niente donne e personalità con precedenti preoccupanti.

La dichiarazione accuratamente formulata indicava che il governo era provvisorio, ma affermava che i talebani sarebbero stati mantenuti alla loro promessa di dare un passaggio sicuro a cittadini stranieri e afgani, con documenti di viaggio adeguati, e garantire che il suolo afghano non sarebbe stato utilizzato come base per danneggiare un altro Stato.

“Il mondo sta guardando da vicino”, ha detto la dichiarazione. L’UE ha anche condannato il nuovo governo per la sua mancanza di inclusione, affermando che non ha rispettato i voti dei nuovi governanti di includere diversi gruppi.

“A una prima analisi dei nomi annunciati, non sembra la formazione inclusiva e rappresentativa in termini di ricca diversità etnica e religiosa dell’Afghanistan che speravamo di vedere e che i talebani stavano promettendo nelle ultime settimane”, ha detto un portavoce dell’UE.

Anche Germania, Cina e Giappone hanno offerto una tiepida accoglienza mercoledì al governo provvisorio dei talebani in Afghanistan, dopo il fulmineo sequestro di Kabul da parte dei militanti islamisti il ​​mese scorso.

Il ministro degli esteri tedesco, Heiko Maas, ha aggiunto che la composizione incoraggiava poco l’ottimismo sul fatto che i talebani fossero cambiati. “L’annuncio di un governo di transizione senza la partecipazione di altri gruppi e le violenze di ieri contro manifestanti e giornalisti a Kabul non sono segnali di ottimismo”, ha affermato.

È probabile che la questione dei diritti delle donne dominerà il modo in cui il regime viene giudicato dalla comunità internazionale, con la posizione sullo sport femminile e il governo tutto maschile come segnali di avvertimento inquietanti.

Mentre i funzionari del consiglio di cricket afghano affermano di non essere stati informati ufficialmente del destino del cricket femminile, il programma del consiglio per le ragazze è già stato sospeso.

Le sportive, comprese le giocatrici di cricket, si sono nascoste in Afghanistan da quando i talebani sono saliti al potere in mezzo a un precipitoso ritiro delle forze straniere guidato dagli Stati Uniti il ​​mese scorso, con alcune donne che hanno segnalato minacce di violenza da combattenti talebani se vengono sorprese a giocare.

Il divieto di praticare sport arriva tra le prove crescenti che l’atteggiamento dei talebani nei confronti delle donne si è a malapena moderato dall’ultima volta che erano al potere, nonostante le affermazioni contrarie. Anche se il tempo pare stia cancellando poco a poco tutte le promesse fatte e le buone intenzioni esposte.

Mentre i talebani sono passati dalla forza militante al potere di governo, stanno affrontando l’opposizione al loro governo, con proteste sparse – molte con donne in prima linea – che scoppiano nelle città di tutto il Paese.

Un piccolo raduno nella capitale, Kabul, mercoledì è stato rapidamente disperso dalla sicurezza armata dei talebani, mentre i media afgani hanno riferito che anche una protesta nella città nord-orientale di Faizabad è stata sciolta. In centinaia hanno protestato martedì, sia nella capitale che nella città di Herat, dove due persone sono state uccise.

Famosi per il loro governo brutale e oppressivo dal 1996 al 2001, i talebani questa volta avevano promesso un governo più inclusivo. Tuttavia, tutte le posizioni di vertice sono state consegnate ai leader chiave del movimento e della rete Haqqani, la fazione più violenta dei talebani, nota per gli attacchi devastanti.

Il mullah Mohammad Hassan Akhund – un alto ministro durante il regno dei talebani negli anni ’90 – è stato nominato primo ministro ad interim, ha detto il portavoce del gruppo in una conferenza stampa a Kabul.

Il Mullah Mohammad Yaqoob, figlio del fondatore dei talebani e defunto leader supremo, il Mullah Mohammed Omar, è stato nominato ministro della Difesa, mentre la carica di ministro degli Interni è stata affidata a Sirajuddin Haqqani, il leader della rete Haqqani.

Il co-fondatore talebano Abdul Ghani Baradar, che ha supervisionato la firma dell’accordo di recesso degli Stati Uniti nel 2020, è stato nominato vice primo ministro.

“Cercheremo di prendere persone da altre parti del paese”, ha detto il portavoce, Zabihullah Mujahid, aggiungendo che si tratta di un governo ad interim.

Hibatullah Akhundzada, il capo supremo segreto dei talebani, ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che il nuovo governo “lavorerà duramente per sostenere le regole islamiche e la legge della sharia”.

I talebani si erano ripetutamente impegnati negli ultimi giorni a governare con maggiore moderazione di quanto non avessero fatto nel loro ultimo periodo al potere.

“I nuovi talebani sono praticamente gli stessi vecchi talebani”, ha twittato Bill Roggio, caporedattore del Long War Journal con sede negli Stati Uniti.

“Non è affatto inclusivo, e non è affatto una sorpresa”, ha affermato Michael Kugelman, esperto dell’Asia meridionale presso il Woodrow Wilson International Center for Scholars.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento