Home Cronaca Rapporto OMS: “Il Coronavirus probabilmente è passato dai pipistrelli agli umani attraverso un altro animale”

Rapporto OMS: “Il Coronavirus probabilmente è passato dai pipistrelli agli umani attraverso un altro animale”

by Freelance

Di Mirko Fallacia

Uno studio congiunto tra l’OMS e la Cina sulle origini di COVID-19 afferma che la trasmissione del virus dai pipistrelli all’uomo attraverso un altro animale è lo scenario più probabile e che una fuga di dati dal laboratorio è “estremamente improbabile”, secondo una bozza di copia ottenuta da The Associated Press.

I risultati sono stati in gran parte come previsto e hanno lasciato molte domande senza risposta, ma il rapporto ha fornito dettagli approfonditi sul ragionamento alla base delle conclusioni del team. I ricercatori hanno proposto ulteriori ricerche in ogni area tranne l’ipotesi di perdite di laboratorio.

Il rilascio del rapporto è stato ripetutamente ritardato, sollevando dubbi sul fatto che la parte cinese stesse cercando di distorcere le conclusioni per evitare che la colpa della pandemia si abbattesse sulla Cina. Un funzionario dell’Organizzazione mondiale della sanità ha detto alla fine della scorsa settimana che si aspettava che sarebbe stato pronto per il rilascio “nei prossimi giorni”.

Si è avuta quella che sembrava essere una versione quasi definitiva da un diplomatico con sede a Ginevra da un paese membro dell’OMS. Non era chiaro se il rapporto potesse ancora essere modificato prima del suo rilascio. Il diplomatico non ha voluto essere identificato perché non era autorizzato a rilasciarlo prima della pubblicazione.

I ricercatori hanno elencato quattro scenari in ordine di probabilità per l’emergere del virus denominato SARS-CoV-2. In cima alla lista c’era la trasmissione attraverso un secondo animale, che secondo loro era molto probabile. Hanno valutato come probabile la diffusione diretta dai pipistrelli all’uomo e hanno affermato che la diffusione attraverso i prodotti alimentari della “catena del freddo” era possibile ma non probabile.

Il parente più prossimo del virus che causa COVID-19 è stato trovato nei pipistrelli, che sono noti per trasportare i coronavirus. Tuttavia, il rapporto afferma che “la distanza evolutiva tra questi virus pipistrello e SARS-CoV-2 è stimata in diversi decenni, suggerendo un collegamento mancante”.

Ha detto che virus molto simili sono stati trovati nei pangolini, ma ha anche notato che visoni e gatti sono sensibili al virus COVID, il che suggerisce che potrebbero essere portatori.

Il rapporto si basa in gran parte su una visita di un team di esperti internazionali dell’OMS a Wuhan, la città cinese in cui il COVID-19 è stato rilevato per la prima volta, da metà gennaio a metà febbraio.

Peter Ben Embarek, l’esperto dell’OMS che ha guidato la missione di Wuhan, ha detto venerdì che il rapporto è stato finalizzato e che è stato verificato e tradotto.

“Mi aspetto che nei prossimi giorni l’intero processo sarà completato e saremo in grado di renderlo pubblico”, ha detto.

La bozza di rapporto non è conclusiva sul fatto che l’epidemia sia iniziata in un mercato ittico di Wuhan che aveva uno dei primi gruppi di casi nel dicembre 2019.

La scoperta di altri casi prima dello scoppio del mercato di Huanan suggerisce che potrebbe essere iniziato altrove. Ma il rapporto rileva che potrebbero esserci stati casi più lievi che non sono stati rilevati e che potrebbe essere un collegamento tra il mercato e casi precedenti.

“Al momento non è possibile trarre alcuna conclusione definitiva sul ruolo del mercato Huanan nell’origine dell’epidemia o su come l’infezione sia stata introdotta nel mercato”, afferma il rapporto.

Con la diffusione della pandemia a livello globale, la Cina ha trovato campioni del virus sulla confezione di alimenti congelati in entrata nel paese e, in alcuni casi, ha rintracciato focolai localizzati.

Il rapporto afferma che la catena del freddo, come è noto, può essere un fattore di diffusione del virus a lunga distanza, ma era scettico sul fatto che avrebbe potuto innescare l’epidemia. Il rapporto afferma che il rischio è inferiore rispetto all’infezione respiratoria da uomo a uomo e la maggior parte degli esperti concorda.

“Sebbene ci siano alcune prove per una possibile reintroduzione di SARS-CoV-2 attraverso la manipolazione di prodotti congelati contaminati importati in Cina dall’ondata pandemica iniziale, questo sarebbe straordinario nel 2019, dove il virus non era ampiamente diffuso”, afferma lo studio.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento