Home In evidenza Nato, Stoltenberg: “L’Afghanistan di oggi è molto diversa da quella del 2001”

Nato, Stoltenberg: “L’Afghanistan di oggi è molto diversa da quella del 2001”

by Redazione

“Il Consiglio Nord Atlantico si è riunito per discutere dell’Afghanistan. La situazione è estremamente grave e imprevedibile.
Kabul è caduta nelle mani dei talebani che hanno preso il controllo della maggior parte del paese. Sono profondamente rattristato da ciò che vedo accadere in Afghanistan”, ha detto il Segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg.

“L’obiettivo della NATO in questo momento è garantire la partenza sicura del personale dai paesi alleati e partner e degli afgani. La NATO ha lavorato 24 ore su 24 per mantenere le operazioni all’aeroporto internazionale di Kabul”, aggiunge Stoltenberg.

“Sono rimasti circa 800 membri del personale civile della NATO per svolgere funzioni chiave in circostanze molto difficili.
Compreso il controllo del traffico aereo, il carburante e le comunicazioni. E vorrei ringraziarli. Vorrei anche ringraziare le forze militari degli alleati della NATO, in particolare la Turchia, gli Stati Uniti e il Regno Unito per il loro ruolo vitale nel mettere in sicurezza l’aeroporto”.

“Le operazioni in aeroporto stanno ora gradualmente riprendendo. E durante l’incontro di oggi gli alleati hanno annunciato che stanno inviando ulteriori aeroplani”.

“Abbiamo anche mantenuto la nostra presenza diplomatica. Il nostro rappresentante civile senior – sottolinea il Segretario – l’ambasciatore Pontecorvo e il suo team hanno lavorato a stretto contatto con gli alleati e il resto della comunità internazionale per coordinare e facilitare l’evacuazione. E rimaniamo impegnati a completare le evacuazioni, anche dei nostri colleghi afgani, il prima possibile”.

I talebani devono rispettare e facilitare la partenza sicura di tutti coloro che desiderano partire. L’aeroporto, così come le strade e i valichi di frontiera, devono essere aperti. Tutti gli uomini, le donne e i bambini afghani meritano di vivere in sicurezza e dignità”, ribadisce Stoltenberg.

“Ci deve essere un trasferimento pacifico del potere a un governo inclusivo. Senza vendetta. Un governo che non rispetta i diritti fondamentali di tutti gli afghani e ripristina il regno della paura, rischia l’isolamento internazionale”.

“L’anno scorso gli Stati Uniti hanno concordato con i talebani che le truppe statunitensi si sarebbero ritirate entro maggio.
E dopo molte consultazioni, tutti gli alleati hanno accettato di seguire la decisione degli Stati Uniti. La fine della nostra missione militare non è stata facile. Ci trovavamo di fronte a un serio dilemma – rimarca il Segretario della Nato – o se ne va, e si rischia di vedere i talebani riprendere il controllo, oppure resta, e rischia nuovi attacchi e una missione di combattimento a tempo indeterminato”.

“Non abbiamo mai avuto intenzione di rimanere in Afghanistan per sempre. Negli ultimi anni, da oltre 100.000 soldati siamo scesi a meno di 10.000 e ora a zero. Ma quello che abbiamo visto nelle ultime settimane è stato un crollo militare e politico a una velocità che non era stata prevista. Parti delle forze di sicurezza afghane hanno combattuto coraggiosamente.
Ma non sono stati in grado di proteggere il Paese. Perché alla fine, la leadership politica afghana non è riuscita a resistere ai talebani e a raggiungere la soluzione pacifica che gli afgani desideravano disperatamente”.

“Questo fallimento della leadership afghana ha portato alla tragedia a cui stiamo assistendo oggi. Allo stesso tempo, dobbiamo avere una valutazione onesta e lucida dell’impegno della NATO in Afghanistan. Nonostante il nostro considerevole investimento e sacrificio nel corso di due decenni, il crollo è stato rapido e improvviso. Ci sono molte lezioni da imparare”, dichiara Stoltenberg.

“Ma dovremmo anche riconoscere i vantaggi che abbiamo ottenuto. Alleati e partner della NATO sono entrati in Afghanistan dopo l’11 settembre per impedire al paese di fungere da rifugio sicuro per i terroristi internazionali che ci attaccavano. Negli ultimi due decenni, non ci sono stati attacchi terroristici sul suolo alleato organizzati dall’Afghanistan.
Coloro che stanno ora prendendo il potere hanno la responsabilità di garantire che i terroristi internazionali non riacquistino un punto d’appoggio”, rimarca il Segretario.

“Gli alleati hanno le capacità e la vigilanza per affrontare le future minacce terroristiche dall’Afghanistan. Grazie alla nostra presenza militare e al sostegno della comunità internazionale, una nuova generazione di uomini e donne è cresciuta in una nuova Afghanistan”, rassicura Stoltenberg.

Infine conclude il Segretario della Nato dicendo che “l’Afghanistan di oggi è molto diversa dall’Afghanistan del 2001.
Quindi quei guadagni non possono essere facilmente invertiti. Il mondo starà a guardare. E deve continuare a sostenere un Afghanistan stabile e pacifica”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento