Home Estero “Le Débate” di Macron e Le Pen per la corsa all’Eliseo

“Le Débate” di Macron e Le Pen per la corsa all’Eliseo

by Freelance

Di Ginevra Lestingi

Il presidente francese Emmanuel Macron mercoledì ha accusato la sua rivale di estrema destra Marine Le Pen di essere schiava del presidente russo Vladimir Putin per un prestito bancario russo di anni al suo partito durante un acceso dibattito televisivo prima delle elezioni di domenica.

Il presidente francese in carica ha anche accusato Le Pen di nutrire un desiderio immutato di ritirare la Francia dall’Unione Europea (UE), rispondendo con l’impegno di rimettere i soldi nelle tasche di milioni di francesi resi più poveri durante i suoi cinque anni di presidenza.

Il dibattito – l’unico della campagna elettorale – è stato infarcito di appelli di “non interrompermi” e di accuse reciproche nei confronti dell’altro sul fatto di non essere all’altezza del compito di guidare la Francia, membro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che esercita il veto e la seconda economia più grande d’Europa.

“Smettila di confondere tutto”, ha detto a Le Pen a Macron durante un acceso scambio di opinioni sul debito francese, che come altri si è gonfiato a causa delle misure di sostegno alla pandemia.

“Non farmi la predica”, ha risposto Le Pen, che ha evitato le insidie ​​di un precedente incontro nel 2017, quando la sua candidatura presidenziale si è disfatta mentre confondeva i suoi appunti e perdeva l’equilibrio.

Per Le Pen, che è parte da una situazione di svantaggio, il dibattito è stata un’occasione per convincere gli elettori che ha la statura per essere presidente e che non dovrebbero temere di vedere l’estrema destra al potere.

Un sondaggio rapido condotto per il canale televisivo BFM ha mostrato che il 59% degli intervistati ha trovato Macron più convincente e accreditato dei due, tuttavia la sfida è più che aperta per le intenzioni di voto di domenica.

Le linee di attacco più forti di Macron riguardava il prestito al suo partito per la sua campagna del 2017 contratto tramite una banca russa.

“Dipendi dalla potenza russa, dipendi dal signor Putin”, ha detto Macron al suo avversario.

“Molte delle tue scelte possono essere spiegate da questa dipendenza”, ha detto in un attacco alle posizioni politiche di Le Pen che, secondo lui, includevano ancora un “progetto che non osa pronunciare il suo nome” per ritirare la Francia dai 27 membri dell’UE.

Le Pen, che ha attenuato la sua retorica un tempo fermamente anti-UE come parte del tentativo di ampliare il suo appello elettorale, ha respinto sia l’accusa di voler lasciare l’UE sia di essere politicamente compromessa dal prestito bancario russo.

“Sono una donna completamente libera e indipendente”, ha detto.

Con la disoccupazione ai minimi da 13 anni, Macron si è detto orgoglioso della creazione di posti di lavoro durante il suo mandato e ha aggiunto: “Il modo migliore per ottenere potere d’acquisto è combattere la disoccupazione”.

I due candidati hanno continuato ad accusarsi a vicenda di non aver risposto alle reali preoccupazioni degli elettori, con Le Pen che ha affermato che “nella vita reale” le sue proposte avrebbero migliorato la situazione degli elettori molto più del suo avversario.

“Farò della mia priorità assoluta nei prossimi cinque anni restituire i soldi ai francesi”, ha detto Le Pen, aggiungendo che i francesi hanno “sofferto” per tutto il mandato di Macron.

L’elezione presenta agli elettori due visioni opposte della Francia: Macron offre una piattaforma liberale pro-europea, mentre il manifesto nazionalista di Le Pen si basa su un profondo euroscetticismo.

Solo il 14% degli elettori era in attesa del dibattito per decidere per chi votare, mentre il 12% ha affermato che sarebbe decisivo se votare o meno, ha mostrato un sondaggio di OpinionWay-Kea Partners per il quotidiano Les Echos.

Detto questo, dopo che più della metà dell’elettorato ha votato per candidati di estrema destra o di estrema sinistra al primo turno il 10 aprile, il vantaggio di Macron nei sondaggi d’opinione è molto più stretto rispetto a cinque anni fa, quando ha battuto Le Pen con il 66,1%.

Da allora, Le Pen è riuscita almeno in parte ad attirare gli elettori tradizionali mentre Macron non è più lo stesso disgregatore esterno alla politica che era nel dibattito del 2017, che all’epoca ha consolidato il suo status di chiaro favorito.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento