Home Cronaca Le forze russe si ritirano dalle città chiave dell’Ucraina, strategia vincente o false speranze?

Le forze russe si ritirano dalle città chiave dell’Ucraina, strategia vincente o false speranze?

by Nik Cooper

La Russia ha abbandonato il suo bastione nell’Ucraina nord-orientale, in un improvviso crollo di una delle principali linee del fronte della guerra dopo che le forze ucraine hanno fatto una rapida avanzata.

La rapida caduta di Izyum nella provincia di Kharkiv sabato è stata la peggiore sconfitta di Mosca da quando le sue truppe sono state respinte dalla capitale, Kiev, a marzo.

Questo potrebbe rivelarsi un momento cruciale nella guerra di sei mesi, con migliaia di soldati russi che abbandonano scorte di munizioni e attrezzature mentre si ritirano gradualmente.

Le forze russe hanno utilizzato Izyum come base logistica per una delle loro principali campagne: un assalto durato mesi da nord all’adiacente regione del Donbas che comprende Donetsk e Luhansk.

L’agenzia di stampa statale TASS ha citato il ministero della Difesa russo che ha affermato di aver ordinato alle truppe di lasciare le vicinanze e rafforzare le operazioni altrove nella vicina Donetsk.

Il capo dell’amministrazione russa a Kharkiv ha detto ai residenti di evacuare la provincia e fuggire in Russia per “salvare vite”, ha riferito TASS. Testimoni hanno descritto ingorghi di auto con persone che lasciano il territorio controllato dai russi.

La notizia della conquista è arrivata subito dopo che le forze speciali ucraine hanno pubblicato immagini sui social media che mostrano ufficiali in mimetica con armi automatiche a Kupiansk, una città di circa 27.000 persone.

Le truppe ucraine avevano anche liberato Vasylenkovo ​​e Artemivka nella regione di Kharkiv, ha detto il presidente Volodymyr Zelenskyy nel suo discorso serale di sabato.

“L’esercito russo in questi giorni sta dimostrando la sua migliore capacità: mostrare le spalle”, ha detto.

Le forze armate ucraine hanno liberato circa 2.000 kmq di territorio da quando è iniziata la controffensiva contro la Russia all’inizio di questo mese, ha affermato.

Cambio di rotta o false speranze

Non c’era alcuna conferma ufficiale dall’Ucraina che le sue truppe avessero mandato indietro le forze russe da Izyum, ma Andriy Yermak, il capo di stato maggiore di Zelenskyy, ha pubblicato una foto di soldati nella sua periferia e ha twittato un’emoji di uva. Il nome della città significa “uva passa”.

“L’esercito russo rivendica il titolo di esercito più veloce del mondo… continua a correre!” ha scritto Yermak su Twitter.

Izyum è stato “un punto di forza militare chiave per i russi per molti mesi”.

Ci sono volute sei settimane di combattimenti ai russi per impadronirsi di quella città, e ora sembra che gli ucraini l’avranno riconquistata, praticamente in un lasso di tempo compreso tra le 12 e le 24 ore. Una conquista troppo veloce e troppo repentina da non sollevare dei dubbi.

Quando l’esercito ucraino è diventato così tanto più forte dell’esercito russo?

Ma nel frattempo la ritirata russa, che gli ucraini la definiscono una grande vittoria, potrebbe nascondere un lato amaro nella vicenda.

Igor Girkin, un ex comandante delle forze filo-russe nell’Ucraina orientale, ha definito il ritiro russo “una grave sconfitta” nei commenti su Telegram.

Ci sono stati segni di problemi per la Russia altrove lungo le sue posizioni rimanenti sul fronte orientale, con funzionari filo-russi che hanno riconosciuto difficoltà in altre località.

A Donetsk, il leader ribelle filo-russo Denis Pushilin ha affermato che la situazione nella città di Lyman è “molto difficile” e che ci sono stati combattimenti anche in “un certo numero di altre località”, in particolare nella parte settentrionale della regione.

Le riconquiste segnalate arrivano proprio nel momento in cui cresce la pressione su Kiev affinché dimostri i progressi prima dell’arrivo dell’inverno, tra le minacce del presidente russo Vladimir Putin di interrompere tutte le spedizioni di energia in Europa se Bruxelles dovesse portare avanti una proposta per limitare il prezzo delle esportazioni di petrolio russe.

Ma ancora più importante è che Kiev e le forze ucraine riescano a dimostrare di essere in grado di sconfiggere l’esercito russo con le armi da loro fornite, dichiara il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba.

“E quindi ribadisco: più armi riceviamo, più velocemente vinceremo e prima finirà questa guerra”, ha detto.

Sabato scorso, il ministro degli esteri tedesco Annalena Baerbock, in visita nella capitale ucraina, ha dichiarato che Berlino continuerà a sostenere l’Ucraina nella sua lotta contro le forze russe.

“Ho viaggiato a Kiev oggi per dimostrare che possono continuare a fare affidamento su di noi. Che continueremo a sostenere l’Ucraina per tutto il tempo necessario con consegne di armi e sostegno umanitario e finanziario”, ha affermato.

La Russia occupa ancora un vasto territorio nel Donbas e nel sud vicino alla penisola di Crimea, che ha sequestrato nel 2014. L’Ucraina ha parlato per settimane di una grande controffensiva nel sud, che è in corso anche se i dettagli sono ancora superficiali.

Tra i guadagni segnalati nel nord-est, il vice ministro della Difesa ucraino, Hanna Malyar, ha lanciato una nota di avvertimento, esortando le persone a non affermare prematuramente che le città sono state “prese” solo perché le truppe ucraine sono state avvistate.

Le truppe sono entrate nella città di Balakliia pochi giorni fa, ha detto, ma è stato solo sabato che l’Ucraina ha stabilito il controllo della città.

“Pochi giorni fa è stato riferito che le truppe erano entrate in città. Oggi abbiamo finalmente stabilito il controllo della città, svolto tutte le attività necessarie e alzato la bandiera”, ha affermato.

“Ciao a tutti, veniamo dalla Russia”, è stato dipinto a spruzzo su un muro. Tre corpi giacevano in sacchi per cadaveri bianchi in un cortile.

Il capo della polizia regionale, Volodymyr Tymoshenko, ha detto che la polizia ucraina si è trasferita il giorno prima e ha controllato le identità dei residenti locali che avevano vissuto sotto l’occupazione russa dal secondo giorno dell’invasione.

“La prima funzione è fornire l’aiuto di cui hanno bisogno. Il prossimo compito è documentare i crimini commessi dagli invasori russi nei territori che hanno temporaneamente occupato”, ha affermato. Ma la guerra è ancora lunga e estenuante e il tentativo di riconquista ucraino potrebbe essere l’ennesimo fuoco di paglia dalle vane speranze.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento