Home DIRITTI CIVILI La polizia imprigiona oltre 1.500 manifestanti che protestano per l’arresto di Navalny

La polizia imprigiona oltre 1.500 manifestanti che protestano per l’arresto di Navalny

by Nik Cooper

La polizia ha arrestato oltre 1.500 persone e ha usato la forza per interrompere le manifestazioni in tutta la Russia sabato, mentre decine di migliaia di manifestanti hanno chiesto il rilascio del critico del Cremlino Alexei Navalny, la cui moglie era tra i detenuti.

Navalny aveva invitato i suoi sostenitori a protestare dopo essere stato arrestato lo scorso fine settimana mentre era tornato in Russia dalla Germania per la prima volta da quando era stato avvelenato con un agente nervino che, secondo lui, gli era stato applicato alle mutande dagli agenti della sicurezza statale in agosto.

Le autorità avevano avvertito le persone di stare alla larga dalle proteste di sabato, dicendo che avrebbero rischiato di prendere il COVID-19, nonché il processo e il possibile carcere per aver partecipato a un evento non autorizzato.

Ma i manifestanti hanno sfidato il divieto e il freddo pungente e si sono rivelati in vigore. Nel centro di Mosca, dove i giornalisti stimano che almeno 40.000 persone si siano riunite in una delle più grandi manifestazioni non autorizzate da anni, la polizia è stata vista arrestare brutalmente persone, impacchettandole nei furgoni vicini.

Le autorità hanno detto che si erano presentate appena 4.000 persone. Il ministero degli esteri ha messo in dubbio la stima della folla, usando il sarcasmo per suggerire che fosse troppo alta. “Perché non diciamo 4 milioni?”, Ha scherzato sul suo canale di messaggistica ufficiale di Telegram. Alcuni manifestanti hanno cantato “Putin è un ladro”, “Disgrace” e “Freedom to Navalny!”

La moglie di Navalny, Yulia, ha detto sui social media di essere stata arrestata durante la manifestazione. Successivamente è stata rilasciata.

I pubblici ministeri hanno affermato che avrebbero indagato su presunte violenze contro agenti di polizia da parte dei manifestanti.

A Berlino, Amburgo e Monaco, quasi 1.000 persone hanno manifestato contro l’arresto di Navalny. Piccole manifestazioni si sono svolte anche in Bulgaria e circa 200-300 persone hanno protestato a Parigi.

La polizia di Yakutsk, in Siberia, una delle città più fredde del mondo, dove la temperatura era di -52 gradi Celsius sabato, ha afferrato un manifestante per le braccia e le gambe e lo ha trascinato in un furgone.

A Mosca, alcuni giornalisti che coprivano le proteste sono stati arrestati, attirando un rimprovero dall’ambasciata degli Stati Uniti.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento