Home Attualità Klara Dobrev vince il primo turno delle primarie ed è pronta a spodestare Orban

Klara Dobrev vince il primo turno delle primarie ed è pronta a spodestare Orban

by Freelance

Di Miriam Lestingi

Un avvocato di 49 anni che favorisce legami più stretti con l’Unione europea si è impegnato a spodestare Viktor Orban dalla carica di primo ministro ungherese, dopo aver vinto il primo turno di un concorso che produrrà il suo sfidante alle elezioni del prossimo anno.

Klara Dobrev, la candidata della coalizione democratica di sinistra, ha vinto il primo turno delle primarie davanti a un altro di sinistra, il sindaco di Budapest Gergely Karacsony, che ha anche fatto una campagna su un’agenda pro-europea.

Nel voto parlamentare del prossimo anno Orban affronterà, per la prima volta da quando è salito al potere nel 2010, un fronte unito di partiti di opposizione che include anche i socialisti, i liberali e l’ex di estrema destra – e ora di centrodestra – Jobbik.

I sondaggi di opinione mettono testa a testa tra il partito nazionalista Fidesz di Orban e la coalizione di opposizione, aumentando la prospettiva delle elezioni più strette da oltre un decennio.

Orban e Fidesz hanno ricoperto la carica in gran parte a causa di un sistema elettorale che favorisce i grandi partiti, anche se Karacsony, 46 anni, ha inaspettatamente sconfitto il candidato Fidesz alle elezioni per il sindaco di Budapest del 2019.

O Dobrev – che secondo i risultati preliminari ha vinto il 34,8% dei voti alle primarie – o Karacsony – con il 27,3% – potrebbe ancora vincere per affrontare Orban alla guida del paese il prossimo anno.

Vestita con i colori blu e giallo dell’UE, la Dobrev ha dichiarato giovedì in una conferenza stampa che, dopo una gara leale, era pronta per il secondo turno.

“Non ci fermeremo finché non sconfiggeremo Viktor Orban e il suo regime”, ha detto Dobrev, vicepresidente del Parlamento europeo che si è impegnato a ridurre la povertà e a lavorare per l’adozione dell’euro.

Karacsony ha promesso un sistema fiscale più giusto e di sanare le divisioni politiche.

Il conservatore Peter Marki-Zay, sindaco di una città dell’Ungheria meridionale, era al terzo posto con il 20,4% alle primarie, per le quali gli elettori dell’opposizione si sono rivelati più numerosi del previsto, con oltre 633.000 persone che hanno votato a livello nazionale. Il mese prossimo ci sarà un ballottaggio tra i tre forse più votati.

Dobrev è anche la candidata di un partito guidato da suo marito, l’ex primo ministro Ferenc Gyurcsany, una figura profondamente controversa che ha ammesso nel 2006 in un discorso trapelato di aver mentito sull’economia per vincere le elezioni nazionali. Orban ha ritratto l’opposizione, in particolare Karacsony e Dobrev, come burattini di Gyurcsany.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento