Home Attualità Il Senato degli Stati Uniti sostiene fermamente l’adesione alla NATO di Finlandia e Svezia

Il Senato degli Stati Uniti sostiene fermamente l’adesione alla NATO di Finlandia e Svezia

by Freelance

Di Gaia Marino

Il Senato degli Stati Uniti mercoledì ha votato a stragrande maggioranza per ammettere Finlandia e Svezia alla NATO.

Con 95 senatori che votano a favore, il trattato di difesa si dirige verso la scrivania del presidente Joe Biden che dovrebbe ratificarlo nei prossimi giorni, rendendo gli Stati Uniti la 22a nazione NATO a dare la loro approvazione.

Si prevede che tutti i 30 membri della NATO completeranno il processo di ratifica entro la fine dell’anno.

Il voto rappresenta l’ultima condanna occidentale del leader russo Vladimir Putin e della sua invasione dell’Ucraina, che sta entrando nel suo sesto mese.

“Un anno fa, nessuno avrebbe pensato che Svezia e Finlandia avrebbero voluto l’adesione alla NATO”, ha affermato la senatrice Jeanne Shaheen, che co-presiede il gruppo di osservatori della NATO del Senato.

“Ma, ovviamente, sono successe molte cose in quell’anno. Vladimir Putin ha commesso uno degli errori di calcolo più consequenziali della storia moderna”.

Putin teme da tempo un’espansione dell’alleanza per includere le nazioni che confinano con la Russia e gli ex stati sovietici.

La Finlandia e la Svezia sono orgogliose della loro indipendenza, ma la guerra della Russia in Ucraina ha cambiato il modo di pensare di entrambi i paesi. La Finlandia, in particolare, è un’importante aggiunta all’alleanza perché condivide un confine di 800 miglia con la Russia.

Un solo senatore, Josh Hawley, ha votato contro il trattato, sollevando preoccupazioni sull’espansione della NATO e rimanendo coinvolti nelle sfide alla sicurezza dell’Europa mentre gli Stati Uniti lottano per contenere l’ascesa della Cina.

I sostenitori, tuttavia, sostengono che consentire a Finlandia e Svezia di aderire all’alleanza ridurrebbe l’onere per gli Stati Uniti, di gran lunga il maggior contributore della NATO. Entrambi i paesi scandinavi sono tecnologicamente avanzati e dispongono di militari capaci.

L’opposizione di Hawley ha riacceso una battaglia all’interno del Partito Repubblicano sulla politica estera, che ha spinto alcuni dei suoi colleghi senatori del GOP, Grand Old Party, a chiamarlo fuori.

“Se qualche senatore sta cercando una scusa difendibile per votare no, auguro loro buona fortuna”, ha detto il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell. “Questa è una schiacciata per la sicurezza nazionale che merita un sostegno bipartisan unanime”.

Il senatore Tom Cotton, che insieme a Hawley è ampiamente ritenuto uno dei candidati per la corsa presidenziale, è andato anche oltre facendo riferimento obliquamente al sostegno di Hawley per l’ammissione della Macedonia del Nord alla NATO nel 2019.

“Sarebbe davvero strano per qualsiasi senatore che votasse per consentire al Montenegro o alla Macedonia del Nord di entrare nella NATO e negare l’adesione a Finlandia e Svezia”, ​​ha detto Cotton. “Mi piacerebbe sentire la difesa di un voto così curioso”.

Il senatore Rand Paul, che si era opposto all’adesione del Montenegro e della Macedonia del Nord che in passato è stato generalmente scettico nei confronti della NATO, ha votato “presente”.

Il Senato ha respinto clamorosamente l’emendamento di Paul al trattato mercoledì precedente che avrebbe posto condizioni all’articolo 5 della Carta della NATO, la disposizione che richiede a tutti i paesi membri di venire in difesa di un partner della NATO quando viene attaccato.

L’emendamento di Paul avrebbe chiarito che l’articolo 5 “non sostituisce” l’autorità costituzionale del Congresso di dichiarare guerra.

Il presidente del Senato per le relazioni estere Bob Menendez ha affermato che un emendamento non è necessario perché “la Costituzione degli Stati Uniti regna sovrana in tutte le nostre azioni”.

Separatamente, il Senato ha adottato all’unanimità un emendamento del senatore Dan Sullivan che rafforza il requisito dell’alleanza secondo cui i membri devono spendere almeno il 2% del loro PIL per la difesa.

L’ex presidente Donald Trump, che una volta definì la NATO “obsoleta” e accarezzò l’idea di ritirare gli Stati Uniti dall’alleanza, spinse pubblicamente gli alleati degli Stati Uniti a raggiungere la soglia di spesa per la difesa.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento