Home Senza categoria Il Parlamento europeo “si ricorda” del clima mentre le emissioni e le temperature aumentano

Il Parlamento europeo “si ricorda” del clima mentre le emissioni e le temperature aumentano

by Freelance

Di Gaia Marino

All’UE piace parlare dei suoi progressi mondiali sul cambiamento climatico, ma i numeri mostrano che la corsa verso la neutralità climatica non sarà agevole.

Il primo passo il raggiungimento della temperatura – 40 gradi – che probabilmente colpirà Spagna e Italia già da questa settimana quando il paese entrerà in quello che l’Agenzia meteorologica ha definito un episodio di caldo “straordinario” per maggio.

Il cambiamento climatico sta già determinando condizioni meteorologiche estreme in tutta Europa. Ma la spinta del blocco per diventare il primo continente carbon neutral al mondo ha perso terreno negli ultimi mesi grazie al riutilizzo di carbone e petrolio.

L’UE ha rilasciato nell’atmosfera oltre 1 miliardo di tonnellate di CO2 per il riscaldamento del pianeta o gas simili negli ultimi tre mesi del 2021.

La scoperta, pubblicata lunedì, ha mostrato che le emissioni del blocco erano tornate a livelli che non si vedevano dal 2018, prima che la pandemia si abbattesse sui freni economici.

Questi numeri mettono in risalto le macchinazioni della commissione per l’ambiente del Parlamento europeo, che martedì ha esposto le sue posizioni su un’importante suite di legislazione sul clima.

I deputati hanno votato per rafforzare il pacchetto Fit for 55 proposto dall’UE, progettato per soddisfare l’obiettivo giuridicamente vincolante dell’UE di ridurre le emissioni del 55% al ​​di sotto dei livelli del 1990 entro il 2030.

Il pacchetto è fondamentale, ha affermato Lucie Mattera, responsabile della politica dell’UE presso il think tank E3G, perché può “assicurarsi che l’UE non abbia solo un piano, ma un piano che venga eseguito alla giusta velocità e alla giusta scala”.

I deputati hanno accolto il risultato di martedì come un successo.

Alcuni gruppi industriali sono stati meno contenti, con la lobby di BusinessEurope che ha avvertito che l’economia del blocco “pagherebbe un prezzo pesante” se le posizioni del comitato diventassero legge.

Si prevede che la legislazione dovrà affrontare la dura opposizione delle capitali dell’UE. Forse anticipando ciò, il mese scorso il Green Deal dell’UE Frans Timmermans ha esortato la commissione per l’ambiente a essere un suo alleato nel mantenere solide le proposte.

Martedì i deputati hanno votato per le modifiche a diversi piani che si tradurrebbero in riduzioni delle emissioni più profonde rispetto alle proposte originali della Commissione, da obiettivi di assorbimento di carbonio più elevati a una più rapida eliminazione graduale delle licenze di inquinamento gratuite per l’industria.

Sebbene i voti finali sulle posizioni della commissione siano stati decisivi, c’erano margini molto più ristretti per gli elementi chiave della riforma del sistema di scambio di quote di emissione dell’UE, che copre circa il 40 per cento dell’inquinamento totale di gas serra del blocco.

Un’alleanza di sinistra ha approvato un emendamento per fissare un limite più severo alle emissioni per i settori coperti dal mercato del carbonio contro la feroce opposizione delle fazioni conservatrici, vincendo il voto con 46 contro 41.

Non è chiaro se la ristretta maggioranza della commissione possa reggere quando l’intero Parlamento voterà a giugno; i legislatori di centrodestra hanno già detto che intendono organizzare un altro tentativo di eliminare l’emendamento.

I conservatori vedono i cambiamenti dell’ETS dei gruppi di sinistra come “problematici” perché l’UE “è in una grande crisi e dobbiamo sostituire il gas russo”, ha affermato l’eurodeputato di centro destra Peter Liese.

“Ci sarà del carbone per sostituire il gas russo. Il carbone è sporco. Ma la guerra in Ucraina è più sporca. Ed è per questo che dobbiamo accettare del carbone per sostituire il gas russo e questo sarebbe in contraddizione con un enorme passo avanti” sul limite delle emissioni a breve termine, ha aggiunto.

Questo punto è stato sottolineato lunedì quando i dati hanno mostrato che l’inquinamento è tornato ai livelli pre-pandemia.

Martedì la Commissione europea non ha risposto alle ripetute richieste di spiegare l’aumento delle emissioni. Ma gli analisti hanno affermato che il salto è stato determinato in parte dalla ripresa della combustione del carbone.

I paesi hanno reagito ai prezzi record del gas naturale accendendo le loro centrali a carbone. È probabile che le emissioni elevate continueranno anche quest’anno, poiché l’UE fa tutto il necessario per mantenere le luci accese riducendo al contempo la sua dipendenza dal gas russo.

E’ imbarazzante per l’UE che si è sempre immolata davanti a tutte per il Clima e l’inquinamento.

La Commissione infatti cercherà di stimolare l’accelerazione sia dal carbone che dal gas russo mercoledì con una serie di proposte progettate per aumentare le energie rinnovabili e l’efficienza energetica.

Per mettere in atto tali misure si dovrà avere il benestare delle capitali europee. Ad esempio, dotando tutti i nuovi edifici di pannelli solari, come annunciato dai Paesi Bassi la scorsa settimana, si potrebbe fare già un notevole passo avanti per riuscire ad arginare il problema.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento