Home In evidenza Il governo prepara nuove restrizioni nel marasma totale

Il governo prepara nuove restrizioni nel marasma totale

by Romano Franco

Il giorno prima della vigilia, il 23 di dicembre, Palazzo Chigi e il premier Draghi terranno una riunione per stabilire le nuove restrizioni da applicare ai cittadini italiani.

Affidarsi solo al vaccino, come unico strumento, è stato un grave errore; poiché non si è tenuto conto effettivamente dei contagi e abbiamo, ancora una volta, sottovalutato il virus.

Ma mentre c’è bisogno di nuovi strumenti, nuovi vaccini, studiati e testati anche contro eventuali varianti; il governo sta pensando a misure retrò per rendere il vaccino obbligatorio anche per altre categorie.

Nessuno vuole contestare la nuova idea del governo ma, oltre ad inoculare vaccini, si sta facendo poco o nulla per monitorare la situazione.

I tamponi a tappeto in zone rosse e gialle, facendo una distinzione tra i vari comuni, sono imprescindibili per rintracciare la malattia, andata ben oltre il fuori controllo. Purtroppo si parlava di normalità ma, nonostante i vaccini, non è stata in alcun modo raggiunta.

E, anche se bisogna ammettere che i vaccini sono serviti per arginare quantomeno il problema, è difficile da non notare il fallimento delle case farmaceutiche, nonché della scienza attuale (unico strumento per mettere fine a questa malattia).

I vaccini, nonostante i loro meriti, hanno fallito la loro missione. E’ difficile da spiegare ai cittadini come, con una vaccinazione al di sopra del 66,7%, non si sia raggiunta l’inarrivabile immunità di gregge. Nonostante la 3°, la 4° o la 5° dose.

Ma, il fallimento più clamoroso è da imputare ai nostri leader mondiali, più preoccupati ad invadere le libertà del povero cittadino che a sdoganare un brevetto che vale miliardi di dollari: Per il bene comune.

Ma mentre la pandemia continua il suo corso inesorabile, si cerca di improvvisare con mosse obsolete, come l’obbligo vaccinale a particolari categorie.

Inoltre, mascherine all’aperto e durata Green Pass sono tra le questioni più discusse e non è da escludere anche il tampone in discoteca durante le feste.

Nessuno vuole sminuire l’operato del governo dell’élite: Le sue misure ipotetiche sono vecchie e poco efficaci e le conseguenti restrizioni sembrano un goffo tentativo di arginare un  gigantesco tsunami con un semplice ombrello.

Protezione e screening: Sono questi gli unici ingredienti per poter tenere sotto controllo questa odiosissima malattia. Ma non ci vuole “il migliore” per capirlo.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento