Home News I leader dell’UE criticano la Polonia per la sua sfida all’Unione. “Nessuna Polexit”

I leader dell’UE criticano la Polonia per la sua sfida all’Unione. “Nessuna Polexit”

by Freelance

Di Miriam Lestingi

I leader europei si sono messi in fila per castigare Varsavia giovedì per aver sfidato le basi legali dell’UE, ma il premier polacco ha detto che non si piegherà al “ricatto” mentre si è unito a un vertice delle 27 nazioni del blocco.

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki si è detto pronto a risolvere le controversie con Bruxelles, anche se molti sono preoccupati che un’ostinata spaccatura ideologica tra l’Europa orientale e occidentale rappresenti una minaccia esistenziale per la stessa UE.

“Pochi giorni fa, il fondamento giuridico della nostra Unione è stato messo in discussione”, ha detto il presidente del Parlamento europeo David Sassoli in una lettera mentre i leader si sono riuniti a Bruxelles per il loro vertice.

“Non è stata la prima volta, ovviamente, né sarà l’ultima. Ma mai prima d’ora l’Unione è stata messa in discussione in modo così radicale”, ha affermato il leader dell’Assemblea Ue.

Le tensioni di lunga data tra i nazionalisti al potere in Polonia e la maggioranza liberale del blocco sono aumentate da quando il Tribunale costituzionale polacco ha stabilito questo mese che elementi del diritto dell’UE erano incompatibili con la carta del Paese, mettendo in discussione un principio centrale dell’integrazione nell’UE.

Il contenzioso non solo rischia di far precipitare una nuova crisi fondamentale per il blocco, che è ancora alle prese con le conseguenze della Brexit. Potrebbe privare la Polonia di generose elemosine dell’UE.

“Alcune istituzioni europee si assumono il diritto di decidere su questioni che non sono state loro assegnate”, ha detto Morawiecki entrando nei colloqui, che arrivano due giorni dopo che l’esecutivo della Commissione europea ha minacciato di agire contro Varsavia.

“Non agiremo sotto la pressione del ricatto … ma parleremo ovviamente di come risolvere le attuali controversie nel dialogo”.

I suoi omologhi occidentali più ricchi sono particolarmente desiderosi di impedire che i contributi in denaro dei loro governi all’UE vadano a beneficio dei politici socialmente conservatori che vedono come una violazione dei diritti umani le leggi europee.

“Se vuoi avere i vantaggi di essere in un club… allora devi rispettare le regole”, ha detto il primo ministro belga Alexander de Croo. “Non puoi essere membro di un club e dire ‘Le regole non si applicano a me'”.

I leader dei paesi dall’Irlanda alla Francia hanno esortato Varsavia a tornare in riga. Il primo ministro olandese Mark Rutte, riferendosi alla revisione giudiziaria della Polonia che mette i suoi tribunali sotto un maggiore controllo del governo, ha affermato che è difficile vedere come i nuovi finanziamenti dell’UE potrebbero essere incanalati nel paese dell’Europa orientale, aggiungendo: “Dobbiamo essere duri”.

Un funzionario dell’UE ha affermato che Rutte è rimasto fermo quando la questione è stata discussa al vertice, ma la maggior parte dei leader ha affermato che le decisioni su come trattare con la Polonia dovrebbero essere lasciate alla Commissione europea.

Il partito Law and Justice (PiS) di Morawiecki ha alzato la posta in anni di faide sempre più aspre con l’UE su una serie di principi democratici, dalla libertà dei tribunali e dei media ai diritti delle donne, dei migranti e delle persone LGBT.

La Commissione ha per ora impedito a Varsavia di attingere ai 36 miliardi di euro di sovvenzioni e prestiti richiesti dai fondi dell’UE per aiutare la sua economia a riprendersi dalla pandemia di COVID-19.

La massima corte dell’UE potrebbe anche infliggere più multe alla Polonia, il più grande paese ex comunista dell’UE di 38 milioni di persone.

Per il blocco, anche l’ultima svolta nelle faide con l’euroscettico PiS arriva in un momento delicato. L’anno scorso l’UE ha fatto un salto verso una più stretta integrazione concordando un prestito congiunto per raccogliere 750 miliardi di euro per la ripresa economica post-pandemia, superando la dura resistenza dei ricchi stati del nord.

“POLEXIT”

Morawiecki ha respinto l’idea di “Polexit” – uscita dal blocco – e il sostegno popolare per l’adesione rimane all’88% in Polonia, che ha beneficiato enormemente dei finanziamenti dell’UE da quando è entrata nel 2004.

Ma Varsavia, sostenuta dal primo ministro ungherese Viktor Orban, vuole restituire i poteri alle capitali nazionali e si è scagliata contro quelli che dice essere poteri eccessivi della Commissione europea.

“La Polonia è uno dei migliori paesi europei. Non c’è bisogno di sanzioni, è ridicolo”, ha detto Orban.

Mentre molti sono diventati sempre più frustrati dai tentativi falliti di convincere Varsavia a cambiare tattica, il cancelliere tedesco uscente Angela Merkel ha messo in guardia dall’isolare la Polonia.

“Dobbiamo trovare il modo di tornare insieme”, ha detto, aggiungendo che portare più casi contro la Polonia alla Corte di giustizia dell’Unione europea non è stata una soluzione.

La sua influenza, tuttavia, è indebolita quando la veterana di oltre 100 vertici durante i suoi 16 anni al potere visita Bruxelles per quello che potrebbe essere il suo ultimo incontro dei leader dell’UE prima di consegnare a un nuovo cancelliere tedesco.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento