Home Attualità I leader civili del Sudan sono stati arrestati in mezzo a rapporti di golpe

I leader civili del Sudan sono stati arrestati in mezzo a rapporti di golpe

by Freelance

Di Ginevra Lestingi

Diversi membri del governo di transizione del Sudan sono stati arrestati durante un colpo di stato militare.

Il primo ministro civile Abdallah Hamdok e almeno quattro ministri erano tra quelli ritenuti detenuti da soldati non identificati poco prima dell’alba di lunedì. L’esercito non ha commentato, ma i gruppi pro-democrazia hanno sollecitato proteste di piazza.

I leader militari e civili sono stati in disaccordo da quando, due anni fa, il sovrano di lunga data Omar al-Bashir è stato rovesciato e il governo di transizione è stato istituito. Non è ancora chiaro chi ci sia dietro gli arresti.

Una dichiarazione del ministero dell’informazione su Facebook ha affermato che le detenzioni sono state eseguite da “forze militari congiunte” e che gli arrestati erano detenuti in “un luogo non identificato”.

Testimoni hanno detto che Internet non funziona nella capitale, Khartoum, mentre sui social media sono apparse immagini che mostrano folle inferocite che bruciano pneumatici per le strade.

L’esercito e i paramilitari sono stati schierati in tutta la città, limitando il movimento dei civili. L’aeroporto di Khartoum è ora chiuso e i voli internazionali sono sospesi.

Il principale gruppo pro-democrazia del Sudan ha invitato i suoi sostenitori a resistere a qualsiasi colpo di stato militare.

Le autorità di transizione militari e civili hanno governato insieme da quando il presidente Bashir è stato rovesciato dopo mesi di proteste di piazza nel 2019.

Era stato concordato un accordo di condivisione del potere tra i militari e una coalizione libera di gruppi – le Forze per la libertà e il cambiamento (FFC) – che lanciavano il Sovrano Consiglio.

Doveva governare il paese per un altro anno, con l’obiettivo di tenere elezioni e passare a un governo civile.

Ma l’accordo è sempre stato frammentario, con un gran numero di gruppi politici rivali e anche divisioni all’interno dell’esercito.

Le tensioni sono aumentate ulteriormente dopo che un tentativo di colpo di stato attribuito ai seguaci di Bashir è stato sventato a settembre.

Questo mese, gli oppositori della transizione del Sudan alla democrazia sono scesi nelle strade della capitale, Khartoum, per chiedere all’esercito di prendere il controllo del paese. I gruppi pro-democrazia hanno affermato che si trattava di un tentativo organizzato dei militari di riprendere il potere.

Giovedì scorso, decine di migliaia di persone hanno manifestato a Khartoum per mostrare solidarietà al governo di transizione.

Il sostegno al governo ad interim è crollato negli ultimi mesi a causa delle difficoltà dell’economia del paese.

Il Sudan non è stato in grado di un sistema politico praticabile dall’indipendenza nel 1956 e ha visto numerosi colpi di stato e trovare di colpo di stato.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento