Home In evidenza Conte mette in guardia contro la “corsa al riarmo” dell’Europa

Conte mette in guardia contro la “corsa al riarmo” dell’Europa

by Freelance

Di Mirko Fallacia

L’Italia non deve alimentare una “corsa al riarmo” europea, ha affermato l’ex premier Giuseppe Conte, illustrando le divisioni emergenti che potrebbero plasmare le elezioni previste per il 2023.

Conte ha ribadito la sua diffidenza riguardo agli impegni a lungo termine dell’Italia e di altri per aumentare la spesa per la difesa dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

“Penso che l’Europa e l’Ue debbano mantenere i nervi saldi”, ha detto Conte.

“La nostra risposta non può essere una corsa al riarmo. Deviare risorse dalla nostra transizione verde per investire nell’industria militare sarebbe una posizione completamente sbagliata”, dice il leader dei cinquestelle.

A questo punto, i 5Stelle hanno appoggiato, anche se con riluttanza, le mosse di Draghi per aumentare il budget della difesa dell’Italia e inviare armi in Ucraina.

Ma con i sondaggi che mostrano una maggioranza di italiani contrari a queste decisioni e l’inflazione in aumento, tale spesa diventerà probabilmente più difficile da giustificare agli elettori con l’avvicinarsi delle elezioni, che dovrebbero tenersi entro la prossima estate.

I cinquestelle sono ai minimi storici e un rottura drastica potrebbe fruttare tantissimo a Conte ritrovatosi come uno dei pochi osteggiatori della corsa agli armamenti.

La sua posizione però si differenzia dal governo e dai suoi alleati di sinistra, compreso il Pd, che è strettamente allineato con Mario Draghi nel sostenere gli aumenti della spesa per la difesa.

L’Europa dovrebbe rimanere “lucida”, ha affermato Conte, non deve puntare alla leadership militare ma alla leadership nei diritti umani e alla protezione di coloro che si trovano in difficoltà finanziarie e mediche, secondo l’ex premier.

Ha avvertito che una corsa agli armamenti rischia di riportare l’Europa a una mentalità da guerra fredda: l’Occidente contro la Russia, la Cina, l’India e il resto del mondo.

“Sarebbe un’enorme regressione”, ha detto.

L’attrito sulla questione è emerso a marzo quando il partito di estrema destra della Lega ha presentato una mozione che impegnava l’Italia ad aumentare la spesa per la difesa dall’1,4% del PIL al 2% entro il 2024, prima degli attuali piani del governo del 2028.

I 5Stelle inizialmente hanno sostenuto la mozione, ma in seguito hanno respinto. La tensione ha indotto il leader dei Democratici di sinistra, Enrico Letta, ad avvertire che il governo potrebbe crollare prima che si trovi un accordo definitivo.

Per ora, Conte ha detto che i suoi rimarranno un membro “leale e responsabile” della coalizione di Draghi. Con molti legislatori ansiosi di perdere i loro seggi alle prossime elezioni, la leadership del partito non sta cercando di rovesciare Draghi.

“Ma è chiaro che ci aspettiamo di essere ascoltati e il governo deve avere un orientamento fortemente progressista”, ha affermato.

Draghi sta guidando uno dei governi più inequivocabilmente filo-USA d’Italia e dei governi filo-NATO. Il primo ministro ha specificamente dichiarato la posizione di sostegno della NATO di questo governo nel suo discorso di apertura al parlamento e ha fatto eco agli appelli dell’alleanza militare affinché i paesi dell’UE facciano di più per difendere il proprio cortile.

“La minaccia portata dalla Russia oggi ci sta spingendo a investire nella difesa più di quanto non abbiamo mai fatto prima”, ha detto Draghi al parlamento a marzo.

Mentre Conte è stato disposto ad andare d’accordo con Draghi finora, è stato “sorpreso” da quanto sono andati avanti altri paesi come la Germania.

Alla fine di febbraio, Berlino ha presentato uno speciale fondo da 100 miliardi di euro per potenziare rapidamente l’esercito del paese.

Invece di investimenti così massicci, Conte si è detto favorevole agli investimenti coordinati nella difesa europea, una politica sostenuta anche da Draghi. Conte ha affermato che aiuterebbe a far avanzare la tecnologia militare, a ottimizzare le risorse ed evitare duplicazioni.

“Invito i nostri amici [tedeschi] a valutare insieme un processo di investimento europeo coordinato, che offra la possibilità di risparmiare sugli investimenti militari nazionali”, ha affermato.

Il Movimento 5 Stelle in passato ha espresso posizioni ambigue di politica estera che hanno causato grattacapi tra gli alleati della NATO.

Quando Conte era al potere, ad esempio, l’Italia è diventata la prima democrazia occidentale a sottoscrivere la “Belt and Road Initiative” cinese, un progetto di investimento globale criticato come un modo per intrappolare i paesi indebitati e diffondere le sue tecnologie di sorveglianza. La mossa ha indotto gli Stati Uniti a esprimere timori sul fatto che l’alleanza militare della NATO potesse coordinarsi pienamente con l’Italia.

Anche la prima coalizione di governo di Conte, formata nel 2018 con la Lega di destra e le 5 Stelle, si è impegnata a porre fine alle sanzioni russe esistenti, affermando che il Paese non rappresentava “una minaccia militare”. In passato aveva anche sostenuto l’offerta del presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel 2018 di riammettere la Russia nel gruppo delle economie avanzate del G7.

“Come primo ministro, ho sempre rinnovato le sanzioni contro la Russia” a livello di UE, ha detto. “Quindi c’era di fatto continuità nella politica estera italiana in termini di decisioni”.

E il suo obiettivo con la Russia e il G7 era “creare una finestra di discussione”, ha affermato. “La Russia è un attore globale e ha un ruolo importante in tanti scenari di crisi. Forzarlo all’isolamento politico potrebbe avere effetti negativi”.

Conte ha insistito di aver sempre cercato “di coltivare un canale di dialogo per evitare di rischiare l’isolamento politico e la creazione di disegni neoimperialisti, come si sono concretizzati con la repressione in Cecenia, la guerra in Ossezia del Sud e in Ucraina” – un riferimento a diversi luoghi Mosca ha inviato truppe.

Allo stesso tempo, il governo di Conte ha aumentato la spesa per la difesa dell’Italia e ha riaffermato l’impegno dell’Italia per l’obiettivo del 2% della NATO. Conte ha ribadito nell’intervista che l’impegno dell’Italia nella Nato era “fuori discussione”.

E ha detto che era logico sostenere la mossa di Draghi di inviare armi in Ucraina, sostenendo che il popolo ucraino aveva diritto all’autodifesa. Tuttavia, Conte ha definito il supporto “una decisione difficile” per il suo gruppo. “La pace”, ha detto, “è una stella polare per noi”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento