Home Attualità Boris Johnson si dimette dalla carica di primo ministro del Regno Unito

Boris Johnson si dimette dalla carica di primo ministro del Regno Unito

by Freelance

Di Mirko Fallacia

Boris Johnson annuncerà le sue dimissioni da primo ministro britannico oggi dopo essere stato abbandonato dai ministri e dai legislatori del suo partito conservatore che hanno affermato di non essere più in grado di governare.

Con otto ministri, inclusi due segretari di stato, che si sono dimessi nelle ultime due ore, un Johnson isolato e impotente avrebbe dovuto piegarsi all’inevitabile e annunciare le sue dimissioni.

Il suo ufficio di Downing Street ha confermato che Johnson avrebbe rilasciato una dichiarazione al Paese.

Dopo giorni di battaglie, Johnson era stato abbandonato da tutti tranne una manciata di alleati dopo che l’ultimo di una serie di scandali aveva rotto la loro volontà di sostenerlo.

“Le sue dimissioni erano inevitabili”, ha dichiarato su Twitter Justin Tomlinson, vicepresidente del Partito conservatore.

“Come partito dobbiamo unirci rapidamente e concentrarci su ciò che conta. Questi sono tempi seri su molti fronti”.

I conservatori dovranno ora eleggere un nuovo leader, un processo che potrebbe richiedere circa due mesi.

“Oltre a dimettersi da leader del partito, il primo ministro deve dimettersi dal suo incarico”, ha detto il legislatore conservatore Nick Gibb. “Dopo aver perso così tanti ministri, ha perso la fiducia e l’autorità necessarie per continuare”.

Il sostegno a Johnson era svanito durante una delle 24 ore più turbolente della recente storia politica britannica, incarnata dal ministro delle finanze, Nadhim Zahawi, che è stato nominato al suo incarico solo martedì, e che alla fine ha chiesto al suo capo di dimettersi.

Zahawi e altri ministri del governo erano andati a Downing Street mercoledì sera, insieme a un alto rappresentante di quei legislatori non al governo, per dire a Johnson che il gioco era finito.

Inizialmente, Johnson si è rifiutato di rinunciare al suo incarico e sembrava pronto a scavare, licenziando Michael Gove – un membro della sua squadra ministeriale che è stato uno dei primi a dirgli che doveva dimettersi – nel tentativo di riaffermare la sua autorità.

Un alleato aveva detto al quotidiano Sun che i ribelli del partito avrebbero “dovuto intingere le mani nel sangue” per sbarazzarsi di Johnson.

Ma giovedì mattina, quando sono arrivate una serie di dimissioni, è diventato chiaro che la sua posizione era insostenibile.

“Questo non è sostenibile e andrà solo peggio: per te, per il Partito conservatore e, soprattutto, per tutto il Paese”, ha detto Zahawi su Twitter. “Devi fare la cosa giusta e andartene ora.”

Alcuni di coloro che sono rimasti in carica, incluso il ministro della Difesa Ben Wallace, hanno affermato che lo stavano facendo solo perché avevano l’obbligo di mantenere il Paese al sicuro.

C’erano state così tante dimissioni ministeriali che il governo stava affrontando la paralisi senza che nessuno volesse accettare i posti vacanti.

La scalata e la caduta di Johnson

L’esuberante Johnson è salito al potere quasi tre anni fa, promettendo di salvare la Gran Bretagna dall’Unione Europea e salvarla dalle aspre dispute seguite al referendum sulla Brexit del 2016.

Da allora, alcuni conservatori avevano sostenuto con entusiasmo l’ex giornalista e sindaco di Londra mentre altri, nonostante le riserve, lo sostenevano perché poteva appellarsi a parti dell’elettorato che di solito rifiutavano il loro partito.

Ciò è stato confermato nelle elezioni di dicembre 2019. Ma l’approccio combattivo e spesso caotico della sua amministrazione al governo e una serie di scandali hanno esaurito la buona volontà di molti dei suoi legislatori mentre i sondaggi d’opinione mostrano che non è più popolare tra il pubblico in generale.

La recente crisi è esplosa dopo che il legislatore Chris Pincher, che ricopriva un ruolo governativo coinvolto nella pastorale, è stato costretto a dimettersi per l’accusa di aver palpato degli uomini in un club privato.

Johnson ha dovuto scusarsi dopo che era emerso di essere stato informato che Pincher era stato oggetto di precedenti denunce di cattiva condotta sessuale prima di nominarlo. Il primo ministro aveva detto di aver dimenticato l’accaduto al momento dei fatti.

Ciò è seguito a mesi di scandali e passi falsi, tra cui un rapporto schiacciante su feste alcoliche nella sua residenza e che si aggiunge al fatto di aver infranto le rigide regole di blocco del COVID-19. Il premier britannico in seguito è stato multato dalla polizia durante una riunione per il suo 56° compleanno.

Ci sono state anche inversioni di marcia, una sfortunata difesa di un legislatore che ha infranto le regole di lobbying e critiche sul fatto che non ha fatto abbastanza per affrontare l’inflazione, con molti britannici che lottano per far fronte all’aumento dei prezzi del carburante e dei generi alimentari.

Keir Starmer, leader del partito laburista di opposizione, ha affermato che le dimissioni di Johnson sono state una buona notizia per la Gran Bretagna.

“Ma sarebbe dovuto succedere molto tempo fa”, ha detto. “E’ sempre stato inadatto alla carica. È stato responsabile di bugie, scandali e frodi su scala industriale”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento