Home In evidenza L’estradizione potrebbe portare Julian Assange di Wikileaks al suicidio, secondo la moglie

L’estradizione potrebbe portare Julian Assange di Wikileaks al suicidio, secondo la moglie

by Nik Cooper

Mentre l’occidente si appresta a fare lezioni di morale venerdì il ministro dell’Interno britannico Priti Patel ha approvato l’estradizione del fondatore e informatore di WikiLeaks Julian Assange negli Stati Uniti.

Lo scorso dicembre, l’Alta Corte del Regno Unito a Londra ha stabilito che Assange potrebbe essere estradato dal Regno Unito negli Stati Uniti per essere accusato di spionaggio. Ora, il Ministero dell’Interno ha firmato l’ordine di estradizione di Assange.

In una dichiarazione, un portavoce del Ministero dell’Interno ha dichiarato: “In questo caso, i tribunali del Regno Unito non hanno ritenuto che sarebbe oppressivo, ingiusto o un abuso di processo estradare il signor Assange. Né hanno ritenuto che l’estradizione sarebbe incompatibile con i suoi diritti umani, compreso il suo diritto a un processo equo e alla libertà di espressione, e che mentre si trova negli Stati Uniti sarà trattato in modo appropriato, anche in relazione alla sua salute”.

WikiLeaks non ha appreso bene la notizia e annuncia che “questo è un giorno buio per la libertà di stampa e la democrazia britannica. Chiunque in questo Paese abbia a cuore la libertà di espressione dovrebbe vergognarsi profondamente del fatto che il ministro dell’Interno abbia approvato l’estradizione di Julian Assange negli Stati Uniti, il Paese che ha complottato il suo assassinio”.

Assange prevede di appellarsi contro questa decisione, secondo la dichiarazione. “Oggi non è la fine della lotta. È solo l’inizio di una nuova battaglia legale. Faremo ricorso attraverso il sistema legale, il prossimo ricorso sarà dinanzi all’Alta Corte”, si legge.

WikiLeaks ha pubblicato migliaia di documenti riservati diplomatici e militari nel 2010 e nel 2011 relativi alle guerre in Afghanistan e in Iraq.

I pubblici ministeri statunitensi hanno affermato che la massiccia fuga di notizie ha messo in pericolo centinaia di vite e che Assange era consapevole dei pericoli, spingendo un’indagine penale statunitense a perseguirlo ai sensi dell’Espionage Act.

Se trasferito negli Stati Uniti, Assange potrebbe essere condannato a 175 anni di carcere. Assange ha sempre negato qualsiasi illecito. È detenuto nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh dal 2019, quando è stato allontanato dall’ambasciata ecuadoriana a Londra, dove si è rifugiato per anni.

Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, sarebbe spinto al suicidio se fosse estradato negli Stati Uniti, ha detto venerdì sua moglie Stella.

“Julian vuole vivere, con la possibilità di libertà, la possibilità di stare con i suoi figli e con me. Il fatto è che se verrà estradato negli Stati Uniti, le condizioni in cui si troverà saranno così oppressive”, ha detto ai giornalisti. “Lo spingeranno a togliersi la vita”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento