Home In evidenza 26 gennaio 1939: Francisco Franco conquista Barcellona

26 gennaio 1939: Francisco Franco conquista Barcellona

by Freelance

Di Eugenio Magnoli

Durante la guerra civile spagnola, Barcellona, ​​la capitale repubblicana della Spagna, cade nelle forze nazionaliste del generale Francisco Franco.

Nel 1931, il re Alfonso XIII approvò le elezioni per decidere il governo della Spagna e gli elettori scelsero in modo schiacciante di abolire la monarchia a favore di una repubblica liberale. Successivamente Alfonso andò in esilio e fu proclamata la Seconda Repubblica, inizialmente dominata dai liberali della classe media e dai socialisti moderati.

Durante i primi cinque anni della Repubblica, i lavoratori organizzati e i radicali di sinistra hanno costretto a diffuse riforme liberali mentre regioni spagnole orientate all’indipendenza come la Catalogna e le province basche hanno raggiunto l’autonomia virtuale. L’aristocrazia terriera, la chiesa e una grande cricca militare impiegarono sempre più la violenza nella loro opposizione alla Seconda Repubblica, e nel luglio 1936, il generale Francisco Franco guidò una rivolta dell’esercito di destra in Marocco, che spinse la divisione della Spagna in due chiavi campi: nazionalisti e repubblicani.

Le forze nazionaliste di Franco invasero rapidamente gran parte delle aree controllate dai repubblicani nella Spagna centrale e settentrionale e la Catalogna divenne una roccaforte repubblicana chiave. Nel 1937 Franco unificò le forze nazionaliste al comando della Falange, il partito fascista spagnolo, mentre i repubblicani caddero sotto l’influenza dei comunisti.

La Germania e l’Italia aiutarono Franco con un’abbondanza di aerei, carri armati e armi, mentre l’Unione Sovietica aiutò la parte repubblicana. Inoltre, un piccolo numero di comunisti e altri radicali provenienti da Francia, URSS, America e altrove formarono le Brigate internazionali per aiutare la causa repubblicana. Il contributo più significativo di queste unità straniere è stato il successo della difesa di Madrid fino alla fine della guerra.

Nel giugno 1938, i nazionalisti arrivarono nel Mar Mediterraneo e tagliarono in due il territorio dei repubblicani. Nel corso dell’anno, Franco organizzò un’importante offensiva contro la Catalogna. Nel gennaio 1939, la sua capitale, Barcellona, ​​fu conquistata e subito dopo cadde il resto della Catalogna. Con la loro causa quasi persa, i repubblicani tentarono di negoziare una pace, ma Franco rifiutò. Il 28 marzo 1939 i nazionalisti vittoriosi entrarono a Madrid e la sanguinosa guerra civile spagnola terminò. Fino a un milione di vite sono state perse nel conflitto, il più devastante della storia spagnola.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento