Home Attualità 2 settembre 1945: Il Giappone si arrende, ponendo fine alla seconda guerra mondiale

2 settembre 1945: Il Giappone si arrende, ponendo fine alla seconda guerra mondiale

by Freelance

Di Eugenio Magnoli

A bordo della USS Missouri nella baia di Tokyo, il Giappone si arrende formalmente agli Alleati, ponendo fine alla seconda guerra mondiale.

Nell’estate del 1945, la sconfitta del Giappone era una conclusione scontata. La marina e l’aeronautica giapponesi furono distrutte. Il blocco navale alleato del Giappone e il bombardamento intensivo delle città giapponesi avevano devastato il paese e la sua economia.

Alla fine di giugno, gli americani catturarono Okinawa, un’isola giapponese dalla quale gli Alleati potevano lanciare un’invasione delle principali isole di origine giapponese. Il generale statunitense Douglas MacArthur fu incaricato dell’invasione, nome in codice “Operazione Olimpica” viene fissata per il novembre 1945.

L’invasione del Giappone prometteva di essere l’attacco marittimo più sanguinoso di tutti i tempi, presumibilmente 10 volte più costoso dell’invasione della Normandia in termini di vittime alleate.

Il 16 luglio, una nuova opzione è diventata disponibile quando gli Stati Uniti hanno fatto esplodere segretamente la prima bomba atomica del mondo nel deserto del New Mexico. Dieci giorni dopo, gli Alleati emisero la Dichiarazione di Potsdam, chiedendo la “resa incondizionata di tutte le forze armate giapponesi”.

Il mancato rispetto significherebbe “l’inevitabile e completa distruzione delle forze armate giapponesi e altrettanto inevitabile la totale devastazione della patria giapponese”.

Il 28 luglio, il primo ministro giapponese Kantaro Suzuki ha risposto dicendo alla stampa che il suo governo “non prestava attenzione” all’ultimatum alleato. Il presidente degli Stati Uniti Harry S. Truman ordinò che la devastazione continuasse e il 6 agosto il bombardiere statunitense B-29 Enola Gay sganciò una bomba atomica sulla città giapponese di Hiroshima, uccidendo circa 80.000 persone e ferendone a morte altre migliaia.

Dopo l’attacco di Hiroshima, una fazione del consiglio supremo di guerra del Giappone ha favorito l’accettazione della Dichiarazione di Potsdam, ma la maggioranza ha resistito alla resa incondizionata. L’8 agosto, la situazione disperata del Giappone è peggiorata ulteriormente quando l’URSS ha dichiarato guerra al Giappone. Il giorno successivo, le forze sovietiche attaccarono in Manciuria, sopraffacendo rapidamente le posizioni giapponesi lì, e una seconda bomba atomica americana fu sganciata sulla città costiera giapponese di Nagasaki.

Poco prima della mezzanotte del 9 agosto, l’imperatore giapponese Hirohito convocò il consiglio supremo di guerra. Dopo un lungo ed emozionante dibattito, ha sostenuto una proposta del Primo Ministro Suzuki in cui il Giappone avrebbe accettato la Dichiarazione di Potsdam “con l’intesa che detta Dichiarazione non compromette alcuna richiesta che pregiudichi le prerogative di Sua Maestà come sovrano”. Il consiglio ha obbedito all’accettazione della pace da parte di Hirohito e il 10 agosto il messaggio è stato trasmesso agli Stati Uniti.

All’inizio del 12 agosto, gli Stati Uniti hanno risposto che “l’autorità dell’imperatore e del governo giapponese di governare lo stato sarà soggetta al comandante supremo delle potenze alleate”. Dopo due giorni di dibattito su ciò che questa affermazione implicava, l’imperatore Hirohito mise da parte le sfumature del testo e dichiarò che la pace era preferibile alla distruzione. Ordinò al governo giapponese di preparare un testo che accettasse la resa.

Nelle prime ore del 15 agosto, una fazione guidata dal maggiore Kenji Hatanaka ha tentato un colpo di stato militare. I ribelli presero il controllo del palazzo imperiale e bruciarono la residenza del primo ministro Suzuki, ma poco dopo l’alba il colpo di stato fu sedato.

A mezzogiorno di quel giorno, l’imperatore Hirohito andò per la prima volta alla radio nazionale per annunciare la resa giapponese. Nella sua lingua di corte sconosciuta, disse ai suoi sudditi:

“[…] Nonostante ciascuno abbia fatto quanto meglio potesse – la valorosa lotta sostenuta dall’esercito e dalla marina, la diligenza e l’assiduità dei nostri funzionari statali, il devoto servizio dei nostri cento milioni di compatrioti – la situazione bellica non si è sviluppata necessariamente a vantaggio del Giappone e il corso degli avvenimenti mondiali si è voltato contro i nostri interessi.

Per giunta il nemico ha cominciato a impiegare un nuovo tipo di ordigno, il più crudele che si sia mai veduto, il cui potere di distruzione è davvero incalcolabile, capace di togliere la vita a numerosi innocenti. Se dovessimo continuare a combattere, si verificherebbero non solo il completo collasso e l’obliterazione del Giappone, ma anche la fine della civiltà umana.

Stando così la situazione, come possiamo salvare i milioni di nostri sudditi o cercare il perdono dinanzi i sacri spiriti dei nostri antenati imperiali? Questa è la ragione per cui abbiamo ordinato di accettare le disposizioni contenute nella Dichiarazione congiunta delle grandi potenze.

Non possiamo che esprimere il nostro più profondo rimpianto alle nazioni asiatiche nostre alleate, che hanno collaborato con l’Impero alla ricerca dell’emancipazione dell’Asia orientale.

Il ricordo di ufficiali e soldati che sono caduti sui campi di battaglia, o di coloro che sono morti ottemperando al proprio dovere, o di coloro che hanno prematuramente incontrato e delle loro famiglie in lutto, fa soffrire senza tregua i nostri cuori.

Il bene dei feriti e di tutti coloro che hanno sofferto le privazioni della guerra, come anche di coloro che hanno perduto la casa e i mezzi di sostentamento, è il motore della nostra sentita sollecitudine.

Le difficoltà e le sofferenze che, di qui a poco, la nostra nazione dovrà sopportare, saranno sicuramente grandi. Siamo acutamente consapevoli dei più intimi sentimenti di tutti voi nostri sudditi. Tuttavia, è secondo i precetti del tempo e del fato che abbiamo infine deciso di aprire la strada per una grande pace valida per tutte le generazioni a venire, sopportando l’insopportabile e soffrendo l’insoffribile“. Dopo questa dichiarazione toccante gli Stati Uniti accettarono immediatamente la resa del Giappone.

Il presidente Truman nominò MacArthur a capo dell’occupazione alleata del Giappone come comandante supremo delle potenze alleate. Per il luogo della resa formale del Giappone, Truman scelse la USS Missouri, una nave da guerra che aveva visto una notevole azione nel Pacifico e prese il nome dallo stato nativo di Truman. MacArthur, incaricato di presiedere alla resa, sospese la cerimonia fino al 2 settembre per dare tempo ai rappresentanti di tutte le maggiori potenze alleate di arrivare.

Domenica 2 settembre, più di 250 navi da guerra alleate erano all’ancora nella baia di Tokyo. Le bandiere degli Stati Uniti, della Gran Bretagna, dell’Unione Sovietica e della Cina sventolavano sul ponte del Missouri. Poco dopo le 9 del mattino, ora di Tokyo, il ministro degli Esteri giapponese Mamoru Shigemitsu ha firmato a nome del governo giapponese. Il generale Yoshijiro Umezu ha quindi firmato per le forze armate giapponesi e i suoi aiutanti hanno pianto mentre firmava.

Il Comandante Supremo MacArthur ha poi firmato, dichiarando: “È la mia sincera speranza e in effetti la speranza di tutta l’umanità che da questa solenne occasione un mondo migliore emergerà dal sangue e dalla carneficina del passato”. Sono state fatte altre nove firme, rispettivamente da Stati Uniti, Cina, Gran Bretagna, URSS, Australia, Canada, Francia, Paesi Bassi e Nuova Zelanda.

L’ammiraglio Chester W. Nimitz ha firmato per gli Stati Uniti. Al termine della cerimonia di 20 minuti, il sole era pieno e brillante tra le nuvole basse. La guerra più devastante della storia umana era finita.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento