Home Approfondimenti 1 luglio 1997: Hong Kong torna sotto il dominio cinese

1 luglio 1997: Hong Kong torna sotto il dominio cinese

by Freelance

Di Eugenio Magnoli

Dopo tanto dibattito ecco che è d’obbligo ricordare un anniversario importante per la storia di Hong Kong. Il primo luglio del 1997, a mezzanotte, Hong Kong torna sotto il dominio cinese in una cerimonia alla presenza del primo ministro britannico Tony Blair, del principe Carlo di Galles, del presidente cinese Jiang Zemin e del segretario di Stato americano Madeleine Albright. Alcune migliaia di cittadini di Hong Kong hanno protestato contro il turnover, altrimenti celebrativo e pacifico.

Nel 1839, la Gran Bretagna invase la Cina per schiacciare l’opposizione alla sua interferenza negli affari economici, sociali e politici del paese. Uno dei primi atti di guerra della Gran Bretagna fu l’occupazione di Hong Kong, un’isola scarsamente abitata al largo della costa del sud-est della Cina. Nel 1841, la Cina cedette l’isola agli inglesi con la firma della Convenzione di Chuenpi e nel 1842 fu firmato il Trattato di Nanchino, che poneva formalmente fine alla prima guerra dell’oppio.

La nuova colonia britannica fiorì come centro commerciale est-ovest e come gateway commerciale e centro di distribuzione per la Cina meridionale. Nel 1898, alla Gran Bretagna furono concessi altri 99 anni di governo su Hong Kong ai sensi della Seconda Convenzione di Pechino. Nel settembre 1984, dopo anni di trattative, gli inglesi e i cinesi firmarono un accordo formale che approvava il fatturato dell’isola nel 1997 in cambio di un impegno cinese a preservare il sistema capitalista di Hong Kong.

Il 1° luglio 1997, Hong Kong è stata pacificamente consegnata alla Cina in una cerimonia alla quale hanno partecipato numerosi dignitari cinesi, britannici e internazionali. L’amministratore delegato del nuovo governo di Hong Kong, Tung Chee Hwa, ha formulato una politica basata sul concetto di “un paese, due sistemi”, preservando così il ruolo di Hong Kong come principale centro capitalista in Asia.

Nel 2019, a Hong Kong sono scoppiate massicce proteste a favore della democrazia per ciò che molti hanno percepito come una crescente oppressione dalla Cina continentale.

Ma quale era l’accordo?

Nel 1984, il Regno Unito e la Cina firmarono la Dichiarazione congiunta sino-britannica che delineava il loro piano per Hong Kong.

Questa dichiarazione stabiliva che Hong Kong sarebbe diventata parte della Cina il 1 luglio 1997, ma che gli “attuali sistemi sociali ed economici” e lo “stile di vita” di Hong Kong sarebbero rimasti gli stessi per 50 anni. In questo accordo “un paese, due sistemi”, Hong Kong continuerebbe a operare in un’economia capitalista e i residenti continuerebbero ad avere diritti di parola, stampa, assemblea e fede religiosa, tra gli altri, almeno fino al 2047.

Nel 2019, sono scoppiate proteste per una proposta di legge che molti residenti di Hong Kong ritenevano avrebbe violato l’accordo “un paese, due sistemi” consentendo l’estradizione verso la Cina continentale. Il disegno di legge consentirebbe alle autorità locali di detenere ed estradare i trasgressori latitanti ricercati in territori con cui Hong Kong non ha accordi di estradizione, tra cui la Cina continentale e Taiwan.

I critici del disegno di legge hanno sostenuto che potrebbe portare a quello che alcuni hanno descritto come “rapimento legalizzato”. All’epoca, alcuni manifestanti più giovani hanno espresso preoccupazione per come sarà la vita a Hong Kong quando la data di scadenza di questo accordo sarà scaduta nel 2047. Ma non avrebbero mai pensato che la Cina violasse questa scadenza prima del tempo. Lunga vita ad Hong Kong.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento