Home Cronaca Trump viene accusato di frode fiscale dalla procuratrice candidata coi dem

Trump viene accusato di frode fiscale dalla procuratrice candidata coi dem

by Nik Cooper

Donald Trump e tre dei suoi figli sono stati coinvolti in una causa per frode dopo che un tribunale di New York ha aperto un’indagine sulla loro azienda di famiglia, la Trump Organization.

I “Trumps” hanno mentito “a miliardi” sul valore degli immobili per ottenere prestiti e pagare meno tasse.

I pubblici ministeri affermano che l’Organizzazione di Trump ha commesso numerosi atti di frode tra il 2011 e il 2021.

Trump ha respinto l’accusa come l’ennesima “caccia alle streghe” alimentata dai dem.

Anche i figli maggiori dell’ex presidente, Donald Jr, Ivanka ed Eric Trump, sono stati chiamata come imputati insieme a due dirigenti della Trump Organization, Allen Weisselberg e Jeffrey McConney.

La causa è stata intentata dal procuratore generale di New York Letitia James, che è l’avvocato più anziano dello stato, dopo un’indagine civile durata tre anni.

Il suo ufficio non ha il potere di sporgere denuncia penale, ma rinvia le accuse di illeciti penali ai pubblici ministeri federali e all’Internal Revenue Service.

“Con l’aiuto dei suoi figli e degli alti dirigenti della Trump Organization, Donald Trump ha falsamente gonfiato il suo patrimonio netto di miliardi di dollari per arricchirsi ingiustamente e imbrogliare il sistema”, ha affermato la James in una nota.

Ha detto che l’appartamento del signor Trump nella Trump Tower, del valore di 327 milioni di dollari (333 milioni di euro), era tra le proprietà i cui valori sarebbero stati travisati.

“Nessun appartamento a New York City è mai stato venduto per un importo vicino a quella cifra”, ha aggiunto James.

“Il crimine finanziario dei colletti bianchi non è un crimine senza vittime”, ha affermato il procuratore generale.

“Quando i ben collegati violano la legge per incassare più denaro di quello a cui hanno diritto, si riducono le risorse disponibili per i lavoratori, per le persone normali, per le piccole imprese e per tutti i contribuenti”.

James chiede al tribunale di vietare all’ex presidente e ai suoi figli di prestare servizio come funzionari o direttori in qualsiasi attività di New York.

Vuole, inoltre, anche che l’Organizzazione Trump sia bandita dall’impegnarsi in transazioni immobiliari lì per cinque anni.

L’annuncio arriva dopo che la James – una democratica che si candida per la rielezione a novembre – ha rifiutato almeno un’offerta per risolvere la lunga indagine civile sulle pratiche commerciali della società.

Facendo saltare la causa sul suo sito Truth Social, Trump ha bollato la signora James, come razzista.

“Un’altra caccia alle streghe da parte di un procuratore generale razzista, Letitia James, che ha fallito nella sua corsa alla carica di governatore, ottenendo quasi zero sostegno dal pubblico”, ha scritto.

In effetti, l’indagine nei confronti dell’ex presidente che presentata accuse molto astratte, poco prima delle elezioni di mezzo termine, suona come una vera e propria caccia alle streghe.

I Trump hanno precedentemente accusato la signora James di perseguire una vendetta politica, citando osservazioni che ha fatto prima di essere eletta procuratore generale nel 2018 in cui ha promesso di citare in giudizio Trump e lo ha bollato come “presidente illegittimo”.

Su Twitter, Donald Trump Jr ha accusato la procuratrice di “armare il suo ufficio per perseguire i suoi oppositori politici”.

Sebbene Trump non sia al ballottaggio alle elezioni di medio termine di novembre, rimane la forza dominante nel Partito Repubblicano e alimenta speculazioni su un’altra corsa alla Casa Bianca nel 2024.

Ad agosto Trump ha rifiutato di rispondere alle domande durante un colloquio presso l’ufficio del procuratore generale connesso a questa indagine civile.

James ha affermato di aver ripetutamente invocato il suo diritto al Quinto Emendamento di non autoincriminarsi, confermando solo il suo nome.

James inoltre ha affermato che Eric Trump ha fatto lo stesso più di 500 volte in una deposizione del 2020.

Tristan Snell, un avvocato ed ex pubblico ministero che ha lavorato a un caso separato contro la Trump University, ha detto che la causa potrebbe richiedere un anno per andare in giudizio.

Ma il potenziale di un tale processo potrebbe limitare gravemente la capacità di Trump di fare affari a New York e trarre profitto dalle sue proprietà immobiliari a New York City.

Potrebbe innescare una serie di conseguenze finanziarie che gli renderebbero più difficile raccogliere capitali e mantenere il credito, ha detto Snell. La causa “potrebbe sicuramente essere rovinosa per lui”, ha detto Snell.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento