Home Attualità Stati Uniti e Russia, nuova collaborazione contro gli attacchi informatici. Biden: “Sono ottimista”

Stati Uniti e Russia, nuova collaborazione contro gli attacchi informatici. Biden: “Sono ottimista”

by Nik Cooper

Il presidente Joe Biden ha detto al presidente Vladimir Putin che gli Stati Uniti intraprenderanno “tutte le azioni necessarie” per fermare gli attacchi informatici dalla Russia.

Un giornalista ha chiesto a Biden dopo la telefonata di un’ora se la Russia avrebbe dovuto affrontare delle conseguenze, e lui ha detto: “Sì”.

Ma Mosca ha negato le affermazioni statunitensi di aver contattato ripetutamente i russi in merito agli attacchi informatici nell’ultimo mese. La telefonata di ieri tra Putin e Biden segue il loro incontro del mese scorso a Ginevra.

Viene anche in mezzo a un aumento degli attacchi, incluso uno che ha disabilitato 1.500 aziende questo mese.

“Gli ho detto molto chiaramente che gli Stati Uniti si aspettano che quando un’operazione ransomware provenga dal suo territorio, anche se non è sponsorizzata dallo stato, ci aspettiamo che agiscano se diamo loro abbastanza informazioni per agire su chi è, ” ha detto Biden dopo la telefonata.

Quando un giornalista ha chiesto se gli Stati Uniti potevano attaccare i server utilizzati dagli hacker, il presidente democratico ha risposto: “Sì”.

Ma dopo la telefonata di venerdì, il Cremlino ha affermato che gli Stati Uniti non avevano contattato Mosca per gli attacchi informatici.

“Nonostante la disponibilità della parte russa a reprimere congiuntamente l’attività criminale nella sfera informativa, nell’ultimo mese non sono state ricevute richieste dai dipartimenti statunitensi competenti”, si legge in una dichiarazione dell’ufficio di Putin.

Un alto funzionario degli Stati Uniti senza nome ha negato l’affermazione della Russia, dicendo all’agenzia di stampa AFP che l’amministrazione Biden aveva fatto “più richieste specifiche di azione”.

La dichiarazione del Cremlino ha aggiunto che entrambe le parti hanno sostenuto un’ulteriore cooperazione sulla sicurezza informatica, che la Russia ha affermato “deve essere permanente, professionale e non politicizzata e dovrebbe essere condotta tramite canali di comunicazione speciali… e nel rispetto del diritto internazionale”.

Una lettura dell’appello della Casa Bianca afferma che entrambe le parti hanno concordato un accordo che vedrà più aiuti umanitari per la Siria, il che significa che i due leader vedono opportunità di cooperazione, nonostante le tensioni sul cyberspazio.

Gli attacchi ransomware, in cui sindacati criminali dirottano i dati delle aziende e chiedono il pagamento per la restituzione, sono aumentati esponenzialmente negli ultimi anni.

Secondo gli Stati Uniti, molti dei peggiori aggressori provengono dalla Russia e spesso operano con una tacita conoscenza, un’approvazione uniforme, da parte dei servizi di sicurezza russi.

Biden ha detto ieri che la chiamata è arrivata come parte di un nuovo “mezzo di comunicazione più diretto”.

La nuova connessione, ha affermato Biden, consente a ciascuna parte di “comunicare tra loro quando ognuno di noi pensa che stia accadendo qualcosa nell’altro paese. “Sono ottimista”, dice il presidente degli Stati Uniti.

Il messaggio che Biden ha detto di aver consegnato venerdì era simile al messaggio che ha portato quando i due leader hanno tenuto il loro primo incontro faccia a faccia il mese scorso in Svizzera.

Da allora, il gruppo di hacking REvil con sede in Russia o nell’Europa orientale ha scatenato un attacco massiccio che ha causato interruzioni in tutto il mondo.

L’hacking ha esercitato una maggiore pressione su Biden affinché facesse qualcosa per contrastare le minacce.

Durante l’incontro del signor Biden a Ginevra il mese scorso, ha fornito ai russi un elenco di 16 settori che non devono essere attaccati.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento