Home Attualità Sir Elton John si ribella all’ipocrisia del Vaticano sulle unioni gay

Sir Elton John si ribella all’ipocrisia del Vaticano sulle unioni gay

by Nik Cooper

Sir Elton John ha mosso la sua accusa contro il Vaticano dopo aver dichiarato che la Chiesa cattolica non può benedire le unioni dello stesso sesso perché Dio “non può benedire il peccato”.

La star, che ha sposato il suo partner di lunga data David Furnish nel 2014, afferma che la posizione è ipocrita poiché il Vaticano ha investito “milioni” nel suo film biografico del 2019 Rocketman.

Sir Elton ha pubblicato una dichiarazione sui social media dopo che l’ufficio ortodosso del Vaticano, la Congregazione per la dottrina della fede, ha rilasciato una risposta formale alla domanda se il clero cattolico possa benedire le unioni gay.

La risposta, contenuta in una spiegazione di due pagine pubblicata in sette lingue e approvata da Papa Francesco, è stata “negativa”.

Scrivendo su Instagram, Sir Elton ha detto: “Come può il Vaticano rifiutare di benedire i matrimoni gay perché ‘sono peccato’, ma trarre felicemente un profitto dall’investire milioni in Rocketman – un film che celebra la mia scoperta della felicità dal mio matrimonio con David ?? #ipocrisia”. Il cantante, 73 anni, ha taggato sia la Chiesa cattolica che Papa Francesco nel suo messaggio.

Un rapporto che il Vaticano ha investito in Rocketman, così come in Men in Black: International, è stato pubblicato su un quotidiano italiano nel 2019 e seguito da punti vendita, tra cui The Daily Beast negli Stati Uniti. Sir Elton ha incluso un’immagine di questo rapporto nel post di Instagram ai suoi 3,2 milioni di follower.

Rocketman, interpretato da Taron Egerton come cantante, è stato un successo di critica e commerciale, con Egerton che ha vinto un Golden Globe per la sua performance.

Il film, che presentava una scena di sesso tra Egerton e il suo co-protagonista, Richard Madden, è stato elogiato per il suo ritratto dell’omosessualità di Sir Elton.

Sir Elton e Furnish si sono sposati nel 2014 dopo che il matrimonio gay è stato legalizzato in Gran Bretagna. La coppia ha due figli, Zaccaria ed Elia.

Nella sua spiegazione sulle unioni dello stesso sesso, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha detto che Dio “non può benedire il peccato”.

Il decreto distingueva tra l’accoglienza della Chiesa e la benedizione dei gay, che ha accolto, ma non le loro unioni.

“La presenza in tali rapporti di elementi positivi, di per sé da valorizzare e apprezzare, non può giustificare questi rapporti e renderli legittimi oggetti di una benedizione ecclesiale, poiché gli elementi positivi esistono nel contesto di un’unione non ordinata al Creatore piano”, ha detto.

Dio “non benedice e non può benedire il peccato: benedice l’uomo peccatore, in modo che possa riconoscere che fa parte del suo piano d’amore e lasciarsi cambiare da lui”, ha aggiunto.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento